Home Lifestyle Vincenzo Oste, visionario designer di gioielli, del Borgo dei Vergini a Napoli

Vincenzo Oste, visionario designer di gioielli, del Borgo dei Vergini a Napoli

1149
Tempo di lettura: 2 minuti
Vincenzo Oste, visionario designer di gioielli, del Borgo dei Vergini a Napoli

Incontro con Vincenzo Oste, abile designer di gioielli, apprezzatissimo per il suo essere visionario e decisamente non convenzionale.

I Gioielli Contemporanei Vincenzo Oste affondano le radici nell’influenza dell’intera famiglia Oste, il cui artista di riferimento è Annibale Oste, è stato uno sculture e designer di fama mondiale. Ci racconta con emozione di aver scelto restare a lavorare nel Borgo dei Vergini, a Napoli sorprendendoci con una frase che denota un profondo senso di appartenenza al territorio: “Ho scelto con grande amore di restare nella multiforme anche se a tratti dolente e deturpata bellezza, del mio quartiere.”

Vincenzo Oste tesse le lodi del quartiere Sanità, un luogo del quale ci dice: “Si respira un’energia particolare, una creatività pulsante, un grande lascito dei nostri avi creci che qui scelsero di fondare gli ipogei, antichi siti cimiteriali sotterranei”. Nella Napoli greca divisa in fratrie, aveva infatti qui sede la Fratellanza degli Eunostidi, posti sotto la tutela del Dio Eunosto, e votati alla castità. Nei pressi, si seppellivano in ipogei i maschi casti della fratria (da quì Borgo dei Vergini).

Uno di questi ipogei ellenistici, si trova proprio sotto il laboratorio di Vincenzo Oste: “Mi piace pensare che parte dell’energia creativa che la mia famiglia investe nel proprio lavoro da decenni, venga proprio da quel meraviglioso ipogeo greco sul quale sorge il mio laboratorio. Luogo di particolare energia ed importante crocevia di turisti, che sostano nel mio laboratorio, non solo ad acquistare le mie creazioni, ma anche a discutere di storia, arte e bellezza a tutto tondo”.

Abbiamo poi chiacchierato con Vincenzo Oste di Web e di marketing territoriale a Napoli, confrontandoci anche sul progetto Napoli fashion on the road, che nell’ultimo biennio si è ampiamente diffuso per la sua portata innovativa e che prossimamente sarò argomento di dibattito con studenti di due importanti Atenei Campani:

“Sarà innegabilmente anacronistico, ma sono uno che ama il classico “passaparola”. Tuttavia è doveroso ritenere il Web uno strumento fondamentale, che ritengo possa aiutare sempre di più nell’attività di marketing culturale internazionale collegata alla nostra splendida città. Le presenze turistiche a Napoli negli ultimi anni, specie nel quartiere Sanità devo dire, sono cresciute in maniera esponenziale. Ritengo inoltre che un’attenta promozione culturale, mirata alla bellezza, non possa far altro che generare un ulteriore e potente “passaparola” tra i già innamoratissimi turisti stranieri che ho l’opportunità di conoscere quotidianamente grazie al mio lavoro”.

Auguriamo a Vincenzo Oste di portare avanti nel migliore dei modi la sua attività artistica di creazione di Gioielli Contemporanei, con lo stesso piglio e lo stesso fervore che hanno contraddistinto nei decenni, la famiglia Oste.

Rispondi