Abwoon d'bwashmaya, le vibrazioni del Padre Nostro in aramaico.

Abwoon d’bwashmaya, le vibrazioni del Padre Nostro in aramaico

Abwoon d’bwashmaya, le vibrazioni del Padre Nostro in aramaico. Secondo gli studi di Suchinta Abhayaratna si tratta di un’esperienza di guarigione fortemente mistica.

Abwoon d’bwashmaya: Una traduzione più accurata del Padre Nostro dall’aramaico, la lingua parlata da Gesù, fornisce intuizioni sorprendentemente nuove sulla natura della divinità e del cielo e libera lo spazio per far sì che essi vivano in noi.

Prendiamo, per esempio, la prima riga: Abwoon d’bwashmaya (Padre nostro che sei nei cieli). La preghiera inizia con la benedizione che emana dal divino creatore. L’antica radice mediorientale ab si riferisce a tutti i frutti, a tutte le germinazioni che provengono dalla fonte dell’Unità. Questa radice è stata usata nella parola aramaica per indicare il padre-abba personale o spirituale, ma la sua radice non specifica un genere. Essa indica, al di là dei nostri concetti di maschio e femmina, un processo di nascita cosmico. Invitiamo all’ascolto della versione di Abwoon d’bwashmaya cantata dall’artista Angelika, allegata quì di seguito.

Abwoon d’bwashmaya

Abwoon d’bwashmaya
Nithqadash shmakh
Tey tey malkhutha
Neqwe sebyanach aykanna
d’bwashmaya aph b’arah.
Havlaan lachma d’sunqanaan yaomana,
Washboqlan khaubeyn (wachtaheyn)
Aykana daph ……khayyabayn.
Welaa tahlaan l’nesyuna
Ela patzan min bisha.
Metool dilakhie malkhutha
Wahayla, wateshbukhta
Al ahlam almin. Ameyn!!

Caravaggio – “Incredulità di San Tommaso.”

La parola Abwoon ha quattro parti al suo suono: 1) a: l’assoluto, unico essere, pura unità e unità, fonte di ogni potere e stabilità, che riecheggia la parola aramaica per Dio, Alaha, letteralmente, l’unità; 2) bw: un parto, creazione, un flusso di benedizione, come dall’interno di questa unità verso di noi; 3) oo: il respiro o spirito che porta questo flusso, che riecheggia il suono del respiro e include le forze che chiamiamo magnetismo, vento, elettricità, e altro ancora. Questo suono è legato alla frase aramaica tradotta più tardi come spirito santo; 4) n: la vibrazione di questo respiro creativo dall’unità mentre tocca e si compenetra. Questo suono fa eco alla terra, e il corpo vibra mentre intoniamo lentamente il nome intero.

Leonardo Da Vinci – “Salvator Mundi”.

Il resto della frase completa il moto della Abwoon d’bwashmaya. La radice centrale di d’bwashmaya è nel mezzo, shm. Shm può significare luce, suono, vibrazione, respiro, nome o parola. Indica ciò che sorge e risplende nello spazio. In questo senso, il nome include il suono, la vibrazione o l’atmosfera, e il segno o il nome che rende Abwoon conoscibile è l’intero universo. L’aya finale mostra che questo luccichio include ogni centro di attività, ogni luogo che vediamo, così come le capacità potenziali di tutte le cose. Così shmaya, la vibrazione o parola con cui possiamo riconoscere l’unicità – il nome di Dio – è l’universo, e questa è la concezione aramaica del cielo, la vibrazione radiante che risplende attraverso l’intero universo. Poiché l’aramaico è una lingua di vibrazione, è particolarmente importante intonarla ad alta voce. La preghiera è una pratica di sintonia con la vibrazione divina, diventando un tutt’uno con la fonte di tutta la creazione. Per questo motivo chiamo questo giorno a parte “mettersi sulla lunghezza d’onda di Dio”, e parteciperemo a ciò che Neil Douglas-Klotz, un sufi madrelingua aramaico, chiama nel suo libro Preghiere del Cosmo “preghiere del corpo“, che ci incoraggiano a partecipare al suono e al sentimento delle parole, così come al loro significato intellettuale o metaforico. Sperimentare le parole con tutto noi stessi in quello che Douglas-Klotz chiama un livello di interpretazione mistico o universale è importante se vogliamo avvicinarci all’esperienza che il pubblico di Gesù avrebbe avuto.

Gesù Cristo in preghiera.

Nell’antichità come oggi, le preghiere vengono cantate da ebrei, musulmani e cristiani ortodossi orientali e da molte altre tradizioni religiose. Il suono sacro, sia come preghiera, musica, canto, canto o incantesimo, è una forza vitale che permea tutti gli aspetti della creazione .Si dice che gli Esseni, che erano noti per essere potenti guaritori, siano stati istruiti nelle arti mistiche del suono e della natura. Come già detto, è probabile che Gesù stesso sia stato un membro della comunità degli Esseni, e che quindi abbia anche imparato queste arti. Che sia stato così o no, nel cantare la preghiera nella sua forma aramaica, come Egli l’ha data, essa è notevolmente ricca di lunghi suoni vocalici che portano risonanza.

Esseni.

Mettendo in relazione la codifica a colori dei suoni delle vocali nella preghiera con il grafico del chakra sottostante, diventa evidente che c’è una saturazione di verde tra i suoni delle vocali, che indica una grande proporzione di suoni ah che risuonano con e nel chakra del cuore, il centro del nostro essere e il centro dell’amore, della gioia, della compassione e del perdono. Tutti i lunghi suoni vocalici si trovano nelle ultime tre linee, influenzando ognuno dei chakra e risuonando attraverso di essi.

Secondo gli studi di Suchinta Abhayaratna, cantare il Padre Nostro in aramaico può essere un’esperienza di guarigione fortemente mistica. L’intenzione è quella di essere canali per le qualità divine dell’amore incondizionato, della compassione, della pace, dell’armonia e della grazia guaritrice sul nostro pianeta, come fece Gesù.

Abwoon d’bwashmaya in aramaico.

Lo studioso Rocco Errico interpreta il termine “slotha”, la parola aramaica che significa preghiera, come “mettere la mente in trappola per catturare i pensieri di Dio”  e lo definisce ulteriormente come “uno stato d’animo in cui tutti noi abbiamo ancora pensieri personali e non cerchiamo di proiettare nulla verso l’esterno”, e “uno stato d’allerta di totale sensibilità e attenzione”. Scrive: “Preparare una trappola per Dio” suggerisce che possiamo intrappolare tutto l’amore, la gioia, la verità, la pace, l’energia e la compassione di cui abbiamo bisogno quando siamo ricettivi a tutto ciò che è.

La preghiera Abwoon d’bwashmaya è una potente forza energetica per unificare le parti frammentate di noi stessi, le nostre famiglie, le nostre comunità, i nostri paesi,  il nostro mondo con un grande potenziale di guarigione per i tempi difficili in cui viviamo oggi. In un momento in cui il nostro pianeta soffre di numerose guerre, disastri naturali, devastazioni ambientali e conseguenti sofferenze umane, questa preghiera offre all’uomo un sostegno energetico, vibrazionale e alchemico per proiettare la Sacra Unità sul nostro pianeta. Sfruttando l’energia delle intenzioni di Gesù e delle parole date ai suoi seguaci più di duemila anni fa in Galilea, esprimiamo le nostre intenzioni di manifestare l’unità tra la Divinità e l’umanità, e di portare la pace e l’armonia del cosmo in allineamento con il piano terrestre. Cantando le parole aramaiche originali della preghiera, diamo un suono creativo all’intenzione e mettiamo in moto un’alchimia vibrazionale nel corpo, nella mente e nello spirito attraverso la quale l’uomo può trasformarsi e trascendere per sperimentare il mistero divino della Sacra Unità definita Alaha.



Vi ricordiamo che con Amazon Prime potrete avere spedizioni gratuite in 24 ore lavorative su migliaia di prodotti oltre a servizi extra come Amazon Prime Video. I primi 30gg sono gratuiti. Iscriviti Gratuitamente ad Amazon Prime per 30gg.


Con Amazon Kindle Unlimited hai letture illimitate da qualsiasi dispositivo: IOS, Android, PC. Scegli tra più di un milione di titoli e leggi dove e quando vuoi con l’app di lettura Kindle.
In promozione per 2 mesi GRATIS!
Poi rinnovi a 9,99€ al mese oppure puoi annullare l’iscrizione in qualsiasi momento.

Zeen is a next generation WordPress theme. It’s powerful, beautifully designed and comes with everything you need to engage your visitors and increase conversions.

Top Reviews

Altre storie
Comune di Napoli e Società calcio Napoli ai ferri corti: ultimo diverbio il Concerto di Nino D'Angelo del prossimo 24 giugno al San Paolo.
Comune di Napoli e Società calcio Napoli ai ferri corti: ultimo diverbio Concerto di Nino D’Angelo