Home Mangiando mangiando La frittata di maccheroni, piatto tipico partenopeo, goduria del palato

La frittata di maccheroni, piatto tipico partenopeo, goduria del palato

865
Tempo di lettura: 2 minuti

La frittata di maccheroni, piatto tipico partenopeo, goduria del palato. E’uno di quei cibi da riciclo che piace a tutti: di solito si prepara con la pasta avanzata, aggiungendo uova, olio, sale, parmigiano, provola, noce di burro e salame. Gli spaghetti rappresentano il formato di pasta più gettonato per la sua preparazione.

La frittata di maccheroni rappresenta un piatto immancabile nel ricettario della cucina tipica, semplice e genuina napoletana. Essa  trova le sue  origini nei tempi antichi e nasce dalla necessità del popolo meno abbiente  di riciclare la pasta avanzata, tuttavia si ottiene un ottimo risultato anche usando la pasta appena scolata. In verità i napoletani, parlando di  “maccheroni”  indicavano la pasta lunga trafilata a bronzo, come gli spaghetti, i bucatini, le linguine, i vermicelli, i quali venivano mangiati, dal popolo, senza forchetta, semplicemente con le mani, presso  i banchetti dei cosiddetti “maccheronari“, che cuocevano la tradizionale frittata di maccheroni in grandi pentoloni e la servivano agli avventori con formaggio grattugiato e pep;, oggi diremmo un vero e proprio street food.
Con il trascorrere degli anni la frittata di maccheroni ha assunto il nome frittata di pasta perchè prende spunto  dalla saggezza popolare che vuole che  “a tavola non si butti via nulla. Pertanto usando qualsiasi tipo di pasta con l’aggiunta di uova, olio, sale, formaggi e pepe è nato un piatto preparato con degli avanzi che è una vera goduria del palato. Non c’è un napoletano che non ami la frittata di maccheroni o di pasta. Come detto in precedenza, le massaie napoletane si servono nella maggior parte dei casi della pasta lunga ma niente impedisce di usare il formato di pasta che più  piace o quello avanzato del giorno prima, a prescindere.
Per donare a questo piatto un pizzico di sapore in più qualcuno ci mete anche un po’ di caciocavallo sorrentino e salame napoletano, per dare, inoltre, anche, un tocco personale. Spesso e volentieri qui a Napoli ed in Campania la frittata di maccheroni viene preparata in occasione  delle gite fuori porta, per i picnic ed anche quando, in estate, si va al mare. In questo caso frittata di maccheroni e cotoletta rappresentano il pranzo da consumarsi, anche freddo, sui lidi o sule spiagge libere.
Concludendo, possiamo sicuramente affermare  che questo piatto tipico napoletano è un vero comfort food, ossia un piatto che ci coccola. In particolare i bambini ne vanno matti, sentire quel profumo che emana appena pronta, ci estasia nel vero senso della parola. Provare per credere!

Rispondi