Home Cultura Termopolio a Pompei: è stato riportato alla luce qualche giorno fa

Termopolio a Pompei: è stato riportato alla luce qualche giorno fa

736
Tempo di lettura: 2 minuti
Pompei riportato alla luce un altro antico Termopolio in cui è emersa la figura di una Nereide-1

Termopolio a Pompei: è stato riportato alla luce qualche giorno fa. Un’ulteriore testimonianza della vita quotidiana dei pompeiani; il ritrovamento è avvenuto nello slargo che funge da incrocio tra il vicolo delle Nozze d’argento ed il vicolo dei Balconi, oramai riportato in superficie nel cantiere di scavo. 

Termopolio a Pompei: ogni giorno viene alla luce una nuova scoperta: un altro antico Termopolio, come già detto in un precedente articolo, una sorta di fast food dei nostri giorni, è stato rinvenuto nello slargo che funge da incrocio tra il vicolo delle Nozze d’argento ed il vicolo dei Balconi, oramai riportato interamente  in superficie nel cantiere di scavo. L’ennesima scoperta di questi luoghi di ristoro, finora ne sono stati rinvenuti ben ottanta, rappresenta un’ulteriore testimonianza della vita quotidiana dei pompeiani di un tempo, avvezzi a mangiare, spesso e volentieri fuori casa.

Nel termopolio in questione sono stati ritrovati dei nuovi dipinti i quali raffigurano su di un lato, una meravigliosa figura di una Nereide, ovvero una ninfa marina, a cavallo e dall’altro la probabile raffigurazione delle attività commerciali che si tenevano, alcune migliaia di anni fa, appunto in questa specie di tavola calda. Intanto il direttore ad interim del Parco degli scavi archeologici di Pompei  Alfonsina Russo ha così commentato il’ennesimo ritrovamento:

“Il rinnovarsi dei rinvenimenti di questi termopoli con relativi  oggetti che accompagnavano la loro attività commerciale continua a trasmettere emozioni intense che ci riportano a quegli istanti tragici dell’eruzione, che pur ci hanno consegnato testimonianze uniche della straordinaria civiltà dell’antica Roma”.

I termopoli, luoghi in cui si servivano bevande e cibi caldi, come indica lo stesso termine di origine greca, erano molto diffusi nel mondo romano, tuttavia anche nel ventunesimo secolo, fast food, tavole calde, punti di ristoro mordi e fuggi ve ne sono in enorme quantità in tutto il mondo e sono molto frequentati. Insomma si tratta di un retaggio lasciatoci dagli antichi romani.

Rispondi