Home Calcio Benevento crisi senza fine, lo zero in classifica spaventa società e tifoseria

Benevento crisi senza fine, lo zero in classifica spaventa società e tifoseria

236
Tempo di lettura: 1 minuto
Benevento crisi senza fine, lo zero in classifica spaventa società e tifoseria

Benevento crisi senza fine, settima sconfitta di fila e lo zero in classifica, ora  spaventa la tifoseria giallorossa che non merita affatto una squadra da retrocessione.

Benevento crisi senza fine che non conosce purtroppo momenti positivi. Da sette giornate, ossia dall’inizio di campionato, gli uomini di Baroni, perdono puntualmente la loro gara, senza mai riuscire a mettere in difficoltà gli avversari di turno, che siano di alta  di bassa classifica. Il Benevento crisi senza fine, oggi preoccupa non poco la società ed i tifosi, che la serie A, la meritano e come. L’ultimo k.o. interno con la formazione nerazzurra di Luciano Spalletti, però sembra aver dato un barlume di speranza,in ottica futuro. La squadra ha mostrato piccoli miglioramenti che da un momento all’altro potrebbero cancellare quello zero in classifica che mortifica una città intera.

Questo momento così negativo, per la legge dei grandi numeri, deve per forza finire. Un pò ci sono messi di mezzo gli infortuni ad elementi chiave come Ciciretti, Antei e Iemmello, un pò, invece, le prestazioni della squadra molto  al di sotto delle aspettative e delle potenzialità, hanno mostrato un Benevento crisi senza fine. La crisi senza fine del fanalino di coda della Serie A è stata evidenziata perfino dalla gara amichevole disputata  contro la formazione del Fregene, che milita nel campionato dilettantistico, giocata la settimana scorsa e persa per 1 a 3.

Adesso c’è la sosta per le nazionali, il campionato riprenderà soltanto sabato 15 ottobre, con l’ottava giornata. Il Benevento ha tutto il tempo per cercare di ritemprarsi e credere di più nella propria forza. Nulla è ancora perduta ma occorre che potrebbe anche arrivare dalla panchina con il cambi dell’allenatore, ora è soltanto una voce ma se Baroni non inverte la marcia, ci sarà poco da fare , il primo a pagare a caro prezzo, sarà ovviamente lui.

Rispondi