Home Mangiando mangiando Napoli e la caffettiera, un legame imprescindibile da cui è difficile sottrarsi

Napoli e la caffettiera, un legame imprescindibile da cui è difficile sottrarsi

316

Napoli e la caffettiera rappresentano un legame imprescindibile. Per il popolo partenopeo non può esistere l’una senza l’altra.

La città di Napoli e la caffettiera costituiscono un legame imprescindibile da tempo immemore. Non può, infatti, esistere per il popolo napoletano l’una senza l’altra. Napoli e la classica caffettiera napoletana vanno sempre a braccetto dal momento che il caffè costituisce un’autentica tradizione tramandata di generazione in generazione, assieme alla caffettiera di casa. Non c’è famiglia, nel capoluogo campano che, alla mattina presto, non diffonda tra le mura domestiche quell’ammaliante profumo di caffè proveniente dalla macchinetta sul fuoco.

Tuttavia da qualche anno a questa parte la tradizionale caffettiera è stata soppiantata dalle moderne macchine per il caffè oppure dalla classica moka. Però malgrado il gusto di questi nuovi strumenti sia soggettivo, è certo che il sapore di un caffè fatto con caffettiera è assolutamente diverso rispetto a quello fatto con una macchina di nuova generazione. In realtà il caffè della classica caffettiera napoletana è un po’ più lungo e conserva meno aromi. Ma la fase della preparazione del caffè dovuto alla tradizione è pura arte. A conferma di ciò viene citata la nota commedia dal titolo “Questi Fantasmi” scritta nel 1945 da Eduardo De Filippo in cui troviamo queste parole:

Sul becco io ci metto questo “coppitiello” di carta … il fumo denso del primo caffè che scorre, che è poi il più carico non si disperde. Come pure … prima di colare l’acqua, che bisogna farla bollire per tre quattro minuti, per lo meno, … nella parte interna della capsula bucherellata, bisogna cospargervi mezzo cucchiaino di polvere appena macinata, … in modo che, nel momento della colata, l’acqua in pieno calore già si aromatizza per conto suo.”

Infatti per avere un buon caffè occorre chiudere il beccuccio della caffettiera  in modo tale da non far uscire l’aroma  e mantenere tutto il suo sapore anche dopo la preparazione. Insomma nonostante la tecnologia ed il progresso Napoli e la caffettiera non cedono il passo.

Rispondi