Home Motori GP Bahrain, la Rossa di Maranello sorprende ancora, Vettel trionfa

GP Bahrain, la Rossa di Maranello sorprende ancora, Vettel trionfa

492
Tempo di lettura: 2 minuti
GP Bahrain, la Rossa di Maranello sorprende ancora, Vettel trionfa davanti a Hamilton e Bottas

GP Bahrain, la Rossa di Maranello sorprende ancora, Vettel trionfa davanti a Hamilton e Bottas

Nel Gran Premio del Bahrain, terza tappa della nuova stagione di Formula 1, giunge il secondo successo della Rossa di Maranello. Sul circuito di Sakhir, la Ferrari di Sebastian Vettel taglia il traguardo davanti ad Hamilton e Bottas. Grande rimonta dell’altro ferrarista Raikkonen, che  finisce al 4° posto, dopo una partenza fasulla che lo aveva fatto retrocedere in settima posizione. Per la cronaca su Hamilton ha gravato la penalizzazione di cinque secondi, comminatagli durante la gara, per aver rallentato in pit-lane Ricciardo. Questo è stato il momento chiave del Gran Premio del Bahrain.

Per il pilota tedesco della Rossa si tratta del quinto successo e del ventitreesimo podio, raggiunti con la scuderia di Maranello. Pertanto Sebastian Vettel, diventa, rispettivamente decimo e ottavo nelle classifiche della storia della Ferrari. Per il rivale di Hamilton, complessivamente, è la quarantaquattresima vittoria e l’ottantanovesimo podio della sua brillantissima carriera, inoltre, nella classifica generale, all time, il tedesco, occupa, rispettivamente il quarto e quinto posto. Infine, quello di ieri, è stato il suo terzo successo  nel Gran Premio del Bahrain, che diventa quindi l’ottavo circuito in cui ha conquistato, almeno,  tre vittorie in carriera.

Dal canto suo, l’altro pilota della Rossa  Kimi Raikkonen, eterno deluso, conquista la sua ventitreesima “medaglia di legno” della sua carriera, il quarto dato più alto nella storia della Formula 1. Bottas pur essendo stato  in testa per più giri, in Bahrain, che in qualsiasi altro GP, in carriera, sale soltanto sul terzo gradino del podio. Per il britannico della Mercedes Hamilton, l’essere stato, ancora secondo, dietro all’amico – nemico, Vettel gli ha procurato non poca amarezza. Tuttavia il pilota inglese deve recitare il mea culpa, per aver indotto i giudici di gara ad infliggergli quella penalizzazione che ha sicuramente influito sul risultato finale,

La gara del circuito di Sakhir, è iniziata con una gran partenza di Sebastian Vettel, che supera Hamilton e guadagna la seconda posizione. Il pilota tedesco si è subito lanciato all’inseguimento di Bottas, disputando una gara priva di errori: Vettel è partito con decisione al via, gestendo ed amministrando nel finale di gara il vantaggio accumulato, un margine sufficiente per non permettere ad Hamilton di tallonarlo da vicino. Alle spalle di Bottas, terzo classificato sono giunti, dopo  Kimi Raikkonen (Ferrari), Daniel Ricciardo (Red Bull), Felipe Massa (Williams), Sergio Perez (Force India), Romain Grosjean (Haas), Nico Hulkenberg (Renault) ed Esteban Ocon (Force India).

Rispondi