Covid 19 psychological impact- psiche e pandemia. Ospite il Dott. Mauro Idone
painting -Peter Wever, 1950 |Embrace.

Covid 19 psychological impact. Psiche e pandemia. Idee meravigliose.Ospite Dott. Idone

Abbiamo intervistato il neuropsichiatra Dott. Mauro Idone, il quale ci ha aiutato a comprendere meglio la questione.

Covid 19 psychological impact: psiche e pandemia. Ospite il neuropsichiatra Dott. Mauro Idone. Video intervista in italiano e inglese.

Covid 19 psychological impact. Idee Meravigliose: Scoprire, Assistere, Partecipare. Questo il nome del progetto web della start-up italiana della comunicazione Curtis & Moore Italia e del web magazine Crono.news. Idee Meravigliose è basato sulla produzione periodica di un event web. Una serie votata alla divulgazione, sviluppata esclusivamente, attraverso la rete internet, di argomenti riguardanti: Spiritualità, Musica, Archeologia, Scienza, Tecnologia, Cinema, Arte, Salute, Natura, Crescita personale, Umanità, Società, Identità, Comunità.

JOIN our Facebook Group: Meditation Mindfulness Yoga Mantra 

Il Covid-19 ha aumentato l’ansia per molti di noi, e gli esperti avvertono che una minoranza considerevole potrebbe rimanere con problemi di salute mentale anche dopo la pandemia. Abbiamo intervistato il neuropsichiatra Dott. Mauro Idone, il quale ci ha aiutato a comprendere meglio la problematica.

Stress. Testimonianze.

Dal cenare fuori al ristorante con il proprio partner ed i proprio parenti al frequentare i club del libro con gli amici, Susan Kemp aveva una vita sociale attiva prima del Covid-19. Da aprile, ha lasciato il suo appartamento vicino a Stoccolma solo cinque volte, dopo aver sperimentato un enorme aumento di ansia sociale e comportamenti ossessivi compulsivi basati sulla germafobia durante la pandemia. 

Clicca sull’immagine ed acquista Mantra T Shirt. Atman è l’essenza di un individuo, Brahman è uno spirito o una coscienza immutabile e universale che sta alla base di tutte le cose, secondo l’induismo. Ma non sono sempre pensati come distinti; in alcune scuole di pensiero indù, Atman è Brahman.

“È come se questo stress extra mi facesse superare un punto di rottura che prima ero in grado di gestire meglio”, dice Kemp, una copywriter e studentessa part-time sulla trentina. È diventata pietrificata dal prendere i trasporti pubblici, più preoccupata per la pulizia di posate e bicchieri e trova immagini di cellule di coronavirus scatenanti. “Il sintomo principale è che inizio a piangere. Mi sento proprio come se stessi per morire, e poi piango uno di quei pianti in cui il tuo corpo e i tuoi polmoni si sentono doloranti dopo”, dice. Questo è accoppiato con una forte delusione che lei è “regredita” e una paura che potrebbe richiedere anni prima di sparire definitivamente.

Mentre molti di noi sono diventati un po’ più ansiosi durante la Covid-19, le esperienze di Kemp evidenziano che per alcuni, la pandemia ha innescato o amplificato problemi di salute mentale molto più gravi. E gli psicologi sono sempre più preoccupati che questi possano persistere a lungo termine. 

Steven Taylor, autore di The Psychology of Pandemics, e professore di psichiatria all’Università della British Columbia, sostiene che “per una sfortunata minoranza di persone, forse dal 10 al 15%, la vita non tornerà alla normalità”, a causa dell’impatto della pandemia sul loro benessere mentale. L’Istituto Black Dog dell’Australia, un’importante organizzazione indipendente di ricerca sulla salute mentale, ha anche sollevato preoccupazioni per “una minoranza significativa che sarà colpita da ansia a lungo termine”. Nel Regno Unito, un gruppo di specialisti di spicco della salute pubblica ha recentemente avvertito nel British Medical Journal che “l’impatto della pandemia sulla salute mentale probabilmente durerà molto più a lungo dell’impatto sulla salute fisica”. 

Imparare dalla storia.

Covid 19 psychological impact. Una ragione per cui gli psicologi sono preoccupati per il potenziale impatto a lungo termine di Covid-19 è l’intuizione esistente da precedenti pandemie ed emergenze nazionali.  L’epidemia globale di SARS nel 2003 è stata associata a un aumento del 30% dei suicidi nelle persone di età superiore ai 65 anni. Strategie come la quarantena, necessarie per minimizzare la diffusione virale, possono avere un impatto psicologico negativo, come causare sintomi di stress post-traumatico, depressione e insonnia. La perdita del lavoro e le lotte finanziarie durante una recessione economica globale sono state associate a un declino duraturo della salute mentale. 

“Storicamente, gli effetti negativi sulla salute mentale dei disastri hanno un impatto maggiore sulle persone e durano molto più a lungo degli effetti sulla salute”, spiega Joshua C Morganstein, vicedirettore del Centre for the Study of Traumatic Stress nel Maryland, USA. “Se la storia è un predittore, dovremmo aspettarci una significativa ‘coda’ di bisogni di salute mentale che continuano molto tempo dopo che l’epidemia infettiva si risolve”.

Quali problemi a lungo termine saranno legati al Covid-19? 

Per quanto riguarda quali problemi di salute mentale collegati alla pandemia di Covid-19 hanno maggiori probabilità di durare nel lungo termine, gli psicologi ritengono che il disturbo ossessivo-compulsivo potrebbe essere uno dei principali candidati. 

Taylor spiega che questo potrebbe avere un impatto a lungo termine, a causa del fatto che l’OCD nasce da un’interazione tra geni e fattori ambientali. “Per le persone con una predisposizione genetica verso alcune forme di OCD (cioè ossessioni di contaminazione e compulsioni di pulizia) lo stress di Covid-19 è probabile che scateni o peggiori l’OCD”, dice. “Alcune di queste persone diventeranno germafobici cronici a meno che non ricevano un adeguato trattamento di salute mentale”. 

Yoga and Christian Meditation
Clicca sull’immagine. Cristiano Luchini – “I giorni della gentilezza” – versione in Italiano. Colorate istantanee dell’immaginazione; piccole storie di vita e di persone permeate da spiritualità, emozione e amore. Esse sono accompagnate da bellissime illustrazioni realizzate da eccellenti artisti provenienti da 13 paesi dei 5 continenti.

Accanto all’OCD, che è una manifestazione dell’ansia, “l’ansia generale è anche un problema di salute mentale molto importante a cui fare attenzione”, aggiunge Yuko Nippoda, psicoterapeuta e portavoce del Consiglio britannico per la psicoterapia. “Ci sono molte persone che soffrono di ansia già nella nostra società moderna, ma a causa di questa malattia mortale, le persone che tendono a sentirsi ansiose più facilmente continueranno a sentirsi così e la condizione potrebbe peggiorare”, dice. “Anche quando la pandemia di Covid finirà, alcune persone potrebbero essere troppo ansiose, a causa della minaccia di un ceppo variante”.

L’isolamento sociale.

Covid 19 psychological impact. L’isolamento sociale causato dall’isolamento sarà probabilmente una sfida per alcune persone dopo la pandemia. La solitudine cronica causata dall’isolamento sociale o “una mancanza di significato” nella vita durante la pandemia è un’altra grande preoccupazione, dice Nippoda. Alcune persone si sono involontariamente trovate con meno connessioni strette nell’era del social-distancing e possono trovare difficile ricostruire le loro reti. Altri si sono deliberatamente ritirati dal mondo esterno per sentire “un senso di sicurezza” e possono diventare resistenti ad aumentare le loro interazioni sociali in futuro, dice Nippoda. “Quando le persone sperimentano lo stress nel mondo esterno, possono distaccarsi da quel mondo. Una volta che sperimentano questo distacco, potrebbe essere difficile per loro uscire nel mondo e socializzare con gli altri”. 

Nel frattempo, lo stress di vivere attraverso il Covid-19 è probabile che abbia un maggiore pedaggio mentale continuo su coloro che hanno avuto esperienze di vita dolorose in passato. “Potrebbe innescare il ricordo del trauma consciamente e inconsciamente, il che può influenzarti. In questo caso, le condizioni di salute mentale possono diventare a lungo termine, perché può aprire il coperchio del trauma”, spiega Nippoda. 

Ho solo questa paura costante di perdere di nuovo qualcuno”, dice Lindsey, 35 anni, di New York, che ha perso un partner per suicidio nel 2014.   Dopo diversi anni di consulenza, sentiva che “la vita stava andando avanti“, ma ora si ritrova “molto nervosa” ogni volta che il suo nuovo compagno esce di casa. “Ovviamente, sai, non morirà quando sarà fuori. Ma c’è ancora la paura che possa succedere qualcosa, che possa prenderlo [il Covid-19] e stare molto male. Ed è lo stesso con la famiglia e gli amici“. 

La continua disoccupazione o la perdita di reddito (causata dagli effetti economici a catena della pandemia) può influenzare anche il benessere a lungo termine. Numerosi studi pre-Covid-19 collegano questi fattori a depressione, stress o pensieri suicidi. Recenti dati di sondaggi negli Stati Uniti hanno scoperto che più della metà di coloro che erano senza lavoro o avevano il loro reddito ridotto durante la pandemia avevano già riportato impatti negativi sulla salute mentale, con tassi ancora più alti tra coloro che avevano stipendi più bassi. 

Gli psicologi sottolineano che la natura senza precedenti e la scala della crisi del coronavirus aggiungono un ulteriore livello di incertezza rispetto alle precedenti crisi finanziarie. Fino a quando non ci sarà un vaccino globale, non è chiaro quando o anche se alcune delle industrie più colpite, come i viaggi e l’intrattenimento, si riprenderanno. Nippoda suggerisce che questo presenta una situazione particolarmente impegnativa per le persone che “non sono brave a gestire l’incertezza” o lottano per gestire situazioni che non possono controllare. “Stiamo vivendo in tempi incerti al momento. Alcune persone hanno persino paura dell’incertezza e dell’ignoto. Questa paura può essere prolungata”. 

mindfulness after 60 days -2
Mantrin – T Shirt – Disponibile su Amazon in vari colori. Clicca sull’immagine.

Resilienza e speranza.

Nonostante le preoccupazioni in corso sulla lunga “coda” di problemi di salute mentale causati dall’impatto del Covid-19, gli psichiatri dicono che è importante riconoscere che ci sono anche alcuni aspetti positivi.  Taylor sostiene che mentre una minoranza significativa può lottare a lungo termine, la pandemia ha evidenziato alti livelli di resilienza allo stress nella popolazione in generale, insieme alla capacità degli esseri umani di “rimbalzare” dopo eventi catastrofici. Per esempio, a Wuhan, dove la pandemia è iniziata e i casi sono stati messi sotto controllo dopo 76 giorni di isolamento e test di massa, la città ha organizzato un enorme festival musicale in un parco acquatico in agosto. Migliaia di persone si sono accalcate spalla a spalla, senza maschere e senza distanze sociali. I grandi concerti sono tornati anche in Nuova Zelanda dopo che la trasmissione comunitaria del virus è stata arginata. Questo tipo di eventi ha avuto luogo, riflette Taylor, nonostante uno stato d’animo fatalista all’inizio del 2020, quando “molte persone dubitavano che la vita sarebbe tornata alla normalità, e alcuni speculavano su un tristemente dickensiano mondo post-pandemia“. Egli crede che “eventi simili si verificheranno probabilmente altrove nel mondo quando la pandemia sarà finita“. 

Covid 19 psychological impact. La psicoterapeuta Nippoda sottolinea che per alcune persone, le circostanze avverse della pandemia hanno in realtà avuto un “impatto notevolmente positivo” sulla loro salute mentale, che può anche essere di lunga durata. L’esperienza del lockdown, sostiene, ha aiutato a ridurre i livelli di ansia o a fermare gli attacchi di panico tra alcuni che avevano alti livelli di stress nel mondo esterno prima della pandemia. Questo perché sentivano un maggior senso di libertà e sicurezza passando più ore a casa. Anche se c’è un rischio di isolamento sociale e solitudine per coloro che si ritirano troppo, dice che questo tempo forzato in casa ha incoraggiato alcuni a lottare per un migliore equilibrio vita-lavoro in futuro o di “prendere il proprio ritmo nella vita” quando si tratta di socializzare – trovando “la propria zona di comfort entro i confini tra interno ed esterno”. 

Altri hanno usato l’era del social-distancing per mettere in ordine la loro casa, e “il nuovo spazio all’interno della casa si è riflesso positivamente nella loro mente, quasi come se fossero in grado di riordinare le complicazioni nella loro testa”, dice Nippoda. L’aumento del tempo per gli hobby, in particolare per fare cose da zero, si pensa abbia anche fornito un senso di soddisfazione, appagamento e riduzione dello stress per molti. 

Yoga Mudra- Shiva, Buddha, Gesu. Uso delle mani durante la meditazione-5
Kindness notes Journal & Sketchbook: with thoughts by Paramahansa Yogananda. Disponibile in inglese e in italiano su Amazon (Note di gentilezza). Clicca sull’immagine.

Ma questo tipo di esperienze suonano vuote per persone come la germofoba Susan Kemp a Stoccolma, che stanno ancora lottando per visualizzare la fine dei loro problemi di salute mentale più acuti legati alla pandemia. “Chiaramente ci deve essere un certo equilibrio tra l’essere attenti e l’essere un eremita assoluto che non sono in grado di raggiungere”, si lamenta. “Ma irrazionalmente non riesco a superare la mia paura. È molto difficile in questi giorni decidere quando sono razionale e quando non lo sono”. 

Covid 19 psychological impact. “Trovo davvero, davvero difficile riequilibrare me stessa“, concorda Lindsey, che soffre di PTSD americano ( dove la vittima rivive ripetutamente l’esperienza traumatizzante sotto forma di flashback, ricordi, incubi o in occasione di anniversari e commemorazioni), e dice di non essere sicura che i suoi sintomi miglioreranno anche se gli scienziati svilupperanno un vaccino. “Ci vorrà del tempo per distribuirlo, e ancora di più per convincere le persone a prendere il vaccino. Onestamente, non sono sicura che mi sentirò mai più sicura“. 

Mantra T Shirt – Kundalini Power. Un grande disegno di un uomo che mostra i sette centri sottili (chakra) con il corpo, le principali vene sottili (nadi), e l’energia del serpente arrotolato alla base della spina dorsale (kundalini). Collezione asiatica. Clicca sull’immagine.

Ti andrebbe di offrirci una birra?

Caro lettore, cerchiamo di offrirti sempre contenuti editoriali di qualità. Se ti siamo stati utili per accrescere le tue conoscenze, oppure ti abbiamo semplicemente fornito un utile servizio informativo, ti andrebbe di aiutarci offrendoci una birra? Sostieni il nostro giornalismo con un contributo di qualsiasi dimensione! Il tuo supporto aiuterà a proteggere l’indipendenza di CRONO.NEWS e questo significa che possiamo continuare a fornire giornalismo di qualità aperto a tutti, in tutto il mondo. Ogni contributo, per quanto grande o piccolo, è così prezioso per il nostro futuro. Questo sarebbe di grande aiuto per tutta la famiglia di Crono.news!

Anche se semplicemente condividessi il link del magazine ai tuoi amici, oppure gli articoli, sui social network. Mantenere in vita questo magazine indipendente, richiede molto tempo ed impegno, oltre notevoli spese, necessarie all’aggiornamento tecnico, l’hardware, la nostra sede, i Redattori. Se hai la possibilità di aiutarci con una donazione (anche una birra), ci aiuterai non poco a continuare, a migliorare ed ampliare il materiale informativo che mettiamo a disposizione di tutti.

Per donare è semplicissimo, qui sotto è disponibile il LINK per decidere (tramite server sicuro PayPal) come e quanto donare. Un grazie da tutta la redazione!

https://www.paypal.me/redazionecrononews

 




Con Amazon Kindle Unlimited hai letture illimitate da qualsiasi dispositivo: IOS, Android, PC. Scegli tra più di un milione di titoli e leggi dove e quando vuoi con l’app di lettura Kindle. In promozione per 2 mesi GRATIS! Poi rinnovi a 9,99€ al mese oppure puoi annullare l’iscrizione in qualsiasi momento.

Crono.news periodico online di informazione e formazione. Un magazine digitale indipendente, libero da ideologie e preconcetti. Un nuovo modo di comunicare e condividere l’informazione e la conoscenza.

Altre storie
Napoli e gli arabi una interessante storia lunga un secolo-1
Napoli e gli arabi: una interessante storia lunga un secolo