Proust ed Einstein: due grandi esploratori che si incontrano nel Tempo

Proust ed Einstein: due grandi esploratori che si incontrano nel Tempo. Tante analogie tra lo scrittore e lo scienziato.

Una presentazione su Proust ed Einstein non può, naturalmente, trascurare le analogie che si possono verificare nella vita di entrambi.

Grandi vocazioni.

Proust ed Einstein: In giovanissima età, entrambi avevano la vocazione di diventare scrittori per l’uno, fisici per l’altro. Al padre, che voleva che studiasse legge per diventare diplomatico, Proust rispose quando era ancora adolescente: “Tutto ciò che potrei fare al di fuori della letteratura sarebbe una perdita di tempo”. Come scrisse giovanissimo Einstein in una composizione in francese: “Se avessi la fortuna di superare gli esami, andrei alla Scuola Politecnica di Zurigo. Ci resterei per quattro anni per studiare matematica e fisica”.

Need to translate in English?

Ebrei.

Proust ed Einstein appartengono alla stessa generazione. Proust è nato nel 1871 ad Auteuil, mentre Einstein è nato nel 1879 a Ulm, in Germania. Entrambi sono ebrei (Marcel Proust solo dalla madre) e provengono da famiglie integrate nella società nonostante l’antisemitismo prevalente. Einstein avrebbe sofferto l’antisemitismo per tutta la vita. Ad esempio, nel 1920 un club anti-relatività chiamato “Associazione degli scienziati tedeschi” denunciò la “fisica ebraica” in Germania. Per sfuggire alle persecuzioni, dovette cambiare paese, stabilirsi negli Stati Uniti e, nonostante tutto, ricevette per tutta la vita lettere “Morte agli ebrei”. Si impegnerà nel pacifismo e nel sionismo.

Marcel Proust.

Così, tutta la corrispondenza di Einstein è conservata all’Università Ebraica di Gerusalemme. Anche per questo non ha un luogo di sepoltura, perché temeva che sarebbe stato profanato. Quanto a Proust, pur essendo cresciuto nel cattolicesimo come suo fratello e avendo amici di estrema destra come Léon Daudet, si è impegnato nella difesa di Dreyfus e si è definito “il primo Dreyfusard”. Donava grandi cene “dreyfusard” nell’appartamento dei suoi genitori. Echi dell’affare Dreyfus si possono trovare in Ricerca e, tra le altre cose, attraverso la storia del personaggio di Swann. L’affare Dreyfus fu il maggior conflitto politico e sociale della Terza Repubblica, e scoppiò in Francia alla fine del XIX secolo, e divise fortemente il Paese. dal 1894 al 1906. Ciò a  seguito dell’accusa di tradimento e spionaggio a favore della Germania, verso il l capitano alsaziano di origine ebraica Alfred Dreyfus, il quale in realtà si rivelò innocente.. Il vero responsabile fu difatti il colonnello Ferdinand Walsin Esterhazy.

Inizio deludente.

Sia Proust che Einstein hanno avuto un inizio deludente nelle loro delle rispettive “carriere”. Einstein non entrò al Politecnico di Zurigo fino al suo secondo tentativo nel 1896. Dopo la laurea nel 1901 non riuscì a trovare un posto all’università e dal 1903 al 1908 fu solo un impiegato di terza categoria presso l’Ufficio federale dei brevetti di Berna, dove lavorava otto ore al giorno. Per quanto riguarda Proust, all’inizio del secolo scorso era solo uno scrittore mondano senza lettori. “Les Plaisirs et les Jours”, la sua prima vera pubblicazione, non ebbe alcun riscontro.

Albert Einstein.

Percorsi simili.

Proust ed Einstein avranno percorsi sorprendentemente simili. L’anno 1905 sarà per entrambi il punto di partenza del loro lavoro. Per Proust, infatti, alcuni saggisti fanno risalire a tale anno l’inizio della scrittura della “A la Recherche du temps perdu”. In quanto ad Einstein, un giorno di maggio del 1905, mentre passeggiava con l’amico Michele Besso nella periferia di Berna, Einstein ebbe (come poi racconterà al genero) una “visione” che lo avrebbe portato alla teoria della relatività speciale. Allo stesso modo, Proust, intingendo una madeleine in una tazza di tè portatagli signora Cottin, la sua cameriera, vivrà un’esperienza di memoria involontaria, che lo guiderà nella stesura del suo capolavoro. Sia Einstein che Proust hanno raggiunto la fama nello stesso anno. Nel 1919, la spedizione di Eddington nell’Isola del Principe (nel Golfo di Guinea) confermò la teoria di Einstein. Divenne così il più grande scienziato del secolo. Proust fu famoso anche nel 1919 quando ricevette il Prix Goncourt per il suo libro “A l’Ombre des Jeunes Filles en Fleurs”. Einstein morirà più di trent’anni dopo la morte di Proust, ma entrambi lavoreranno duramente fino all’ultimo giorno di lavoro della loro vita.

Equazione della Teoria della relatività di Einstein.

Allusioni alla relatività in Proust.

In verità, Proust evoca la relatività in diversi punti dei suoi manoscritti. Prima di tutto, il nome del fisico è presente in uno schizzo di “A l’Ombre des Jeunes Filles en Fleurs:

“I volti di queste giovani ragazze non occupano una dimensione permanente, una forma permanente nello spazio.”

Inoltre, Proust allude anche alla spedizione di Eddington del 1919 che confermò le previsioni di Einstein. In Le Côté de Guermantes I, Proust scrive:

“Mi sono fatto preparare la mente come quelle placche sensibili che gli astronomi installeranno in Africa nelle Indie Occidentali, per l’osservazione scrupolosa di una cometa o di un’eclissi.”

Proust era senza dubbio consapevole dell’esistenza della geometria non euclidea perché scriveva in “Sodoma e Gomorra” in tono scherzoso:

“Imparare che esiste […] un universo dove la linea retta non è più il percorso più breve […] avrebbe sorpreso Albertine molto meno che sentire il meccanico dirle che era facile andare a Saint-Jean e La Raspelière nello stesso pomeriggio. “

“Il tempo è relativo, il suo unico valore è dato da ciò che noi facciamo mentre sta passando.”

(A.Einstein)

“Il tempo è relativo, il suo unico valore è dato da ciò che noi facciamo mentre sta passando.”

Un approccio alla relatività a Proust: la chiesa di Combray.

Proust non allude solo all‘esistenza della relatività nel suo libro. In “Matinée chez la Princesse de Guermantes,” cioè in alcune bozze di “Le Temps Retrouvé” del 1911, dice di voler prendere in prestito il “linguaggio della geometria” per collocare il suo romanzo “nel tempo”. E, in alcuni passaggi della “Recherche”, dà involontariamente un quadro abbastanza preciso della relatività. In particolare quella in cui Proust descrive la chiesa di Combray a Du côté de chez Swann (non dimentichiamo l’importanza di questa chiesa, è proprio quella che ha dato all’eroe l’intuizione di collocare il suo romanzo “nel tempo”). Parla di un edificio che occupa, per così dire, uno spazio quadridimensionale – il quarto è quello del Tempo – dispiegando attraverso i secoli il suo spazio che, di campata in campata, di cappella in cappella, sembrava superare e attraversare non solo pochi metri, ma epoche successive. E’ come se Proust avesse avuto l’intuizione che la distanza dovesse tener conto della posizione non solo nello spazio ma anche nel tempo, secondo la visione geometrica dello spazio-tempo quadridimensionale di Einstein e Minkowski.

“Imparare che esiste […] un universo dove la linea retta non è più il percorso più breve […] avrebbe sorpreso Albertine molto meno che sentire il meccanico dirle che era facile andare a Saint-Jean e La Raspelière nello stesso pomeriggio. “

Il tempo.

Ma ciò che colpisce è che è su un’immagine dello spazio-tempo che Proust conclude la sua ricerca in forma di uomini “appollaiati sui trampoli”. Egli esprime prima di tutto l’ambizione di “descrivere l’uomo come se avesse la lunghezza non del suo corpo ma dei suoi anni”. Parlando della sua vita, il Narratore scrive, e questa è l’ultima frase di Le Temps Retrouvé :

“Almeno, se mi fosse stato lasciato abbastanza a lungo per compiere il mio lavoro, non mancherei di descrivere gli uomini come occupanti un posto così considerevole, accanto a quello così ristretto nello spazio, un posto anzi prolungato senza misura – poiché si toccano contemporaneamente come giganti sprofondati negli anni, in epoche così lontane, tra le quali sono passati tanti giorni – nel Tempo.”

“Il tempo non è affatto ciò che sembra. Non scorre in una sola direzione, e il futuro esiste contemporaneamente al passato.”

(A. Einstein)

Questa immagine della vita di un uomo (data da Proust) è molto in linea con ciò che Einstein poteva dare della linea dell’universo dell’uomo. In conclusione, se entrambi sono morti cercando di scrivere e cercare fino alla fine, probabilmente non è un caso. Proust ed Einstein, ognuno nella propria disciplina, le lettere e le scienze, sono come due esploratori sui sentieri opposti di Combray, che si incontrano “nel tempo”.



Vi ricordiamo che con Amazon Prime potrete avere spedizioni gratuite in 24 ore lavorative su migliaia di prodotti oltre a servizi extra come Amazon Prime Video. I primi 30gg sono gratuiti. Iscriviti Gratuitamente ad Amazon Prime per 30gg.


Con Amazon Kindle Unlimited hai letture illimitate da qualsiasi dispositivo: IOS, Android, PC. Scegli tra più di un milione di titoli e leggi dove e quando vuoi con l’app di lettura Kindle.
In promozione per 2 mesi GRATIS!
Poi rinnovi a 9,99€ al mese oppure puoi annullare l’iscrizione in qualsiasi momento.

Zeen is a next generation WordPress theme. It’s powerful, beautifully designed and comes with everything you need to engage your visitors and increase conversions.

Top Reviews

Altre storie
India - autocarro pieno di operai finisce fuori strada, 10 vittime, 20 feriti
India: autocarro carico di operai finisce fuori strada, 10 vittime, 20 feriti