Home Musica Woodstock: I festeggiamenti per il 50° anniversario in Italia si chiamano Foodstock!

Woodstock: I festeggiamenti per il 50° anniversario in Italia si chiamano Foodstock!

287
Woodstock: I festeggiamenti per il 50’ anniversario in Italia si chiamano Foodstock
Woodstock: I festeggiamenti per il 50’ anniversario in Italia si chiamano Foodstock.

Woodstock: I festeggiamenti per il 50’ anniversario in Italia si chiamano Foodstock! A Calvanico in provincia di Salerno, si svolgerà a luglio la sesta edizione della interessante manifestazione Foodstock, dove si celebrano tra l’altro i primi cinquanta anni di Woodstock.

Woodstock Music & Art Fair, si svolse in una fattoria a Bethel, NY. Oltre mezzo milione di persone si recarono in una grande fattoria di oltre 600 acri per ascoltare 32 gruppi nel corso di quattro giorni, dal 15 al 18 agosto 1969. 

Jefferson Airplane, Jimi Hendrix, i Grateful Dead, gli Who, Janis Joplin e Crosby, Stills, Nash & Young erano tra gli artisti inseriti nella line-up. Woodstock è conosciuto come uno dei più grandi avvenimenti di tutti i tempi e, forse, il momento più cruciale della storia della musica. L’edizione originale di Woodstock del 1969 si è tenuta nella fattoria di Bethel, anche in Italia i festeggiamenti si terranno in quello che è il nodo principale delle migliori produzioni agroalimentari indipendenti del sud, la Residenza Rurale Incartata di Calvanico (Sa). 

Foodstock è organizzato da XXXV, RURAL HACK e dalla Residenza Rurale Incartata, nella bellissima comunità di Calvanico, nel cuore del Parco dei Monti Picentini, a pochi passi da Salerno. Main media partner dell’evento sarà SentireAscoltare. Mentre nel 1969 a Woodstock suonarono le più grandi rockstar del secolo, in questa commemorazione italiana di domenica 28 luglio saranno celebrate le più grandi star del cibo di tutti i tempi. Alla sua 6° edizione, Foodstock è uno spazio di espressione per indagare, attraverso le relazioni tra cibo e musica, l’ingrediente principale della Dieta Mediterranea che, paradossalmente, è lo stesso su cui si basava la rivoluzione di Woodstockla convivialità

Woodstock: I festeggiamenti per il 50° anniversario in Italia si chiamano Foodstock a Calvanico
Woodstock: I festeggiamenti per il 50° anniversario in Italia si chiamano Foodstock!

Cibo e musica rappresentano un connubio esemplificativo dell’identità di un territorio e da sempre si sono incontrati e fusi tra i popoli e le culture affacciate sul Mediterraneo.

Foodstock è una sagra postmoderna. È la celebrazione di un connubio nato migliaia di anni fa e che oggi prova a dare un nuovo significato alla riscoperta del valore identitario della produzione alimentare, che oggi corre il rischio di perdersi nelle estetiche effimere del #foodporn. Una giornata in cui musica e cibo si miscelano in un’esperienza di aggregazione e riappropriazione dell’immaginario collettivo, ispirata a quello spirito che ha portato i giovani a Woodstock nel 1969.

Tanta bella musica, selezionata come sempre dal direttore artistico Nicola “Nicodemo” Pellegrino, oltre al meglio delle produzioni di cibo di qualità. Infatti la Line-Up del palco principale comprende le rockstar del cibo italiano come la mozzarella di bufala, l’olio extra vergine di oliva, pasta e pane prodotta da farine di grani antichi locali, la passata di pomodoro Funky Tomato fatta con pomodori biologici e senza sfruttamento del bracciantato migrante e tante altre.

Woodstock-1969-2019 Il 50° che rischia di non potersi svolgere negli Stati Uniti…

Il decennio 2010-2020 è stato dichiarato dall’ONU come “Decennio della Biodiversità”. Una festa perché, per le cose belle e importanti vale la pena anche essere felici insieme. Così come Woodstock invitava a 3 giorni di pace, amore e musica, Foodstock vuole essere un invito a ricostruire un rapporto d’amore con il cibo di qualità e la sua storia, attraverso la musica, la festa, la convivialità: #foodlove #foodstock.

Tutti a Calvanico, piccolo paese di montagna in Provincia di Salerno ma facilmente raggiungibile, esso si trova a soli 4 km dall’uscita autostradale di Fisciano e dal Campus dell’Università di Salerno.

Rispondi