Bohomazy and Iconic Ukrainian Art: pittura iconica ucraina.

Bohomazy, ("coloro che disegnano Dio"), nel contesto dello studio moderno delle icone, si riferisce generalmente a pittori di icone "folk" che non lavoravano in studi professionali.

Bohomazy and Iconic Ukrainian Art: pittura iconica russa e ucraina. Bohomazy, coloro che disegnano Dio, pittori di icone “folk” autodidatti.

Bohomazy and Iconic Ukrainian Art. C’è un termine che chiunque studi le icone ucraine dovrebbe conoscere. In lingua ucraina è:

БОГОМАЗ — Bohomaz

Il plurale è богомазы — bohomazui (nella traslitterazione comune bohomazy – “coloro che disegnano Dio“).

                                                Bohomaz (pittore di icone – “colui che disegna Dio”) Inizio del ventesimo secolo. Foto tratta dalla collezione di Myikola Biliashivs’kyi.

 

I Maestri di pittura di icone – Ikonopys, di formazione professionale, venivano chiamati Ikonopystsi.

Bohomaz era un termine colloquiale per un pittore di icone. Deriva dalla parola Бог (Boh), che significa “Dio“, e dal verbo мазать “mazat’, che significa “imbrattare o spalmare qualcosa di grasso o oleoso“. È la parola usata, ad esempio, per spalmare il burro sul pane o per tinteggiare la parete di casa.

                                                                               Ukrainian folk icons from the land of Shevchenko. Kyiv, Rodovid, 2000.

JOIN our Facebook Group: Meditation Mindfulness Yoga Mantra

Bohomazy and Iconic Ukrainian Art. La traduzione comune di bohomazy è dunque “coloro che disegnano Dio“. Sebbene a volte sia usato (piuttosto in modo lieve) dai pittori di icone in generale, è arrivato ad essere applicato in modo più specifico ai pittori senza formazione professionale, artisti “autodidatti“. Erano il tipo che chiameremmo artisti “primitivi“, perché generalmente erano ignoranti o non qualificati o entrambe le cose.

Paraskeva Pyatnitsa, 19th c. (Kostroma Museum).

Arte per i contadini.

Bohomazy, nel contesto dello studio moderno delle icone, si riferisce generalmente a pittori di icone “folk” o “villaggi” che non lavoravano in studi professionali e probabilmente non erano neppure pittori a tempo pieno. Invece erano spesso lavoratori in altre attività artigianali come falegnameria o fabbro. Dipingevano icone nel loro tempo libero per guadagnare qualche soldo extra.

                                                                                                     Ukrainian folk icons from the land of Shevchenko. Kyiv, Rodovid, 2000.

Il bohomazy non dipingeva per un mercato ricco e di alta classe o per clienti sofisticati. La loro arte era al servizio della gente comune, per i contadini con pochi soldi che però volevano avere un’icona. E poiché la maggior parte dei contadini a quei tempi era analfabeta, il pittore non doveva preoccuparsi troppo degli errori di ortografia e persino dell’errore occasionale nell’iconografia.

                                                                                                  Ukrainian folk icons from the land of Shevchenko. Kyiv, Rodovid, 2000.

Bohomazy and Iconic Ukrainian Art. La probabilità di errori del pittore era aumentata dalla loro abitudine di dipingere direttamente, senza utilizzare uno stampino o un motivo di contorno preliminare, invece di pennellare le figure a mano libera, utilizzando generalmente solo un numero molto ridotto di colori. Quindi c’era un detto dispregiativo secondo cui i bogomazui avrebbero probabilmente dipinto iconografie completamente errate.

                                                                       Ukrainian folk icons from the land of Shevchenko. Kyiv, Rodovid, 2000.
                                                                                                                        Pittura iconica folk ucraina.

Ciò significa che avrebbero potuto sbagliare l’iconografia anche di santi comuni, ad esempio dipingendo un San Giorgio in piedi, che tradizionalmente invece è raffigurato a cavallo; e al contrario, dipingendo la santa protettrice Paraskeva Pyatnitsa a cavallo, sebbene questa non sia affatto la sua iconografia corretta.

Mantra T Shirt – Painting Jesus – Water series – Clicca sull’immagine ed acquista il poster su Redbubble.
                                                                        

A loro piaceva dipingere santi “popolari” popolari come Maria, Ilya (il profeta Elia), Nikolai (San Nicola), e abbiamo visto, San Giorgio e Paraskeva Pyatnitsa, il tipo di santi comuni a cui si pregava ogni giorno bisogni dei contadini, come pioggia o bel tempo, per la sicurezza sui fiumi, durante il parto, per la protezione degli animali e degli uccelli, e così via.

I bohomazui a volte usavano anche argomenti che non erano considerati del tutto “ortodossi” nel senso tradizionale, soggetti tratti dall’arte religiosa occidentale – il tipo di cose che i fondamentalisti ortodossi orientali di oggi chiamano “non canonico“. Ma ovviamente l’arte occidentale ha avuto a lungo un’influenza sulla pittura di icone in un modo o nell’altro.

Pittura iconica folk in Ucraina.

Bohomazy and Iconic Ukrainian Art. L’icona popolare è uno speciale fenomeno spirituale-sacro e artistico nella cultura ucraina. Tali icone riflettevano la mentalità popolare e il folklore. I santi in queste “immagini” sono raramente severi e ascetici; al contrario, i loro volti sono gentili e gioiosi, spesso con un sorriso vistoso. Possiamo dire che le icone popolari differivano dall’interpretazione ingenua canonica delle immagini dei santi, dall’iconografia semplificata, dalla convenzionalità e dalla decorazione. Questo stile si adattava armoniosamente all’ambiente domestico e le “immagini” erano più vicine alla gente comune.

                                                                                                                                               Opere di Roman Zilinko.

Le icone giocavano un ruolo importante nella vita dei contadini e la loro presenza era necessaria negli eventi più importanti della vita umana: nascite, matrimoni e funerali. Le icone popolari erano parte integrante degli interni della casa ucraina. Le icone svolgevano sia una funzione religiosa che decorativa nella casa. La gente li chiamava “dei” o “immagini”. Tradizionalmente, la casa aveva da sei a dieci icone. I proprietari più ricchi potrebbero avere di più. Poi sono stati appesi alle pareti.

Secondo l’etnografo Pavlo Chubynsky, il valore delle icone domestiche nel XIX secolo variava da 30 penny a 1 rublo e 25 penny. Un aratro costava circa 2 rubli.

                                                                                                                                                    Dipinto di Roman Zilinko.

Le persone potevano acquistare un’icona popolare alle fiere o ordinare da maestri popolari, “bogomazy”, i quali si recavano di villaggio in villaggio a offrire i loro servizi.

I committenti spesso chiedevano ai bohomazy di raffigurare santi che somigliassero ai membri della loro famiglia. Pertanto, non sorprende che i tratti del viso dei santi sulle icone popolari assomiglino spesso all’aspetto tipico degli ucraini. Questo è stato ripetutamente notato dai ricercatori dell’icona popolare ucraina. Inoltre, i pittori su richiesta del cliente potevano posizionare più trame contemporaneamente o più santi su un’icona. Un’icona del genere era più economica perché richiedeva meno materiale. Anche un fenomeno unico per l’icona popolare ucraina era l’immagine dei fiori sulle immagini che simboleggiavano il paradiso. Le più comuni erano icone raffiguranti Gesù Cristo, la Vergine, nonché i santi Nicola, Paraskeva, Caterina, Yuri Zmieborets, Panteleimon, l’Arcangelo Michele, l’Arcangelo Gabriele.

Iconografia popolare.

I centri di iconografia popolare iniziarono ad apparire e svilupparsi nei secoli XVII-XVIII. In generale, nel XIX secolo esistevano già più di cinquanta centri di iconografia popolare. E sebbene tali icone fossero bandite dalla censura, il processo di pittura e vendita di immagini popolari era difficile da fermare.

Roman Zilinko è un ricercatore di antica arte ucraina, in particolare la pittura di icone dei secoli XVII-XVIII e ama la pittura di icone, tra le altre cose, dipinge icone domestiche.

Caro lettore, cerchiamo di offrirti sempre contenuti editoriali di qualità. Se ti siamo stati utili per accrescere le tue conoscenze, oppure ti abbiamo semplicemente fornito un utile servizio informativo, ti andrebbe di aiutarci offrendoci una birra? Sostieni il nostro giornalismo con un contributo di qualsiasi dimensione! Il tuo supporto aiuterà a proteggere l’indipendenza di CRONO.NEWS e questo significa che possiamo continuare a fornire giornalismo di qualità aperto a tutti, in tutto il mondo. Ogni contributo, per quanto grande o piccolo, è così prezioso per il nostro futuro. Questo sarebbe di grande aiuto per tutta la famiglia di Crono.news!
Anche se semplicemente condividessi il link del magazine ai tuoi amici, oppure gli articoli, sui social network. Mantenere in vita questo magazine indipendente, richiede molto tempo ed impegno, oltre notevoli spese, necessarie all’aggiornamento tecnico, l’hardware, la nostra sede, i Redattori. Se hai la possibilità di aiutarci con una donazione (anche una birra), ci aiuterai non poco a continuare, a migliorare ed ampliare il materiale che mettiamo a disposizione di tutti. https://www.paypal.me/redazionecrononews




Con Amazon Kindle Unlimited hai letture illimitate da qualsiasi dispositivo: IOS, Android, PC. Scegli tra più di un milione di titoli e leggi dove e quando vuoi con l’app di lettura Kindle.
In promozione per 2 mesi GRATIS!
Poi rinnovi a 9,99€ al mese oppure puoi annullare l’iscrizione in qualsiasi momento.

Crono.news periodico online di informazione e formazione. Un magazine digitale indipendente, libero da ideologie e preconcetti. Un nuovo modo di comunicare e condividere l’informazione e la conoscenza.