Tuareg merchants: Vivono tra Nord Africa e Sahara, votati al commercio

L’attributo più sorprendente dei Tuareg è il velo indaco, indossato dagli uomini ma non dalle donne.

Tuareg merchants: Vivono tra Nord Africa e Sahara, con forte vocazione al commercio. L’attributo più sorprendente dei Tuareg è il velo indaco, indossato dagli uomini ma non dalle donne, dando origine al nome popolare di Uomini blu del Sahara.

Tuareg merchants. I Tuareg abitano le regioni sahariane del Nord Africa – Niger, Mali, Libia, Algeria e Burkina Faso. Tuareg è un termine arabo che significa abbandonato da Dio. Si fanno chiamare Imohag, tradotto come uomini liberi. Nessuno conosce la vera origine dei Tuareg, da dove vengono o quando sono arrivati nel Sahara. Presumibilmente di origine berbera, la lingua dei Tuareg è il tamachek, con la loro propria scrittura nota come Tifinagh, che si pensa abbia antiche radici libiche. Il loro numero non è chiaro, ma le stime vanno da 300.000 a 1 milione. I Tuareg sono stati registrati dallo storico greco Erodoto nel V secolo a.C. .

JOIN our Facebook Group: Meditation Mindfulness Yoga Mantra

Velo Indaco.

L’attributo più sorprendente dei Tuareg è il velo indaco, indossato dagli uomini ma non dalle donne, dando origine al nome popolare di Uomini blu del Sahara, o Uomini del velo Uomini blu del Sahara, o Uomini del velo. Gli uomini iniziano a portare il velo all’età di 25 anni. Una delle danze tradizionali dei Tuareg nomadi è il ‘Tam Tam’ dove gli uomini su cammello circondano le donne mentre suonano i tamburi e cantano. Le capanne dei nomadi Tuareg sono facilmente costruite e sono composte da stuoie intrecciate e tessuti tradizionali su un telaio di legno.

Donne libere.

Sebbene la maggior parte dei Tuareg pratichi ora un certo grado di Islam – la setta Maliki dell’Islam, derivante dagli insegnamenti del grande profeta El Maghili dell’inizio del XVI secolo – non sono considerati arabi. Hanno conservato molte tradizioni pre-islamiche e non seguono strettamente molti rituali islamici. Tra i Tuareg le donne hanno una grande libertà e partecipano alle decisioni familiari e tribali. La discendenza e l’eredità sono entrambe attraverso la discendenza materna. 

Commercio.

Tuareg merchants Le carovane di cammelli tuareg hanno svolto il ruolo principale nel commercio trans-sahariano fino alla metà del 20° secolo, quando furono introdotte le infrastrutture coloniali europee – ferrovie e strade. Fino ad allora, c’erano cinque rotte commerciali principali che si estendevano attraverso il Sahara dalla costa mediterranea settentrionale dell’Africa alle grandi città sul bordo meridionale del Sahara.

Mantrin – T Shirt – Disponibile su Amazon in vari colori. Clicca sull’immagine.

Disponibile anche su Amazon.com

I mercanti tuareg erano responsabili di portare le merci da queste città al nord. Da lì venivano distribuite in tutto il mondo. A causa della natura del trasporto e dello spazio limitato disponibile nelle carovane, i Tuareg di solito commerciavano in articoli di lusso, cose che occupavano poco spazio e sulle quali si poteva fare un grande profitto. I Tuareg erano anche responsabili di portare persone schiavizzate al nord dall’Africa occidentale per essere vendute agli europei e ai mediorientali. Molti Tuareg si stabilirono nelle comunità con cui commerciavano, servendo come mercanti locali.

Rotte commerciali attraverso il Sahara.

Una delle più importanti rotte commerciali attraverso il Sahara era a ovest – il sentiero Taghaza – a nord dalla città oasi di Aoudaghost (vicino a Fez in Marocco) alla costa atlantica (oggi Freetown in Sierra Leone). Il percorso passava attraverso Sidjilmasa, Taghaza, Walata, Ghana, Bamako e Niani prima di raggiungere la costa. Flusso verso sud – perline, ceramiche, vetro, lampade ad olio, zafferano, datteri, farina e sale. Scorrendo verso nord – schiavi, noci di cola e oro. A ovest c’era la via che andava da Idjil, attraverso Tichitt a Walata, portando il sale.

Clicca sull’immagine. Cristiano Luchini – “I giorni della gentilezza” – versione in Italiano. Colorate istantanee dell’immaginazione; piccole storie di vita e di persone permeate da spiritualità, emozione e amore. Esse sono accompagnate da bellissime illustrazioni realizzate da eccellenti artisti provenienti da 13 paesi dei 5 continenti.

Tuareg merchants. Questa rotta divenne poi una delle principali rotte est-ovest attraverso il Sahara; da Walata a Timbuktu, Jenne (a sud), Goa, attraverso il deserto del Tenere fino ad Agadez, prima di unirsi alla rotta nord-sud a est, che andava dal Benin a sud, attraverso Bilma e Zawilah, prima di dirigersi a nord in Egitto. Flusso verso est – sale, cola, oro, avorio e schiavi. Flusso verso ovest – rame, ceramica e perline di cowrie.

Verso l’Egitto.

Due ulteriori rotte diagonali attraversavano il Sahara. Da Timbuktu, attraverso Araouane e Taoudenni, poi attraverso Ghadames prima di raggiungere Tripoli. E a sud, da Gao attraverso Ghat e poi verso l’Egitto. Verso l’Egitto, oro, schiavi, ebano e avorio, in cambio di ceramica, vetro, lampade a olio, seta, zafferano e perline.

Ti piace la maglia “Third eye chakra with flowers”? Disponibile su Amazon in vari colori. Clicca sull’immagine.

Tuareg merchants. Storicamente, la società tuareg era divisa tra coloro che si occupavano della terra e coloro che non lo facevano. Un tempo, coltivare la terra era considerato il lavoro delle classi inferiori, mentre le classi superiori raccoglievano i benefici del commercio. Di solito i gruppi di Tuareg sedentari pagavano fedeltà a un capo nominato localmente, che a sua volta riferiva al nobile che considerava il villaggio il suo dominio. Con il passare del tempo, tuttavia, questi agricoltori sedentari sono stati in grado di accumulare ricchezza mentre le rotte commerciali trans-sahariane diminuivano di importanza. Hanno anche ricevuto uno status politico dalle amministrazioni coloniali e postcoloniali.

Ribellione.

I Tuareg sono sopravvissuti nell’aspro ambiente sahariano per migliaia di anni, una regione che ha anche ospitato una successione di lotte politiche, a cui anche i Tuareg sono sopravvissuti. Tra il 1916 e il 1917 la ribellione tuareg fu una reazione al colonialismo francese. Tra il 1961 e il 1964 fu una reazione alle riforme agrarie del governo del Mali che violavano le aree tradizionali dei Tuareg. Tra il 1990 e il 1995 i Tuareg del Niger hanno cercato l’autonomia dal governo, finendo con un accordo di pace che prometteva loro una quota maggiore delle ricchezze minerarie della regione. Nel febbraio 2007, sempre a causa dell’ineguale distribuzione delle ricchezze minerarie – i depositi di uranio – i combattimenti sono ripresi.

Ti andrebbe di offrirci una birra?

Caro lettore, cerchiamo di offrirti sempre contenuti editoriali di qualità. Se ti siamo stati utili per accrescere le tue conoscenze, oppure ti abbiamo semplicemente fornito un utile servizio informativo, ti andrebbe di aiutarci offrendoci una birra? Sostieni il nostro giornalismo con un contributo di qualsiasi dimensione! Il tuo supporto aiuterà a proteggere l’indipendenza di CRONO.NEWS e questo significa che possiamo continuare a fornire giornalismo di qualità aperto a tutti, in tutto il mondo. Ogni contributo, per quanto grande o piccolo, è così prezioso per il nostro futuro. Questo sarebbe di grande aiuto per tutta la famiglia di Crono.news!

Anche se semplicemente condividessi il link del magazine ai tuoi amici, oppure gli articoli, sui social network. Mantenere in vita questo magazine indipendente, richiede molto tempo ed impegno, oltre notevoli spese, necessarie all’aggiornamento tecnico, l’hardware, la nostra sede, i Redattori. Se hai la possibilità di aiutarci con una donazione (anche una birra), ci aiuterai non poco a continuare, a migliorare ed ampliare il materiale informativo che mettiamo a disposizione di tutti.

Per donare è semplicissimo, qui sotto è disponibile il LINK per decidere (tramite server sicuro PayPal) come e quanto donare. Un grazie da tutta la redazione!

https://www.paypal.me/redazionecrononews




Con Amazon Kindle Unlimited hai letture illimitate da qualsiasi dispositivo: IOS, Android, PC. Scegli tra più di un milione di titoli e leggi dove e quando vuoi con l’app di lettura Kindle. In promozione per 2 mesi GRATIS! Poi rinnovi a 9,99€ al mese oppure puoi annullare l’iscrizione in qualsiasi momento.

Crono.news periodico online di informazione e formazione. Un magazine digitale indipendente, libero da ideologie e preconcetti. Un nuovo modo di comunicare e condividere l’informazione e la conoscenza.

Altre storie
Instanbul.La sua posizione geografica, che la colloca a cavallo fra due mondi, l'ha resa capitale di tre imperi diversi. @crono.news
Istanbul best places: La meravigliosa metropoli fra due mondi, Europa ed Asia.