Re Ashoka the Great: rinunciò alla guerra e promosse pace e buddismo

Re Ashoka the Great: rinunciò alla guerra e promosse pace e buddismo nel III secolo a.C. Un imperatore lungimirante, molto più avanti dei suoi tempi, la cui eredità continua a vivere nell’India di oggi.

Re Ashoka the Great: Fu sbalorditiva la scoperta fatta in India, 25 anni fa, da alcuni archeologi.  Presso il sito archeologico di Kanaganahalli a Sannati, sulla riva sinistra del fiume Bhima, furono scoperte le rovine di un antico stupa e una scultura in rilievo. L’iscrizione su di essa è ‘Ranyo Ashoka’, o Re Ashoka. Era la prima volta in assoluto che qualcuno era in grado di vedere un’immagine del re Ashoka. Si trattò di una scoperta senza precedenti. Fino ad allora, nonostante la ricchezza di informazioni su Ashoka – in letteratura e attraverso i suoi numerosi pilastri ed editti disseminati in tutto il paese , non era stata ritrovata un’immagine chiaramente definita dell’imperatore. Questa scultura era la solo la rappresentazione “confermata” di Ashoka. Si diede finalmente un volto al nome di un re di cui si è parlato così spesso nella storia dell’India. Anche così, la storia di “Ashoka il Grande” è stata in gran parte dimenticata in pubblico memoria entro pochi secoli dalla sua morte nel III secolo a.C. .

Gli studi di James Prinsep.

Egli è tornato all’attenzione degli storici soltanto nel XIX secolo. Il merito va a l’antiquario britannico James Prinsep, che notoriamente ha decifrato la Brahmi e i copioni di Kharosthi, ed è stato così in grado di leggere le numerose iscrizioni scolpito nei pilastri e negli editti che Ashoka ha lasciato dietro di sé, attraverso il subcontinente. Fu solo nel XIX secolo, che furono studiati pilastri ed editti rupestri – da Girnar in Gujarat, a Kandahar nell’Afghanistan moderno, Sopara nel Deccan e Mysore nel sud. Guardando tutto il materiale che aveva davanti a sé, Prinsep capì subito che il le informazioni su queste pietre erano quasi identiche e che erano state scritto dalla stessa persona. Dopo quattro anni di scrupoloso lavoro, impegnato nelle decodificazioni delle iscrizioni, Prinsep si rese conto anche che erano state scritto da qualcuno che si definiva come ‘Devanampiya’. (amato dagli dei) o ‘Piyadasi’ (colui che guarda di buon auspicio), e era un divulgatore del buddismo. I primi testi buddisti conservati nell Sri Lanka hanno contribuito a far luce su gran parte della storia buddista del subcontinente. Le circa 30 iscrizioni di Ashoka, comprese quelle su editti e pilastri, in tutto il subcontinente, costituiscono solo un accenno alla vita da monarca.

La battaglia di Kalinga.

Re Ashoka the Great: L’impero ereditato da Ashoka (nome che significa letteralmente “senza dolore”), era già grande, con quasi il l’intero subcontinente indiano che rientra nel suo campo d’azione, ad eccezione delle regioni a sud di Kalinga.  Il nonno di Ashoka, il grande Chandragupta Maurya aveva gettato le fondamenta della dinastia e aveva ampliato i suoi domini nel nord-ovest. Quando Ashoka prese le redini, l’unico posto rimasto da conquistare era Kalinga. Era una terra ricca di minerali e di porti e vantava una serie di centri urbani collegati per tutta la lunghezza dell’attuale Odisha, nel distretto di Srikakulam, nell’Andhra Pradesh. Anche se non sappiamo molto della sua amministrazione, Ashoka avrebbe ereditato una struttura abbastanza organizzata al momento del suo insediamento. I testi buddisti fanno luce su altri aspetti interessanti della sua vita. Era anche chiamato “Chandashoka” (“Ashoka crudele”). Kalinga era fondamentale per l’impero mauryano, non solo a causa di la sua vicinanza a Pataliputra ma anche per sfruttare, come già detto, le sue ricche miniere di ferro e rame, e i suoi porti, che avevano accesso al ricchissimo Golfo del Bengala. Il controllo di questa regione avrebbe reso l’impero completo. L’esercito di Ashoka emerse vittorioso dopo una sanguinosa battaglia a Kalinga nel 261 a.C., ma allo stesso non considerò questa una vera vittoria. La perdita di vite umane pesò molto sulla vita di Ashoka, tanto che nel suo tredicesimo editto, egli registrò le sofferenze dei vinti e degli sconfitti, oltre al suo stesso rimorso per averlo causato. Ben 100.000 morti in guerra, anche di più per le ferite e la fame; 150.000 prigionieri. Ashoka rinunciò dunque alla guerra e adottò una politica di pace e non violenza, realizzandosi attraverso il l buddismo.

 

Buddismo: strumento per consolidare il potere politico.

Re Ashoka the Great: Il buddismo era allora un crescente movimento socio-intellettuale, e un sovrano ambizioso come Ashoka lo considerò probabilmente lo strumento appropriato per consolidare il potere politico ed economico del suo regno. Il buddismo è diventato il suo modo di riordinare e riorganizzare la società. Trovando conforto in tale filosofia, Ashoka ne fece il fulcro della sua vita, prendicando e divulgando la legge buddista della compassione. I tale missione fu aiutato dal monaco buddista Mogaliputta Tissa. Per comprendere le credenze, le idee e la visione di Ashoka, bisogna andare in profondità quello che ha scritto nei suoi editti, sparsi in tutto il subcontinente. Il pilastro del secondo editto di Ashoka spinge ad operare azioni virtuose, compassione, liberalità, veridicità e purezza. Uno degli aspetti cardinali della dottrina della Dhamma che predicava Ashoka proteggeva gli animali. Poi arrivò la predicazione della riverenza per i genitori, gli anziani e gli insegnanti. Ashoka predicò altresì il conforto all’uomo e alle bestie piantando ombreggiature e alberi da frutto, lo scavo di pozzi e la costruzione di case di riposo. Gli editti rappresentano anche il suo rispetto e la sua comprensione delle altre religioni. Egli promosse missioni di evangelizzazione buddista nei domini di Antiochos Theos, re della Siria e dell’Occidente Asia; Tolomeo Filadelfos, re d’Egitto; Maga, re di Cirene in Africa settentrionale, Antigonos Gonatas, re di Macedonia, e Alessandro, re dell’Epiro.

Ashoka con il monaco buddista Mogaliputta Tissa.

 

Un imperatore lungimirante.

Le iscrizioni di Ashoka rivelano anche quanto fosse grande l’impero mauryano. Sono stati trovati editti fino all’Afghanistan, il Pakistan, il Nepal ed il Bangladesh. Questi editti e iscrizioni sono stati incisi in caratteri ben visibili in luoghi sia vicino alle città che alle importanti vie di commercio e di pellegrinaggio, per raggiungere un gran numero di persone. È interessante notare che tali editti furono prodotti anche in in diversi lingue, a seconda delle lingue parlate dalla popolazioni. C’è il Prakrit, oltre al sanscrito, al greco e all’ aramaico. Negli ultimi anni della sua vita, Ashoka intraprese un lungo pellegrinaggio verso tutti i maggiori luoghi legati alla vita di Buddha, come a Lumbini, nel 249-48 a.C. circa. Ad Ashoka successe il figlio Kunala, e presto l’impero mauryano iniziò un suo rapido ed inesorabile decadimento.  Oggi, c’è un crescente corpo di ricerca che guarda con occhio critico a Ashoka e alla sua eredità. Ashoka era un vero visionario o era un sovrano opportunista che sfruttò, la “tendenza popolare” del buddismo? Mentre continuano i dibattiti su tale quesito, è indiscutibile che Ashoka sia stato un imperatore lungimirante, molto più avanti dei suoi tempi ed è per questo che la sua eredità continua a vivere nell’India di oggi.


Ti andrebbe di offrirci una birra?

Caro lettore, cerchiamo di offrirti sempre contenuti editoriali di qualità. Se ti siamo stati utili per accrescere le tue conoscenze, oppure ti abbiamo semplicemente fornito un utile servizio informativo, ti andrebbe di aiutarci offrendoci una birra? Sostieni il nostro giornalismo con un contributo di qualsiasi dimensione! Il tuo supporto aiuterà a proteggere l’indipendenza di CRONO.NEWS e questo significa che possiamo continuare a fornire giornalismo di qualità aperto a tutti, in tutto il mondo. Ogni contributo, per quanto grande o piccolo, è così prezioso per il nostro futuro. Questo sarebbe di grande aiuto per tutta la famiglia di Crono.news!

Anche se semplicemente condividessi il link del magazine ai tuoi amici, oppure gli articoli, sui social network. Mantenere in vita questo magazine indipendente, richiede molto tempo ed impegno, oltre notevoli spese, necessarie all’aggiornamento tecnico, l’hardware, la nostra sede, i Redattori. Se hai la possibilità di aiutarci con una donazione (anche una birra), ci aiuterai non poco a continuare, a migliorare ed ampliare il materiale informativo che mettiamo a disposizione di tutti.

Per donare è semplicissimo, qui sotto è disponibile il LINK per decidere (tramite server sicuro PayPal) come e quanto donare. Un grazie da tutta la redazione!

https://www.paypal.me/redazionecrononews



Con Amazon Kindle Unlimited hai letture illimitate da qualsiasi dispositivo: IOS, Android, PC. Scegli tra più di un milione di titoli e leggi dove e quando vuoi con l’app di lettura Kindle.
In promozione per 2 mesi GRATIS!
Poi rinnovi a 9,99€ al mese oppure puoi annullare l’iscrizione in qualsiasi momento.

Zeen is a next generation WordPress theme. It’s powerful, beautifully designed and comes with everything you need to engage your visitors and increase conversions.

Top Reviews

Altre storie
trump-siria
Trump Siria: “L’attacco chimico è stato un vero affronto all’umanità intera”