Home Mangiando mangiando Olio di oliva: l’eccezionale realtà olivicola Cilentana

Olio di oliva: l’eccezionale realtà olivicola Cilentana

1009
Olio di oliva l'eccezionale realtà olivicola Cilentana-1
Piero Matarazzo, con Ramarà, olio vincitore del Premio Sirena d'Oro 2019.

Olio di oliva: l’eccezionale realtà olivicola Cilentana. Piero Matarazzo, valente imprenditore, ci ha raccontato della sua impresa che opera nell’amena località di Perdifumo (Sa).

“Non soltanto il vino canta,
anche l’olio canta,
vive in noi con la sua luce matura
e tra i beni della terra
io seleziono,
olio,
la tua inesauribile pace,
la tua essenza verde,
il tuo ricolmo tesoro che discende
dalle sorgenti dell’ulivo.”
(Pablo Neruda)

Olio di oliva: “L’azienda nasce a Perdifumo (Sa), nel 2012 dall’uliveto di famiglia, che esisteva già da una ventina d’anni.” – ci racconta Piero Matarazzo. “È in quell’anno che nasce come brand, un brand che porta il mio nome, Piero Matarazzo, poichè amiamo metterci la faccia in ciò che facciamo.”

Piero Matarazzo ha le idee molto chiare rispetto agli intenti della propria azienda, recentemente insignita del prestigioso premio “Sirena d’Oro 2019” conferito al prodotto Ramarà: “La linea che seguiamo è l’eccellenza dell’olio di oliva. La nostra azienda olivicola cilentana è interamente inscritta nel sistema DOP Cilento, una categoria rigida. E ciò per noi è un grande vanto d’eccellenza, ottenuto grazie ad anni di ricerca, sacrificio e sensibilità.”.

Olio di oliva l'eccezionale realtà olivicola Cilentana-2
Olio Ramarà, vincitore del Premio Sirena d’Oro 2019.

“Cerchiamo di conservare il massimo delle proprietà del frutto, non possiamo inventarci niente. L’extravergine non mente, infatti la parola significa “super puro”. I giovani che vogliono intraprendere questo lavoro ed entrare in questo mondo devono assolutamente studiare, mettersi in discussione ed approcciarsi con umiltà. E’ fondamentale comprendere che dietro la creazione di un prodotto di altissima qualità c’è bisogno di tanto lavoro. Fondamentale altresì è lo studio dell’assaggio. Il produttore deve essere il primo consulente, e fare sana autocritica è altrettanto importante. Infine non bisogna avere fretta. Da ingegnere meccanico, dico che l’agricoltura deve essere vista a lungo termine, con enorme pazienza, e progressivo sviluppo ed apprendimento.”

Piero Matarazzo crede molto nella Rete, è nel suo potere di educazione al gusto e di strumento di confronto con gli utenti: “E’ difficile comunicare la qualità dell’olio, la sua purezza, le sue proprietà nutritive. E ciò è strettamente collegato al prezzo richiesto, che è mediamente 10 volte superiore ad un olio da classico supermercato. Il Web ci aiuterà nella “narrazione” del nostro prodotto, che è un vanto di un territorio come quello Cilentano, ricco di storia, tradizioni, enormi ricchezze naturali e luogo in cui è nato il concetto di dieta mediterranea.”

Una realtà quella dell’azienda Piero Matarazzo, che va dunque vissuta e “gustata” in maniera approfondita, cosi da aver modo di apprezzarla; concetto che viene ben rimarcato da un antico proverbio Cilentano:

“U’ sazio nu crere a u’ riuno!”

Il sazio non crede al digiuno! – (Per comprendere le cose bisogna viverle).

Rispondi