Home Mangiando mangiando Azienda vinicola Agnanum: nel territorio al confine con il grande Parco degli...

Azienda vinicola Agnanum: nel territorio al confine con il grande Parco degli Astroni

519
Tempo di lettura: 2 minuti
Azienda vinicola Agnanum nel cuore della Riserva Naturale Parco degli Astroni-1
Raffaele Moccia.

Azienda vinicola Agnanum, realtà curata con grande passione e dedizione, da Raffaele Moccia, il quale racconta con emozione degli anni trascorsi nel recupero del territorio nel quale sorge il suo vigneto; al confine del meraviglioso Parco degli Astroni di Agnano (NA).

 

“Cenai con un piccolo pezzo di focaccia,
ma bevvi avidamente un’anfora di vino;
ora l’amata cetra tocco con dolcezza
e canto amore alla mia tenera fanciulla.”

Anacreonte (circa 570 a.C. – circa 485 a.C.)

 

Azienda Vinicola Agnanum, una realtà che Raffaele Moccia, il curatore, racconta avere una lunghissima tradizione di coltivatori vitivinicoli – “La mia realtà vinicola iniziò dal mio bisnonno, almeno un secolo fa, che si stanziò in prossimità del Parco degli Astroni. La prima etichettatura del vino risale al 2002, su insistenza del mio enologo e di tanti amici.”

La forza di questa azienda vinicola è quella di essere radicata in un territorio vulcanico, molto fertile, ma altresì ostile nella coltivazione – “Produciamo due tipi di vino: Falanghina e Piedirosso. Lavoriamo terreni altamente vulcanici, friabili poco coesi e che hanno bisogno di continua manutenzione. Per questo lavoro ci vuole grande sacrificio, fatica, studio, dedizione e bisogna essere grandi conoscitori di pratiche di terrazzamenti.”

Raffaele Moccia ci  parla anche dell’accorato lavoro di recupero dei vigneti storici presenti nelle sue coltivazioni – “Facciamo un attento lavoro di recupero anche di vigneti storici con viti ultracentenarie, tanti ettari in stato di abbandono che siamo riusciti a recuperare nel corso degli anni. Stiamo cercando di riportare questo territorio agli antichi splendori. Una vera e propria missione, che io in primis, porto avanti con instancabile passione. Passione e amore per il territorio che ho dimostrato, anche nel 2017, quando il Parco degli Astroni fu danneggiato gravemente dalle fiamme. Misi a disposizione tutto ciò che potevo per salvare il salvabile, consideranto che i miei vigneti confinano con l’immenso bosco. Fui talmente apprezzato per il mio operato, che me ne rese merito anche Fabrizio Canonico, Direttore della Riserva Naturale Statale Cratere degli Astroni.”

Durante il nostro piacevole incontro con Raffaele Moccia, non possiamo non restare colpiti dalla immutata passione, con la quale quest’uomo continua a fare il proprio faticosissimo lavoro; ed ecco che spontaneamente ci viene da menzionare una raffinata citazione che ha a che fare con la felicità:

“La felicità, come un vino pregiato,
deve essere assaporata sorso a sorso.”

Ludwig Feuerbach (1804 – 1872)

Rispondi