Acquafrescaio a Napoli dal 1836, in uno scorcio bellissimo

Acquafrescaio a Napoli dal 1836, in uno scorcio bellissimo, nei pressi di Piazza Trieste e Trento. Una tradizione di straordinaria bellezza.

Acquafrescaio a Napoli: Ogni scorcio di Napoli, anche quello più piccolo, racconta una storia… o meglio la storia. La calura di questi giorni ha stimolato la nostra sete, cosicché, da buoni amanti degli agrumi, desideravamo bere un’ottima e salutare spremuta d’arancia. Molti lettori, da tempo, consigliavano di recarci presso il caratteristico chiosco che si affaccia su Piazza Trieste e Trento a Napoli a pochi passi dal Teatro di San Carlo.

acquafrescaio a napoli

acquafrescaio

Acquafrescaio a Napoli: Non c’è niente di più rivitalizzante che bere una deliziosa spremuta d’arancia, avendo sul viso il caldo sole partenopeo, che come i binari di un treno, attraversa l’area che si estende fino a Piazza del Plebiscito. Ci accoglie sorridente Antonio Guerra, discendente di una famiglia che da 40 anni gestisce con successo il chiosco. Antonio ci racconta dei primi gestori della piccola struttura, la famiglia Fedele, che nel 1836 iniziò l’attività. Questa poi fu ceduta con amore, dopo oltre 130 anni, a sua madre, che da ragazzina riforniva di agrumi la bancarella. I Guerra, infatti, sono una storica famiglia napoletana di fruttivendoli.

acquafrescaio

Antonio, che da 44 anni gestisce il chiosco con l’aiuto della sorella Carolina, ci affabula come il migliore dei cantastorie ed i suoi occhi emanano luce viva quando ci racconta della storia degli acquafrescai di Napoli. Intanto i raggi del sole, grazie anche ai riflessi dorati degli agrumi presenti nel chiosco, gli donano una luce fiabesca che rende l’atmosfera ancora più particolare, specie per i passanti che intanto si fermano ad ascoltarlo insieme a noi. L’acqua degli storici acquafrescai di Napoli, che con il carretto vagavano in città, veniva conservata nelle “mùmmare”, anfore in terracotta che ne garantivano la fresca conservazione.

acquafrescaio

acquafrescaio

L’acqua “d’e mummarelle” era osservabile nelle cosiddette “banche dell’acqua”, fino agli anni ’70, prima che venissero chiuse per via di discutibili motivi di salute pubblica; si trattava di bancarelle addobbate con limoni, in cui si vendeva la pregiatissima acqua minerale ferrata proveniente dalle sorgenti del Monte Echia, uno spuntone roccioso caratterizzato da innumerevoli cavità ed abitato dalla preistoria fino al III d.C.. Antonio, il nostro orgoglioso acquafrescaio, rivendica con forza il forte valore culturale dell’antico venditore di acqua, un patrimonio da salvaguardare, e che ritiene, come noi del resto, meriterebbe maggiore tutela da parte delle istituzioni. Ci salutiamo nell’aria odorosa di agrumi, con i migliori auspici di maggiori sviluppi nell’ambito turistico napoletano, corollario del clima di fiducia che sta attraversando la città di Napoli.

acquafrescaio-tradizione-napoli

 


Ti andrebbe di offrirci una birra?

Caro lettore, cerchiamo di offrirti sempre contenuti editoriali di qualità. Se ti siamo stati utili per accrescere le tue conoscenze, oppure ti abbiamo semplicemente fornito un utile servizio informativo, ti andrebbe di aiutarci offrendoci una birra? Sostieni il nostro giornalismo con un contributo di qualsiasi dimensione! Il tuo supporto aiuterà a proteggere l’indipendenza di CRONO.NEWS e questo significa che possiamo continuare a fornire giornalismo di qualità aperto a tutti, in tutto il mondo. Ogni contributo, per quanto grande o piccolo, è così prezioso per il nostro futuro. Questo sarebbe di grande aiuto per tutta la famiglia di Crono.news!

Anche se semplicemente condividessi il link del magazine ai tuoi amici, oppure gli articoli, sui social network. Mantenere in vita questo magazine indipendente, richiede molto tempo ed impegno, oltre notevoli spese, necessarie all’aggiornamento tecnico, l’hardware, la nostra sede, i Redattori. Se hai la possibilità di aiutarci con una donazione (anche una birra), ci aiuterai non poco a continuare, a migliorare ed ampliare il materiale informativo che mettiamo a disposizione di tutti.

Per donare è semplicissimo, qui sotto è disponibile il LINK per decidere (tramite server sicuro PayPal) come e quanto donare. Un grazie da tutta la redazione!

https://www.paypal.me/redazionecrononews

 




Con Amazon Kindle Unlimited hai letture illimitate da qualsiasi dispositivo: IOS, Android, PC. Scegli tra più di un milione di titoli e leggi dove e quando vuoi con l’app di lettura Kindle.
In promozione per 2 mesi GRATIS!
Poi rinnovi a 9,99€ al mese oppure puoi annullare l’iscrizione in qualsiasi momento.

.

Zeen is a next generation WordPress theme. It’s powerful, beautifully designed and comes with everything you need to engage your visitors and increase conversions.

Top Reviews

Altre storie
Gerusalemme Macron noa approva la decisione di Trump
Gerusalemme: Macron “disapprova” la decisione di Donald Trump