Home Cultura MIKI ASAI ci racconta il mondo delle piccole cose con la macro...

MIKI ASAI ci racconta il mondo delle piccole cose con la macro fotografia

711
Tempo di lettura: 2 minuti
Miki Asai
©miki asai

Miki Asai ci racconta il mondo delle piccole cose attraverso la sua speciale ed esclusiva macro fotografia.

Miki Asai una fotografa di talento specializzata nella macro fotografia. Il suo lavoro come afferma, “è quello di raccontare con le immagini il mondo bellissimo delle piccole cose”. Un mondo pressoché invisibile a occhio nudo, che richiede uno sguardo più attento e intenso e soprattutto meno distratto per ammirarlo.

©miki asai

Miki Asai, Giapponese di Hokkaido, mette il suo eccezionale talento al servizio della natura e dei suoi “piccoli abitanti” realizzando immagini poetiche e delicate e al tempo stesso un concentrato di tecnica e di fantasia ma anche di tanta esperienza e soprattutto pazienza.

©miki asai

per ottenere buoni risultati nell’ambito della macro photography, afferma Miki Asaibisogna avere pazienza e imparare a guidare e a rispettare i soggetti delle nostre foto, non possiamo prendere una formica e piazzarla dove vogliamo, possiamo magari indirizzarla con molta calma nel punto che ci interessa…. Dopo qualche tentativo probabilmente ci riusciremo”. 

©miki asai

“Ho imparato che quando si tratta di vita, se si vuole raggiungere lo scatto che si immagina, la calma e la tranquillità sono davvero l’unico modo. “Se vuoi cimentarti con questo genere di fotografia, usa un treppiede, prenditi il tempo necessario e fai affidamento sulla tua passione e la tua pazienza.”

Miki Asai per realizzare le sue fotografie utilizza corpi Canon EOS e preferisce maggiormente l’obiettivo macro USM Canon EF-S 60mm F2.8, per la post produzione invece usa Lightroom.

©miki asai

Miki scatta la maggior parte delle sue fotografie nel giardino di casa, infatti nelle sue immagini si trovano solo elementi naturali e molto diffusi: acqua, fiori, foglie, pietre, lumache e formiche.

©miki asai

La fotografia macro al servizio della creatività… e viceversa!  Brava Miki!

Rispondi