Swami Vivekananda e Nikola Tesla: incontro tra filosofia indiana e scienza

La filosofia Vedica abbraccia la Fisica Quantistica.

 

Swami Vivekananda e Nikola Tesla: incontro tra filosofia indiana e scienza. La filosofia Vedica abbraccia la Fisica Quantistica.

Swami Vivekananda e Nikola Tesla. Un genio spirituale dal fine intelletto, Swami Vivekananda ha profuso nella sua breve vita (1863-1902) un lavoro e una realizzazione immensi. Nato Narendranath Datta, Vivekananda in gioventù fu affascinato dalle scuole agnostiche occidentali di filosofia. Allo stesso tempo, veemente nel suo desiderio di conoscere la verità su Dio, interrogò persone di santa reputazione, chiedendo loro se avessero visto Dio. Trovò una tale persona in Sri Ramakrishna, che divenne il suo maestro, sciolse i suoi dubbi, lo guidò sul sentiero spirituale e lo trasformò in un saggio e profeta con l’autorità di insegnare.

JOIN our Facebook Group: Meditation Mindfulness Yoga Mantra 

Dopo la morte di Sri Ramakrishna nel 1886, Vivekananda rinunciò al mondo e attraversò l’India come monaco errante. La sua crescente compassione per il popolo indiano lo spinse a cercare aiuto materiale dall’Occidente. Accettando l’opportunità di rappresentare l’induismo al Parlamento delle religioni di Chicago nel 1893, Vivekananda ottenne una celebrità immediata in America e un forum pronto per il suo insegnamento spirituale.

Per tre anni diffuse la filosofia e la religione Vedanta in America e in Inghilterra e poi tornò in India per fondare il Ramakrishna Math e la Missione Ramakrishna. Si spense il 4 luglio 1902, dopo una breve seconda visita in Occidente. Le sue conferenze e i suoi scritti sono stati raccolti in nove volumi delle sue Opere Complete.

Swami Vivekananda – Wikimedia Commons.
Yoga Mudra- Shiva, Buddha, Gesu. Uso delle mani durante la meditazione-5
Kindness notes Journal & Sketchbook: with thoughts by Paramahansa Yogananda. Disponibile in inglese e in italiano su Amazon (Note di gentilezza). Clicca sull’immagine.

“Solo cadendo nel mare, l’onda può diventare infinita come onda non potrà mai esserlo. Poi dopo che è diventata il mare può diventare di nuovo l’onda e grande quanto le pare. Smetti di identificarti con la corrente e sappi che sei libero. ”

(Swami Vivekananda)


Sia Vivekananda che Tesla speravano in una reciproca conferma del Vedanta e della fisica.

È generalmente accettato che Swami Vivekananda abbia cambiato il mondo portando il movimento per l’autoconoscenza in America. Ha influenzato alcune delle più grandi menti del ventesimo secolo, iniziando un processo che, cento anni dopo, ha portato Lisa Miller, un importante giornalista americano, ad annunciare “che concettualmente, almeno, stiamo lentamente diventando più simili agli indù e meno ai cristiani tradizionali nei modi in cui pensiamo a Dio, a noi stessi, agli altri e all’eternità”.

Nikola Tesla – Wikimedia Commons.
Raccolta di racconti illustrati. Protagonista anche Paramahansa Yogananda. Disponibile in lingua inglese su Amazon.

Tesla, una star.


Swami Vivekananda e Nikola Tesla. Cento anni fa Nikola Tesla era una  vera e propria superstar. Era in competizione con Thomas Edison su quello che dovrebbe essere lo standard industriale per la trasmissione di energia. Tesla era per la corrente alternata ed Edison per la corrente continua, e come sappiamo Tesla vinse quella battaglia e così, nel senso della fornitura di energia elettrica, viviamo nell’era di Tesla.
Nato nel 1856, Tesla studiò ingegneria a Graz, in Austria, ma non si laureò mai. Emigrò negli Stati Uniti nel 1884, e molto presto ebbe finanziatori che crearono laboratori e aziende per sviluppare nuovi dispositivi elettrici. Le sue invenzioni includono il motore a induzione AC, fonti di alimentazione e un generatore di correnti ad alta frequenza. Questo è ciò che Swami Vivekananda scrisse a proposito del suo primo incontro con Nikola Tesla, in una lettera del 13 febbraio 1896:

Yoga and Christian Meditation
Clicca sull’immagine. Cristiano Luchini – “I giorni della gentilezza” – versione in Italiano. Colorate istantanee dell’immaginazione; piccole storie di vita e di persone permeate da spiritualità, emozione e amore. Esse sono accompagnate da bellissime illustrazioni realizzate da eccellenti artisti provenienti da 13 paesi dei 5 continenti.

“Il signor Tesla è rimasto incantato nel sentire parlare del prana vedantico e dell’akasha e dei kala. Pensa di poter dimostrare matematicamente che la forza e la materia sono riducibili all’energia potenziale. Andrò a trovarlo la prossima settimana per avere questa dimostrazione matematica. In questo caso la cosmologia vedantica sarà posta sul più sicuro dei fondamenti. Vedo chiaramente la loro perfetta unione con la scienza moderna, e la spiegazione dell’una sarà seguita da quella dell’altra.”

Swami Vivekananda – Wikimedia Commons.

L’ energia primordiale dello spazio.

Tesla non fu in grado di dimostrare l’equivalenza di massa ed energia. Ma la ricerca di una relazione tra le due rimase sospesa nell’aria e come sappiamo l’equazione E=mc2 fu pubblicata pochi anni dopo, prima dall’italiano Olinto de Pretto nel 1903 e Albert Einstein nel 1905.”

In ogni caso, Tesla, nella sua ricerca del campo akashico, cercava qualcosa di più della conversione della materia in energia. Il suo obiettivo era quello di sfruttare l’energia primordiale all’interno dello spazio stesso a beneficio dell’umanità. In un articolo pubblicato postumo chiamato Man’s Greatest Achievement, che fu scritto nel 1907, Tesla scrisse così sull’uso di akasha e prana:

“Molto tempo fa… [l’umanità] riconobbe che tutta la materia percepibile proviene da una sostanza primaria, o tenuità al di là della concezione, che riempie tutto lo spazio, l’Akasha o etere luminifero, su cui agisce il Prana o forza creativa che dà la vita, chiamando all’esistenza, in cicli senza fine, tutte le cose e i fenomeni. La sostanza primaria, lanciata in vortici infinitesimali di velocità prodigiosa, diventa materia grossolana; la forza diminuisce, il movimento cessa e la materia scompare, ritornando alla sostanza primaria.”

Mantra T Shirt – Kundalini Power. Un grande disegno di un uomo che mostra i sette centri sottili (chakra) con il corpo, le principali vene sottili (nadi), e l’energia del serpente arrotolato alla base della spina dorsale (kundalini). Collezione asiatica. Clicca sull’immagine.

Prana e Akasha.

Cosa sono dunque il prana e l’akasha di cui hanno scritto Vivekananda e Tesla? Il prāṇa nel Vedanta è la forza vitale della vita, e l’ākāśa è l’elemento spesso tradotto come etere da cui emergono gli altri elementi.  E’ l’essenza del vuoto e del nulla. Il Prana è più del respiro; è l’energia sottile che guida i processi del corpo. La scienza medica moderna può non accettarlo, ma la capacità dei sadhu che vivono nella parte alta dell’Himalaya in inverno, o un uomo moderno come Wim Hof di scalare i 22.000 piedi del Monte Everest in nient’altro che pantaloncini e scarpe dimostra che funziona. Ecco come l’antico testo religioso e filosofico indiano Chāndogya Upaniṣad  descrive la relazione tra gli elementi dell’universo:

“Da questo Sé (Atman), sorse ākāśa; da ākāśa l’aria; dall’aria il fuoco; dal fuoco l’acqua; dall’acqua la terra.”

Nikola Tesla – Wikimedia Commons.

Energia, Etere, Mente.

Swami Vivekananda e Nikola Tesla. Il fatto che l’energia possa essere generata dall’etere primordiale (akasha) è un principio fondamentale nei Veda e, naturalmente, l’akasha genera anche altri elementi. Molto prima che la trasformazione della massa in energia diventasse fisica consolidata, tali trasformazioni facevano parte della cosmologia indiana. Vivekananda parlava non solo di questo, ma anche di come la mente attraverso il prana può fare cose che sono al di fuori della scienza conosciuta. Più recentemente, la fisica quantistica ha dimostrato che lo stato di vuoto è associato ad un’energia del punto zero, e questa energia del punto zero ha effetti misurabili. In effetti il vuoto pullula di creazione e distruzione di particelle.

Secondo la filosofia Vedica, mel corpo, l’etere si esprime negli spazi vuoti. Gli spazi vuoti dell’intestino, dei vasi sanguigni, della vescica e dei polmoni sono pieni di etere. La l’alterazione dell’etere nel corpo provoca un aumento dello spazio e una diminuzione della struttura. Il risultato è la distruzione dei tessuti. Il morbo di Parkinson è un esempio di una condizione in cui si crea spazio nel corpo dove una volta c’era la struttura cellulare Si impedisce all’etere di aumentare riempiendo il vuoto nella nostra vita. La nostra vita diventa piena non perché siamo occupati, ma perché siamo nutriti fisicamente ed emotivamente.  Dal punto di vista emotivo, l’amore è la più alta forma di nutrimento. 

Tempi non maturi.

Sia Vivekananda che Tesla speravano in una reciproca conferma del Vedanta e della fisica. Ma i tempi non erano maturi per questo 120 anni fa, perché la fisica doveva ancora inserire gli osservatori nel quadro, come avrebbe fatto trent’anni dopo il loro incontro attraverso il quadro della meccanica quantistica, Oggi con la comprensione dell’energia del punto zero del vuoto e del sistema cognitivo attraverso la disciplina delle neuroscienze, possiamo essere molto più vicini a spiegare l’interazione di prana e akasha e il senso in cui corrispondono a concetti scientifici stabiliti.

 

 

Ti andrebbe di offrirci una birra?

Caro lettore, cerchiamo di offrirti sempre contenuti editoriali di qualità. Se ti siamo stati utili per accrescere le tue conoscenze, oppure ti abbiamo semplicemente fornito un utile servizio informativo, ti andrebbe di aiutarci offrendoci una birra? Sostieni il nostro giornalismo con un contributo di qualsiasi dimensione! Il tuo supporto aiuterà a proteggere l’indipendenza di CRONO.NEWS e questo significa che possiamo continuare a fornire giornalismo di qualità aperto a tutti, in tutto il mondo. Ogni contributo, per quanto grande o piccolo, è così prezioso per il nostro futuro. Questo sarebbe di grande aiuto per tutta la famiglia di Crono.news!

Anche se semplicemente condividessi il link del magazine ai tuoi amici, oppure gli articoli, sui social network. Mantenere in vita questo magazine indipendente, richiede molto tempo ed impegno, oltre notevoli spese, necessarie all’aggiornamento tecnico, l’hardware, la nostra sede, i Redattori. Se hai la possibilità di aiutarci con una donazione (anche una birra), ci aiuterai non poco a continuare, a migliorare ed ampliare il materiale informativo che mettiamo a disposizione di tutti.

Per donare è semplicissimo, qui sotto è disponibile il LINK per decidere (tramite server sicuro PayPal) come e quanto donare. Un grazie da tutta la redazione!

https://www.paypal.me/redazionecrononews




Con Amazon Kindle Unlimited hai letture illimitate da qualsiasi dispositivo: IOS, Android, PC. Scegli tra più di un milione di titoli e leggi dove e quando vuoi con l’app di lettura Kindle. In promozione per 2 mesi GRATIS! Poi rinnovi a 9,99€ al mese oppure puoi annullare l’iscrizione in qualsiasi momento.

Crono.news periodico online di informazione e formazione. Un magazine digitale indipendente, libero da ideologie e preconcetti. Un nuovo modo di comunicare e condividere l’informazione e la conoscenza.