Virgin Mary art and cultural syncretism: ecco delle meravigliose opere

Fin dai tempi più remoti la figura della Madonna ha ispirato gli artisti di tutti i Paesi del mondo.

Virgin Mary art and cultural syncretism. Fin dai tempi più remoti la figura della Madonna ha ispirato gli artisti di tutti i paesi del mondo. Meravigliosa anche l’arte Māori con il tekoteko “Madonna and child”.

Virgin Mary art: I più bei volti della Vergine Maria: fin dai tempi più remoti la figura della Madonna ha ispirato gli artisti di tutti i Paesi del mondo. Infatti i migliori pittori e scultori italiani e stranieri le hanno dedicato sculture, affreschi, dipinti, mosaici ed altri oggetti devozionali. Ma vediamo, secondo la critica, quali sono i più bei volti della Vergine Maria raffigurati nell’arte pittorica e scultorea. Iniziamo dal volto della Madonna tra il Battista e S. Sebastiano del Perugino risalente al 1493.

JOIN our Facebook Group: Meditation Mindfulness Yoga Mantra

Madonna fra il Battista e S. Sebastiano – Perugino (1493).

Il dipinto della Vergine del Perugino raffigura una donna sul volto della quale  sono presenti tutte le sofferenze del mondo: infatti si nota quello sguardo quasi assente  nel vuoto, che dà forma ai suoi pensieri. Molto probabilmente sono riflessi i dolori del martirio, ma  non solo quello futuro di Gesù, ma anche  quello di San Sebastiano, immagine  verso la quale la Madonna rivolge il capo. In contrapposizione l’abbigliamento assai luminoso  che l’avvolge; si tratta di un abito turchese e corallo, su cui posa  un mantello di colore blu scuro. Infine appare con dei riccioli dorati e  con un foulard della medesima tinta della gonna.

Annunciazione – Leonardo da Vinci (1475 ca.)

Virgin Mary art: I più bei volti della Vergine: Passiamo ora all’Annunciazione di Leonardo da Vinci del 1475: l’affresco ritrae Maria nel mentre viene interrotta nella lettura dall’arrivo dell’Arcangelo Gabriele. Ella  apprende con sorpresa la notizia della sua gravidanza di fonte divina. Leonardo raffigura la Vergine  con i capelli biondi sciolti,  e vestita con molta  eleganza. Sebbene un pò meravigliata Maria non appare turbata, ma tranquilla e serena con la mano sinistra alzata.

Polittico del Giudizio Universale – Van der Weyden (1450 ca.)

Veniamo adesso al Polittico del Giudizio Universale di Van der Weyden del 1450. In questo dipinto la Vergine viene  raffigurata  in uno dei 9 pannelli di questo polittico monumentale. Ella è rivolta  verso il Cristo Giudice mentre prega  con un’espressione orgogliosa e dolce alla stesso tempo.  La vergine è abbigliata  alla fiamminga, con una veste blu ed un velo bianco che  copre la fronte ed il collo; il volto è di colore roseo incarnato.

Cristo benedicente e Vergine orante – Campin (1424)

Virgin Mary art: E’ la volta del Cristo benedicente e Vergine orante di  Campin del 1424. Questa magnifica opera, in realtà, non è molto celebre. Il Maestro di Flemalle, questo lo pseudonimo dell’artista, ritrae  Maria in preghiera  dinnanzi al Cristo, verso cui  rivolge il viso colmo d’amore. I lineamenti sono incredibilmente realistici, i riccioli biondi ricadono morbidi sulle sue  spalle e sono avvolti da un meraviglioso mantello blu forte. Quindi parliamo adesso della Vergine Annunciata di  Antonello da Messina del 1476.

Vergine Annunciata – Antonello da Messina (1476)

Il volto della Vergine è collocato su di uno sfondo  nero, che rimanda alla pittura fiamminga. Tale sfondo offre  maggior vigore al modello, che di conseguenza appare  luminoso. La Madonna è avvolta in  un velo blu cobalto dallo sguardo dolce ed ammaliante.

Madonna del Magnificat – Botticelli (1481).

Passiamo invece alla Madonna del Magnificat del Botticelli del 1481.  La Madonna appare come la  Regina del Cielo, incoronata da due Angeli. Ella è rappresentata quasi a grandezza naturale. Si tratta di un autentico  capolavoro di oreficeria, composto completamente da stelle per richiamare uno degli appellativi della Vergine, ossia Stella del mattino.

Madonna dei Palafrenieri – Caravaggio (1605).

Virgin Mary art: Vediamo ora la Madonna dei Palafrenieri del Caravaggio del 1605. La donna che si presta ad impersonare Maria, in verità è Maddalena Antognetti, una cortigiana ben conosciuta nella capitale per essere stata l’amante di molti potenti. L’affresco venne  esposto presso l’altare maggiore della chiesa di Sant’Anna dei Palafrenieri in Vaticano, ma vi rimase soltanto un mese. In questo ritratto la Madonna non viene idealizzata bensì viene vista come una popolana con un abito color corallo che accentua il pallore della donna.

Madonna del Belvedere – Raffaello (1506).

Madonna del Belvedere di Raffaello del 1506. Qui la figura della Vergine  viene posta  in un incantevole  scenario paesaggistico, che ricorda gli sfondi leonardeschi; ella  è assieme al figlio ed a S. Giovannino e l’espressione del suo volto è assai aggraziata. Una bellezza più che mai osannata: per Raffaello la Vergine, rappresenta l’essenza stessa della bellezza e della purezza.

Madonna della Seggiola – Raffaello (1514).

Ora è la volta della Madonna della Seggiola, ancora di  Raffaello del 1514. In quest’opera l’autore ostenta ’affetto di una madre nei confronti del figlio, immortalandolo in un tenero abbraccio. Molto Interessanti le scelte cromatiche realizzate da Raffaello, quei colori caldi al centro dell’opera e quelli freddi verso l’esterno sono un connubio perfetto.  Le spalle della Vergine Maria sono avvolte da una sciarpa multicolore, mentre  intorno al capo indossa un panno rigato bianco ed oro.

Madonna con Bambino e due Angeli – Filippo Lippi (1465).

Infine troviamo la Madonna con Bambino e due Angeli di Filippo Lippi del 1465. Il pittore sceglie di dare alla Madonna il volto della sua amata, tale  Lucrezia Buti, dapprima monaca, quindi madre dei suoi figli senza mai sposarsi. Il volto della donna è raffigurato con  un’espressione malinconica: come se stesse pensando al destino del figlio,  Importante  anche l’ acconciatura assai complicata con cui il pittore decide di rappresentarla.  Questo dipinto ha affascinato molte persone ed  in particolare il poeta  D’Annunzio che, dopo averlo ammirato, si proclamerà il secondo amante di Lucrezia Buti.

Māori.

Oltre a queste bellissime opere di matrice europea, ci piace menzionare un bellissimo tekoteko Māori “Madonna and child”. Tekoteko è un termine in lingua Māori per che indica una forma umana scolpita (tutto il corpo o soltanto la testa). Questo tekoteko è stato probabilmente scolpito per essere appeso ad una parete. L’intagliatore ha suggerito il concetto della Vergine Maria mettendo un moko (tatuaggio) completo sul viso di Maria. Così facendo, l’ha paragonata a un Ariki Tapairu – la primogenita di una famiglia di alto rango. Le Ariki Tapairu erano investite di uno speciale tapu (sacralità). Non era loro permesso sposarsi o essere toccate dagli uomini, e il loro moko completo indicava il loro status. La Vergine Maria appare anche in piedi su una testa. Nel simbolismo Māori, ciò ricorda che l’uomo viene dalla donna.

Madonna and Child, ca. 1890. Te Papa museum, Wellington, New Zealand.

I Māori furono originariamente introdotti ai concetti cristiani dai cacciatori di balene e mercanti all’inizio del XIX secolo. L’adozione del cristianesimo da parte dei Māori fu dapprima lenta, ma aumentò con l’arrivo di altri missionari. Nel 1838, quando il primo vescovo cattolico romano (Jean Baptiste Francois Pompallier) arrivò a Hokianga, nell’estremo nord, la chiesa cattolica romana era già stabilita qui. Il meraviglioso tekoteko “Madonna and Child” (1890), è conservato al Te Papa museum di Wellington, in Nuova Zelanda.

Ti piace la stampa in tela – Māori TekoTeko Madonna and Child? Clicca sull’immagine.

 

Learn Maori Culture and Proverbs – Curtis&Moore Publishing.
Ti piace Māori Lunar Calendar – Maramataka Art Print? Clicca sull’immagine.

Disponibile su Amazon – T-Shirt – Māori Lunar Calendar Maramataka and Lunar Phases 


Ti andrebbe di offrirci una birra?

Caro lettore, cerchiamo di offrirti sempre contenuti editoriali di qualità. Se ti siamo stati utili per accrescere le tue conoscenze, oppure ti abbiamo semplicemente fornito un utile servizio informativo, ti andrebbe di aiutarci offrendoci una birra? Sostieni il nostro giornalismo con un contributo di qualsiasi dimensione! Il tuo supporto aiuterà a proteggere l’indipendenza di CRONO.NEWS e questo significa che possiamo continuare a fornire giornalismo di qualità aperto a tutti, in tutto il mondo. Ogni contributo, per quanto grande o piccolo, è così prezioso per il nostro futuro. Questo sarebbe di grande aiuto per tutta la famiglia di Crono.news!

Anche se semplicemente condividessi il link del magazine ai tuoi amici, oppure gli articoli, sui social network. Mantenere in vita questo magazine indipendente, richiede molto tempo ed impegno, oltre notevoli spese, necessarie all’aggiornamento tecnico, l’hardware, la nostra sede, i Redattori. Se hai la possibilità di aiutarci con una donazione (anche una birra), ci aiuterai non poco a continuare, a migliorare ed ampliare il materiale informativo che mettiamo a disposizione di tutti.

Per donare è semplicissimo, qui sotto è disponibile il LINK per decidere (tramite server sicuro PayPal) come e quanto donare. Un grazie da tutta la redazione!

https://www.paypal.me/redazionecrononews

 



Vi ricordiamo che con Amazon Prime potrete avere spedizioni gratuite in 24 ore lavorative su migliaia di prodotti oltre a servizi extra come Amazon Prime Video. I primi 30gg sono gratuiti. Iscriviti Gratuitamente ad Amazon Prime per 30gg.


Con Amazon Kindle Unlimited hai letture illimitate da qualsiasi dispositivo: IOS, Android, PC. Scegli tra più di un milione di titoli e leggi dove e quando vuoi con l’app di lettura Kindle.
In promozione per 2 mesi GRATIS!
Poi rinnovi a 9,99€ al mese oppure puoi annullare l’iscrizione in qualsiasi momento.

 

Crono.news periodico online di informazione e formazione. Un magazine digitale indipendente, libero da ideologie e preconcetti. Un nuovo modo di comunicare e condividere l’informazione e la conoscenza.

Altre storie
Napoli e la caffettiera, un legame imprescindibile da cui è difficile sottrarsi