Sympathetic Resonance & Emotional Resonance: tra vibrazioni ed empatia

Risonanza simpatetica e Risonanza emozionale.

Sympathetic Resonance & Emotional Resonance: tra vibrazioni ed empatia: “Tutto è Energia e questo è tutto quello che esiste. Sintonizzati alla frequenza della realtà che desideri e non potrai fare a meno di ottenere quella Realtà.”

Sympathetic Resonance & Emotional Resonance: Si consideri un corpo fisico che può essere messo in moto da un impulso, e continuare a vibrare per un periodo di tempo prima di placarsi. Esempi di tali corpi sarebbero un diapason o una corda di violino. Se questi corpi hanno una frequenza di vibrazione specifica, allora una serie di impulsi molto deboli – cioè impulsi troppo deboli per iniziare a vibrare da soli – faranno vibrare il corpo, a condizione che questi impulsi siano erogati ad una frequenza specifica.  Inoltre, le vibrazioni di un corpo si definiscono come l’insieme di impulsi deboli che possono mettere in vibrazione un altro corpo vicino. Per esempio, se si colpisce un diapason, le sue vibrazioni causeranno vibrazioni in un diapason vicino, sintonizzato alla stessa frequenza. Quest’ultimo fenomeno – in cui le vibrazioni in un oggetto producono vibrazioni in un altro – è chiamato risonanza simpatica.

JOIN our Facebook Group: Meditation Mindfulness Yoga Mantra

 

“Tutto è Energia e questo è tutto quello che esiste. Sintonizzati alla frequenza della realtà che desideri e non potrai fare a meno di ottenere quella Realtà. Non c’è un’altra via. Questa non è filosofia. Questa è Fisica. “

(Albert Einstein)

La risonanza simpatica è un esempio di trascinamento fisico, in cui il comportamento periodico di un oggetto può essere comunicato ad un altro, anche quando non ci sono connessioni fisiche dirette tra i due. Christian Huygens fu il primo ad osservare il trascinamento nel 1666.  I musicisti certificati per suonare in contesti terapeutici/medici spesso usano il concetto di frequenza di risonanza, notando quali sono le note che sembrano più adatte a un paziente e poi usando quelle note prevalentemente nella musica che offrono a quella persona. In questo caso la scienza non è esatta, poiché non c’è modo di misurare come o perché ogni individuo risponde fisicamente o emotivamente a certi toni. Sappiamo che spesso funziona molto bene; i pazienti di solito riferiscono una sensazione di benessere, oppure vediamo miglioramenti dei segni vitali tra i pazienti gravemente malati (non è, tra l’altro, l’unica abilità terapeutica che viene insegnata ai musicisti – è solo una delle tante).

Sympathetic Resonance & Emotional Resonance: Le vibrazioni simpatiche vengono trasmesse attraverso l’aria o la materia. Infatti, la vibrazione di una tavola armonica su uno strumento acustico a corda potrebbe essere definita simpatica perché la vibrazione viene trasferita attraverso il materiale di cui è fatto lo strumento – la corda è attaccata alla tavola armonica in qualche modo, a seconda dello strumento, e quel materiale risponde, la sua vibrazione trasmette il suono della corda nella camera d’aria della cassa armonica, all’interno della quale aumenta, facendo vibrare ancora di più la tavola armonica. Questo amplifica il suono (una corda pizzicata non è così forte come una corda attaccata alla cassa armonica). Ma di solito il termine “vibrazione simpatica” si riferisce ad un’altra corda o ad un altro oggetto che vibra in risposta ad un tono. La vibrazione simpatica può essere fastidiosa se qualcosa nella stanza sta vibrando, o quando qualcosa sullo strumento stesso “ronza” quando si pizzica una corda.  Pitagora sostenne che tutte le note sono contenute in una singola corda pizzicata. Ciò lo sperimentò con uno strumento, ritenendo che gli accordi provengono dalla matematica armonica, e anche le scale diatoniche e cromatiche lo fanno, perché idealmente (anche se di solito non in realtà perché è impossibile fare una corda o una cassa armonica perfetta) una corda pizzicata produce tutte le note.

Ti piace Resonance Tote Bag? Clicca sull’immagine.

Risonanza emozionale.

Sappiamo tutti che l’empatia è importante. Fa bene alle nostre relazioni, è importante per la nostra salute mentale e ci aiuta a sentirci più legati al mondo e a noi stessi. Sappiamo che molti lettori di Crono.news sono coinvolti in professioni di cura o che svolgono professioni di assistenza per il desiderio di aiutare le altre persone. Ma è possibile avere troppa empatia? In questo post desidero affrontare due concetti che ho trovato super utili in quanto una persona che:  a) vuole essere un buon ascoltatore di supporto, e b) è sensibile a come gli altri si sentono (questo non significa che io sia sempre sensibile, sono capace anche di essere insensibile! Piuttosto, di solito ho un buon senso di quando qualcuno è felice, rilassato, a disagio, a disagio, triste, ecc.)

Caravaggio – “I musici”.

Risonanza emozionale e Risonanza equivalente.

Sympathetic Resonance & Emotional Resonance:  “Dobbiamo anche provare dei sentimenti per quella persona. Questo è ciò che l’esperto di emozioni Dr. Paul Ekman chiama Risonanza Emozionale e non va confuso con Risonanza Equivalente, dove qualcuno sente la stessa cosa di qualcun altro. Il sostegno di quella persona sarebbe altamente dannoso. Se vedi la mano di qualcuno in fiamme, per esempio, e senti la tua mano bruciare altrettanto intensamente, allora la tua capacità di prendere del ghiaccio e di curare il tuo amico è molto ridotta, perché ti stai concentrando sulla tua mano in fiamme”.

Dal libro “There is No Good Card for This” di Kelsey Crowe e Emily McDowell).

Ti piace Resonance Mini Skirt? Clicca sull’immagine.

Empatia.

Quando pensiamo all’empatia, di solito pensiamo alla Risonanza Emozionale: essere in grado di capire come si sente qualcuno e apprezzare come potrebbe essere camminare nei suoi panni. Ma, come si vede dalla citazione sopra, non è lì che finisce la storia. Sembra contro-intuitivo, ma la vera empatia nasce con una certa distanza emotiva. Possiamo assistere ai sentimenti di qualcun altro senza fonderci con essi. Questo non significa che non abbiamo una risposta emotiva alla loro situazione o a ciò che stanno condividendo. Potrebbe commuoverci fino alle lacrime, potrebbe evocare sentimenti di tristezza o di rabbia dentro di noi. Ma questa è la nostra stessa risposta emotiva, che è diversa dall’assumere le emozioni della persona con cui ci sentiamo empatici.

Risonanza Equivalente.

Una cosa che può portare a una Risonanza Equivalente piuttosto che a una Risonanza Emozionale a è che abbiamo un trauma simile non guarito o non elaborato intorno a una situazione analoga. Se qualcuno sta parlando di una situazione che scatena sentimenti irrisolti o traumi della nostra stessa vita, sarà difficile per noi entrare in empatia con loro senza provare una Risonanza Emozionale. Potremmo anche lottare con i confini: per sentirci connessi a qualcuno, perdiamo la separazione psicologica che ci segna come un individuo diverso. Questo è il motivo per cui i (buoni) corsi di formazione alla terapia si concentrano sulla crescita personale e sulla consapevolezza di sé tanto quanto le effettive capacità di consulenza, ed è anche il motivo per cui non sono generalmente un fan del co-counselling (dove si fanno a turno “sessioni” di consulenza con i coetanei). Non sappiamo quello che non sappiamo e la risonanza identica non è qualcosa che possiamo controllare se non siamo consapevoli dei nostri sentimenti, delle nostre esperienze e delle questioni irrisolte (o cerchiamo di essere consapevoli il più possibile). Anche se è un cliché, è vero che dobbiamo prima di tutto prenderci cura di noi stessi e indossare le nostre maschere di ossigeno prima di poter aiutare gli altri con la loro.

Caravaggio – “La vocazione di San Matteo”.

Come tornare alla Risonanza Emozionale.

Quindi cosa possiamo fare se ci rendiamo conto che stiamo vivendo una Risonanza Equivalente piuttosto che una Risonanza Emozionale?

1. Consapevolezza.

Come ho appena detto, il primo passo è la consapevolezza dell’aiuto che si sta dando ed a chi lo si sta offrendo. Molte persone che si prendono cura e sono attratte dall’aiuto degli altri sono persone che hanno vissuto traumi, esperienze negative o sfide dolorose. Anche se questo è un modo ammirevole di trasformare il male in bene, dobbiamo essere sicuri di non usare il nostro desiderio di aiutare come una forma di bypass spirituale: concentrarci sull’aiutare gli altri in modo da non dover affrontare i nostri problemi dolorosi, o per il desiderio di sentirci necessari per sostenere sentimenti di bassa autostima.

 

2. Senso del limite.

Possiamo portare gli altri solo fino a dove siamo disposti a portare noi stessi. Se vogliamo essere solidali con gli altri, una delle cose migliori che possiamo fare è risolvere i nostri problemi (e farlo perché vale la pena di risolverli, non solo perché vogliamo aiutare anche gli altri). Accettare la nostra vista e tutto ciò che comporta: gli eventi lieti e quelli meno lieti. Essere il miglior amico di sè stessi. Passate del tempo a dare amore e sostegno a voi stessi. Diventate consapevoli dei vostri pregi ma anche dei vostri limiti. Non abbiamo bisogno di essere supererori per aiutare tutti. È la cosa più utile per noi stessi e per l’altra persona che si vuole aiutare, è sapere quando è il momento di affermare:” Non sono in grado di sostenerti in questo momento.”

Gustav Klimt – “Il bacio”.

3. Resistete all’impulso di risolvere i problemi.

Sympathetic Resonance & Emotional Resonance:  Esiste un terzo tipo di risonanza chiamata Risonanza Reattiva. In altre parole, saltare direttamente in modalità di risoluzione dei problemi. “Oh, hai un problema? Lascia che te lo risolva io”. Come afferma Steven Covey nel libro The 7 Habits of Highly Effective People, “La maggior parte delle persone non ascolta con l’intento di capire; ascolta con l’intento di rispondere”. La soluzione di un problema cronico può essere più disincentivante che responsabilizzante, perché può inviare il messaggio all’altra persona: non sei in grado di risolverlo da solo. In determinate situazione, l’attitudine al problem-solving, deve lasciare il posto ad un atteggiamento saggiamente attendistico. Se qualcuno ha un problema pratico, per esempio, e noi abbiamo la conoscenza che potrebbe aiutare a risolverlo, è il momento in cui possiamo sposare con successo la Risonanza Emotiva con la Risonanza Reattiva: (“La tua lavatrice ha allagato la cucina? Accidenti! Avete controllato che il tubo di scarico non fosse ostruito?”).

4. Capire.

Il più delle volte, però, se vogliamo che l’altra persona si consideri sentita e compresa, dobbiamo prima mostrarle che la vediamo, leasentiamo e la capiamo, prima di affrettarci a trovare soluzioni. Nella maggior parte delle situazioni, la Risonanza Emotiva è il tipo di compassione più utile che possiamo offrire a qualcuno. La vera empatia richiede comprensione e consapevolezza di noi stessi tanto quanto l’altra persona. È anche la capacità di capire cosa significa camminare nei panni dell’altra persona “assorbire” le sue emozioni, soprattutto se negative.


 

Ti andrebbe di offrirci una birra?

Caro lettore, cerchiamo di offrirti sempre contenuti editoriali di qualità. Se ti siamo stati utili per accrescere le tue conoscenze, oppure ti abbiamo semplicemente fornito un utile servizio informativo, ti andrebbe di aiutarci offrendoci una birra? Sostieni il nostro giornalismo con un contributo di qualsiasi dimensione! Il tuo supporto aiuterà a proteggere l’indipendenza di CRONO.NEWS e questo significa che possiamo continuare a fornire giornalismo di qualità aperto a tutti, in tutto il mondo. Ogni contributo, per quanto grande o piccolo, è così prezioso per il nostro futuro. Questo sarebbe di grande aiuto per tutta la famiglia di Crono.news!

Anche se semplicemente condividessi il link del magazine ai tuoi amici, oppure gli articoli, sui social network. Mantenere in vita questo magazine indipendente, richiede molto tempo ed impegno, oltre notevoli spese, necessarie all’aggiornamento tecnico, l’hardware, la nostra sede, i Redattori. Se hai la possibilità di aiutarci con una donazione (anche una birra), ci aiuterai non poco a continuare, a migliorare ed ampliare il materiale informativo che mettiamo a disposizione di tutti.

Per donare è semplicissimo, qui sotto è disponibile il LINK per decidere (tramite server sicuro PayPal) come e quanto donare. Un grazie da tutta la redazione!

https://www.paypal.me/redazionecrononews



Vi ricordiamo che con Amazon Prime potrete avere spedizioni gratuite in 24 ore lavorative su migliaia di prodotti oltre a servizi extra come Amazon Prime Video. I primi 30gg sono gratuiti. Iscriviti Gratuitamente ad Amazon Prime per 30gg.


Con Amazon Kindle Unlimited hai letture illimitate da qualsiasi dispositivo: IOS, Android, PC. Scegli tra più di un milione di titoli e leggi dove e quando vuoi con l’app di lettura Kindle.
In promozione per 2 mesi GRATIS!
Poi rinnovi a 9,99€ al mese oppure puoi annullare l’iscrizione in qualsiasi momento.

 

Zeen is a next generation WordPress theme. It’s powerful, beautifully designed and comes with everything you need to engage your visitors and increase conversions.

Top Reviews

Altre storie
Vittorio Sgarbi il catalogo i Tesori nascosti
Vittorio Sgarbi, il catalogo della mostra i Tesori Nascosti.