Dahua Zhang photography: viaggio nella “La poetica della vita” dell’artista

Arte ed anima.

Dahua Zhang photography: viaggio nella “La poetica della vita” dell’artista cinese.

Dahua Zhang photography: “La poetica della vita” è ciò che mi ha ispirato ad intervistare Dahua Zhang. Conosco poco di lui, se non le sue fotografie, che mi hanno colpita sin dal primo momento in cui le ho viste. Sono scatti immediati che rivelano all’osservatore la profondità del suo animo, il quale stenta a palesarsi nell’intervista che ha deciso di rilasciare per Crono News. Dalle sue parole, ho imparato che Dahua preferisce affidarsi all’istinto, al “click” della macchina fotografica, per rappresentare la sua interiorità, senza lasciarsi veicolare dal giudizio del pubblico e dal suo stesso pensiero.

JOIN our Facebook Group: Meditation Mindfulness Yoga Mantra

La sua arte.

Quando gli ho chiesto di presentarmi la sua arte e la sua fonte di ispirazione, mi ha risposto: “Questa domanda è molto difficile, contrariamente a quanto si creda, il concept artistico non è qualcosa a cui pensi: la mia ispirazione deriva dalla vita stessa. Potrebbe essere qualsiasi storia, donna, un momento di rottura con la persona amata o un periodo difficile, ma potrebbe essere anche un film, una prospettiva insolita. Tutto questo mi può ispirare.” E aggiunge: “ Non penso a cosa voglio trasmettere al pubblico, per me è solo soddisfare la mia interiorità, non mi interessa molto del giudizio della gente.” Tali risposte puntuali ed immediate sembrano aver confermato la poetica che si cela dietro ad ogni suo scatto: “La poetica della vita.” Scevri da qualsiasi riflessione puramente concettuale i suoi scatti sono la rivelazione della sua verità interiore, divenendo così l’emblema dell’esistenza stessa, che si genera in mancanza di un’ intelligenza ordinatrice. Dahua non sfugge al caos ma lo ingloba per poi riordinarlo, senza volerlo, in verità artistica. “Bisogna avere un caos dentro di sé per partorire una stella danzante” diceva Friedrich Nietzsche.

Dahua Zhang.

Fotografie rivelatrici.

Sono proprio le sue fotografie rivelatrici che mi hanno incuriosita e mi hanno spinta a non chiedere di più, quando l’artista mi ha restituito una scarna presentazione di se stesso: “Mi chiamo Dahua e mi occupo di arte”, quasi a voler indicare che non ha importanza chi sia l’occhio che si nasconde dietro l’obiettivo, ma piuttosto ciò che esso vede e come lo vede. Le sue opere, così, diventano un tutt’uno con se stesso, ma al contempo ne sono completamente svincolate. Secondo Dahua, infatti, “il significato dell’arte è proprio l’espressione interiore, il punto di vista verso il mondo e qualsiasi cosa, la cui espressione viene fuori; ma la cosa più strabiliante dell’arte è che può mettere in contatto persone che altrimenti non comunicherebbero, ad esempio ad un giovane di venti anni e ad un anziano di sessanta potrebbe piacere lo stesso film”.

 

Immediatezza.

L’immediatezza dei suoi scatti, tuttavia, non tradisce la sua maestria tecnica, che ci regala opere superbe e mai banali, dall’erotismo talvolta timidamente accennato, attraverso l’utilizzo di vari elementi quali drappi che si confondono alle linee sinuose dei corpi, o del cellofan e dei sacchetti di plastica che evocano una sessualità quasi negata e per certi versi legata, altre invece evocano immagini insolite che destano meraviglia in chi le osserva: l’elemento fantastico si inserisce qui delicatamente, senza tradire l’essenzialità e la sobrietà dei suoi scatti, ma compartecipando al loro minimalismo, diventando così elementi naturali.

E-book. Un bellissimo viaggio nel fenomeno della Lo-Fi music (English version). Clicca sull’immagine.

 

Massima espressione.

Dahua Zhang photography: La sua poetica della vita trova nei soggetti umani la sua massima espressione. L’artista instaura con i soggetti rappresentati un legame viscerale che nasce e muore al suono dello scatto: “Mi piace fotografare le persone, ogni volta che le fotografo me ne innamoro per un po’ e penso che siano meravigliose, poi scatto, e vengo inebriato dalla felicità, dopo cado in un vuoto e in una stanchezza senza fine, non sto bene quasi se avessi perso una persona amata”.
Per Dahua la creazione artistica diventa una catarsi che nel suo breve tempo di gestazione lo tocca nel profondo fino a svuotarlo: la “petite mort”.

 

Ma è nell’atto della creazione stessa, che si consuma in ogni click, che l’artista trova la sua ragion d’essere. “Nutro interesse per molte cose, mi piace osservare tutto quello che c’è attorno, mi piacciono le persone, l’abbigliamento, i film, la moda, la musica… Fotografare è soltanto far entrare tutto ciò che ci piace e far uscire la nostra espressione”.

Ti piacciono i racconti? Leggi l’Ebook di Cafè Nirvana su Amazon, in lingua italiana o inglese.

Poche parole.

Dahua Zhang photography: La personalità di Dahua che si evince dalle sue poche parole e dalle sue opere mi ha spinto ad accostarlo alla figura di Renhang, un giovane fotografo cinese, divenuto famoso anche in Occidente. Come Renhang, Dahua predilige la ritrattistica, immortalando persone asiatiche. Ciò che mi ha stupito di più è che entrambi hanno risposto allo stesso modo alla domanda sul perchè preferissero scattare volti asiatici: “Fotografo i miei amici, chi mi sta attorno, ma non ho amici europei”. Tuttavia l’autore, nonostante abbia apprezzato il mio accostamento, si professa ben lontano da Renhang: “Grazie per aver giudicato in questo modo le mie opere, ma sono ben lontane da quelle di Renhang, che conosco e i cui lavori mi hanno impressionato per un certo periodo di tempo, mi meraviglia il fatto che una persona così ordinaria come lui abbia scattato delle foto così meravigliose. Tuttavia, mi ha influenzato poco.” Forse la potenza espressiva delle foto di Dahua sta nel fatto che non può essere messa a paragone ma che è propria dell’artista, “La caratteristica delle mie foto risiede nel mio modo di pensare stesso”.

Maria Bruna Ferrara

 


 

Ti andrebbe di offrirci una birra?

Caro lettore, cerchiamo di offrirti sempre contenuti editoriali di qualità. Se ti siamo stati utili per accrescere le tue conoscenze, oppure ti abbiamo semplicemente fornito un utile servizio informativo, ti andrebbe di aiutarci offrendoci una birra? Sostieni il nostro giornalismo con un contributo di qualsiasi dimensione! Il tuo supporto aiuterà a proteggere l’indipendenza di CRONO.NEWS e questo significa che possiamo continuare a fornire giornalismo di qualità aperto a tutti, in tutto il mondo. Ogni contributo, per quanto grande o piccolo, è così prezioso per il nostro futuro. Questo sarebbe di grande aiuto per tutta la famiglia di Crono.news!

Anche se semplicemente condividessi il link del magazine ai tuoi amici, oppure gli articoli, sui social network. Mantenere in vita questo magazine indipendente, richiede molto tempo ed impegno, oltre notevoli spese, necessarie all’aggiornamento tecnico, l’hardware, la nostra sede, i Redattori. Se hai la possibilità di aiutarci con una donazione (anche una birra), ci aiuterai non poco a continuare, a migliorare ed ampliare il materiale informativo che mettiamo a disposizione di tutti.

Per donare è semplicissimo, qui sotto è disponibile il LINK per decidere (tramite server sicuro PayPal) come e quanto donare. Un grazie da tutta la redazione!

https://www.paypal.me/redazionecrononews



Vi ricordiamo che con Amazon Prime potrete avere spedizioni gratuite in 24 ore lavorative su migliaia di prodotti oltre a servizi extra come Amazon Prime Video. I primi 30gg sono gratuiti. Iscriviti Gratuitamente ad Amazon Prime per 30gg.


Con Amazon Kindle Unlimited hai letture illimitate da qualsiasi dispositivo: IOS, Android, PC. Scegli tra più di un milione di titoli e leggi dove e quando vuoi con l’app di lettura Kindle.
In promozione per 2 mesi GRATIS!
Poi rinnovi a 9,99€ al mese oppure puoi annullare l’iscrizione in qualsiasi momento.

 

Crono.news periodico online di informazione e formazione. Un magazine digitale indipendente, libero da ideologie e preconcetti. Un nuovo modo di comunicare e condividere l’informazione e la conoscenza.

Altre storie
Nuovo Napoli, vecchie ambizioni: i tifosi azzurri ansiosi di vedere all’opera la squadra targata Ancelotti