Andrei Rublev: il più grande pittore russo di icone della Chiesa ortodossa

Andrei Rublev: il più grande pittore russo di icone e della Chiesa ortodossa. Un grande pittore che faceva brillare la sua arte in contrasto con gli anni oscuri della Russia medievale.

Andrei Rublev: La storia ha visto diversi importanti pittori ortodossi di icone. Tuttavia, il più famoso tra questi è senza dubbio Andrei Rublev – un grande pittore di icone che faceva brillare la sua arte in contrasto con gli anni violenti, oscuri e brutali della Russia medievale. Il fatto è che non dipingeva icone religiose per fama, profitto o gloria. Predicava piuttosto il Vangelo con i colori. Così, tutte le icone ortodosse di Andrei Rublev non sono firmate, e grazie a lui oggi esiste ancora un’intera scuola di iconografia ortodossa orientale riconoscibile in tutto il mondo.

Alta vocazione.

Andrei Rublev, il più grande pittore russo di icone e affreschi della Chiesa ortodossa, nacque vicino a Mosca nel 1360. Purtroppo le informazioni biografiche su di lui e sulla sua vita sono molto scarse. Si presume che abbia vissuto come monaco nella Lavra della Santissima Trinità fondata nel 1345 da Sergii Radonezhsky. È qui che Andrej Rublev cominciò a dipingere, cercando di compiere la sua alta vocazione – lasciate che Dio parli alla gente attraverso le icone religiose. Non sappiamo dove abbia imparato l’iconografia ortodossa orientale e chi sia stato il suo maestro. La prima menzione dell’opera di Rublev risale al 1405.

 

Canonizzato dalla Chiesa ortodossa russa.

A quel tempo, insieme agli stimatissimi artigiani Prokhor il Vecchio di Gorodets e Teofane il Greco, Andrei creò icone e affreschi ortodossi russi per la Cattedrale dell’Annunciazione, una delle più grandi chiese medievali del Cremlino di Mosca. Le cronache ci dicono che tre anni dopo, nel 1408, Andrei Rublev e Daniil Chyorny dipinsero la magnifica Cattedrale della Dormizione a Vladimir. Un’altra opera congiunta di questi grandi pittori di icone ortodossi russi si riferisce al 1425-1427, l’epoca in cui dipinsero la Lavra della Santissima Trinità di San Sergio. Si ritiene inoltre che Rublev abbia dipinto una o più miniature per i Vangeli di Khitrovo, un libro di Vangelo miniato russo della fine del XIV secolo. Gli ultimi anni della sua vita, Andrei Rublev trascorse nel monastero Andronikov del Salvatore a Mosca dove realizzò il suo ultimo capolavoro dell’iconografia ortodossa orientale, gli affreschi della Cattedrale del Salvatore. Morì il 29 gennaio 1430. Nel 1988, Andrei Rublev fu canonizzato dalla Chiesa ortodossa russa.

 

Indimenticato artista.

Si può dire che la sorte fu piuttosto clemente con questo sant’uomo. Sebbene non abbia mai aspirato a diventare celebre, Andrei Rublev ottenne il riconoscimento per le sue icone della Chiesa ortodossa russa, uniche nel loro genere, quando era ancora tra i vivi, il che è confermato da diverse cronache storiche dell’epoca. Inoltre, anche dopo la sua morte non viene dimenticato, poiché la sua fama di santo pittore di icone è sopravvissuta nei secoli. Anche nel XIX secolo e durante il periodo sovietico, quando l’arte iconografica sembrava essere dimenticata, il nome di Andrei Rublev era considerato lo standard dell’arte ecclesiastica. Non c’è da stupirsi che le famose icone religiose di Rublev, che rappresentano l’incarnazione dell’iconografia canonica ortodossa orientale, siano sempre state molto apprezzate in tutto il mondo.


 

Ti andrebbe di offrirci una birra?

Caro lettore, cerchiamo di offrirti sempre contenuti editoriali di qualità. Se ti siamo stati utili per accrescere le tue conoscenze, oppure ti abbiamo semplicemente fornito un utile servizio informativo, ti andrebbe di aiutarci offrendoci una birra? Sostieni il nostro giornalismo con un contributo di qualsiasi dimensione! Il tuo supporto aiuterà a proteggere l’indipendenza di CRONO.NEWS e questo significa che possiamo continuare a fornire giornalismo di qualità aperto a tutti, in tutto il mondo. Ogni contributo, per quanto grande o piccolo, è così prezioso per il nostro futuro. Questo sarebbe di grande aiuto per tutta la famiglia di Crono.news!

Anche se semplicemente condividessi il link del magazine ai tuoi amici, oppure gli articoli, sui social network. Mantenere in vita questo magazine indipendente, richiede molto tempo ed impegno, oltre notevoli spese, necessarie all’aggiornamento tecnico, l’hardware, la nostra sede, i Redattori. Se hai la possibilità di aiutarci con una donazione (anche una birra), ci aiuterai non poco a continuare, a migliorare ed ampliare il materiale informativo che mettiamo a disposizione di tutti.

Per donare è semplicissimo, qui sotto è disponibile il LINK per decidere (tramite server sicuro PayPal) come e quanto donare. Un grazie da tutta la redazione!

https://www.paypal.me/redazionecrononews



Vi ricordiamo che con Amazon Prime potrete avere spedizioni gratuite in 24 ore lavorative su migliaia di prodotti oltre a servizi extra come Amazon Prime Video. I primi 30gg sono gratuiti. Iscriviti Gratuitamente ad Amazon Prime per 30gg.


Con Amazon Kindle Unlimited hai letture illimitate da qualsiasi dispositivo: IOS, Android, PC. Scegli tra più di un milione di titoli e leggi dove e quando vuoi con l’app di lettura Kindle.
In promozione per 2 mesi GRATIS!
Poi rinnovi a 9,99€ al mese oppure puoi annullare l’iscrizione in qualsiasi momento.

Zeen is a next generation WordPress theme. It’s powerful, beautifully designed and comes with everything you need to engage your visitors and increase conversions.

Top Reviews

Altre storie
Librerie in provincia di Napoli cosa assai rara anche a Marano di Napoli-1
Librerie in provincia di Napoli: oramai è cosa assai rara