Home Attualità Educazione ambientale nuova materia di studio nelle scuole italiane

Educazione ambientale nuova materia di studio nelle scuole italiane

225

Educazione ambientale nuova materia di studio nelle scuole italiane; a darne l’annuncio è stato lo stesso Ministro dell’Ambiente Sergio Costa.

L’Educazione ambientale entra nelle scuole d’Italia. La nuova materia farà dunque il suo debutto trai banchi a cominciare dal prossimo anno scolastico 2020/21. Lo stesso Ministro dell’Ambiente Sergio Costa ha reso noto l’introduzione di questa disciplina nelle materie di studio degli studenti ed ha precisato che sono stati stanziati dei fondi pari a 330 mila euro per finanziare il progetto soprattutto negli istituti più disagiati, in cui si è costretti a lottare avverso l’inquinamento ed il degrado ambientale.

Naturalmente si tratta di una notizia che induce a ben sperare in un notevole miglioramento della situazione legata all’ambiente. Anche Napoli Est, zona urbana sempre protagonista  di polemiche e disagi, è tra le aree interessate dal progetto che sarà favorito pure dal contributo di associazioni ambientaliste dedite alla sensibilizzazione a sfondo sociale come la qualità dell’aria, i cambiamenti climatici, l’amore per la Natura, il rispetto degli animali, beni comuni, la diminuzione delle plastiche e la  tutela del mare. Il ministro Costa ha dichiarato che tutte le associazioni che si pongono l’obiettivo di diffondere tra i cittadini l’amore per l’ambiente, secondo delle argomentazioni ben definite, saranno aiutate.

Inoltre saranno coinvolte le scuole nei Sir, cioè i siti di interesse regionale, i quali sono sotto l’egida della regione  per quanto concerne le bonifiche. Del resto ha proseguito Costa, l’educazione ambientale costituisce una realtà atta a sensibilizzare il senso civico e culturale di tutti, grandi e piccoli. Il ministro, infine, auspica che questo progetto possa coinvolgere anche il nuovo ministro dell’Istruzione al fine di cercare di dare ai ragazzi di tutte le scuole d’Italia quella tutela ambientale e quell’amore per la Natura che attualmente, purtroppo, sono carenti.

Rispondi