Home Cultura Ristorante Caupona: Una cena spettacolo tra misticismo e letteratura

Ristorante Caupona: Una cena spettacolo tra misticismo e letteratura

1067
Ristorante Caupona, cena spettacolo tra misticismo e letteratura-1
Ristorante Caupona.

Ristorante Caupona, una cena spettacolo tra misticismo e letteratura. In occasione della presentazione del libro “Il Velo di Iside” di Fiorella Franchini.

Lo scorso 12 aprile, nel meraviglioso contesto sospeso nel tempo del Ristorante Caupona di Pompei, si è tenuta la suggestiva cena spettacolo “La Magia di Iside al Chiaro di Luna“; un evento che ha condotto i presenti nell’atmosfera magica dei riti e miti legati alla antichissima divinità di Iside.

Ristorante Caupona, cena spettacolo tra misticismo e letteratura-6
Monique Iandolo, Fiorella Franchini, Francesco Di Martino, Marco Pirollo, Cristiano Luchini, Giovanni Musella .

All’interno del particolare ristorante, costruito come un’antica osteria pompeana, si è gustata una cena a a base di antichi piatti romani, intervallate da passaggi (recitati) del libro dedicati alla sacerdotessa isiaca, Cassia Livilla e del suo amore per il navarco Valerio Pollio Isidoro, protagonisti dell’ apprezzato romanzo storico “Il velo di Iside” della giornalista e scrittrice Fiorella Franchini. Ospiti dell’evento: Monique Iandolo (Criminologa), Giovanni Musella (Editore di Kairòs), Cristiano Luchini (Redattore Crono.news e Direttore artistico di Napoli fashion on the road), e Marco Pirollo (Redattore MadeinPompei.it).

Ristorante Caupona, cena spettacolo tra misticismo e letteratura-2
Sgombro con crema di zucchine alla scapece su scarola, olive, uva sultanina e mandorle.

Alla fine della cena-spettacolo, è stato messo in scena l’antichissimo rito, (una preghiera), dedicato ad Iside, con la partecipazione accorata di tutti i presenti. In occasione della presentazione del libro “Il Velo di Iside“, il Ristorante Caupona, curato dal giovane imprenditore Francesco Di Martino, ha presentato il nuovo menù basato su gustosissimi piatti dell’antica tradizione pompeana.

Rispondi