Home Cronaca locale Roof and Sky, il il bar galleggiante che fluttua tra le acque...

Roof and Sky, il il bar galleggiante che fluttua tra le acque del Lago Miseno

898
Tempo di lettura: 2 minuti
Roof and Sky.

Roof and Sky, il il bar galleggiante che fluttua tra le acque del Lago Miseno, bacino naturale utilizzato dagli antichi Romani, per i cantieri e la manutenzione navale della straordinaria flotta Classis Misenensis.

Roof and Sky è un trimarano con motore elettrico,  costruito specificamente per galleggiare sulle placide acque del Lago Miseno. Un vero e proprio bar galleggiante del quale ci racconta Michele Grande, proprietario della struttura: “Nel 2003/4 iniziai a ideare il progetto con il mio team di lavoro e soltanto 5 anni di dopo, a causa di diversi intoppi creati da regolamenti ed autorizzazioni, riuscimmo a mettere “in acqua” il nostro bar galleggiante. In Italia non esiste nessuna imbarcazione simile, giacchè la nostra è stata creata per le caratteristiche specifiche del Lago Miseno. Possiamo ospitare fino a 120 passeggeri. Si tratta di un ambiente rilassante, dal quale è possibile godere di una veduta a 360 gradi del meraviglioso territorio dei Campi Flegrei.”

Roof and Sky, il il bar galleggiante che fluttua tra le acque del Lago Miseno-2
Le placide acque del Lago Miseno, viste dal Roof and Sky.

Unicità del progetto da rivendicare anche se consideriamo la gloriosa storia di questi luoghi. Il Lago Miseno fu di fondamentale importanza al tempo degli antichi Romani. Il porto di Miseno (Misenum) era un porto naturale nel meraviglioso Golfo di Napoli. Poteva contenere ben 250 imbarcazioni. In età augustea, in seguito all’impraticabilità del precedente porto militare di Portus Iulius nella baia di Puteoli, la vicina località di Miseno divenne la più importante base militare della flotta romana a guardia del bacino del Mediterraneo occidentale; la cosiddetta Classis Misenensis. Va sottolineato che il porto sfruttava un doppio bacino naturale, quello interno di 3 km di circonferenza, proprio il Lago Miseno, riservato a cantieri e manutenzione navale, e quello più esterno, che era il porto vero e proprio.

Michele Grande crede fortemente nella promozione culturale del suo adorato territorio:
“Mi spendo molto per i Campi Flegrei. E’ il mio territorio, è di una bellezza disarmante, ma ritengo che i più non ne siano consapevoli. Siamo fallaci dal punto di vista della ricettività turistica, oltre che dei trasporti, e per questo non pronti ad incercettare i flussi turistici più rilevanti. A bordo del mio locale, proponiamo non di rado, presentazioni di libri, mostre di pittura e di scultura. La cultura, nel clima sereno e raffinato che si respira a bordo del Roof and Sky, è un elemento costituente della nostra attività professionale, e per questo siamo costantemente aperti a nuove ed interessanti sinergie che possano porre sempre più l’attenzione sui Campi Flegrei.”

La flotta romana di Miseno: la grande potenza bellica nel cuore dei Campi Flegrei

Rispondi