I Pennelli di Vermeer

I Pennelli di Vermeer presentano “Misantropi felici” a Castellammare di Stabia

I Pennelli di Vermeer presentano “Misantropi felici” al teatro CAT di Castellammare di Stabia.

Domani, venerdì 10 novembre, per la prima volta live il nuovo album per festeggiare i dieci anni dello storico gruppo vesuviano, I Pennelli di Vermeer.

Dieci è il numero che ricorre e che festeggiano. Come il decennale di carriera e il numero di brani contenuti nel loro nuovo lavoro discografico. Al teatro Cat di Castellammare di Stabia, domani, venerdì 10 novembre, a partire dalle ore 21.30, I Pennelli di Vermeer presenteranno l’album appena uscito dal titolo “Misantropi Felici”, già in vendita dal 3 novembre nei negozi di dischi, nei digital download e su tutte le piattaforme streaming.

Prodotto dall’etichetta Soter e distribuito da Believe Distribution Service, “Misantropi felici” è il ritorno al rock d’autore, anticipato lo scorso aprile dal singolo “Ho perso il pelo”, edito in digitale. Il disco scava nel profondo dell’animo: i testi, molto intimisti, raccontano di contraddizioni e sentimenti, vizi e paure, voglia di cambiamento e di fuga dalla frenesia quotidiana.

Una ritrovata dimensione domestica fatta di sguardi, carezze, attimi e piccoli gesti, quelli che nessuno vede più perché non fanno notizia e clamore. In questo “mondo sommerso” della quotidianità, si danno appuntamento due misantropi, anime fragili e invisibili, pensatori non conformi e poco allineati.

La band,  I Pennelli di Vermeer è formata da: Pasquale Sorrentino (voce e chitarra acustica), Stefania Aprea (voce e chitarra acustica), Michele Matto (basso), Marco Sorrentino (rullante e cassa) e dalla ‘new entry’ nei concerti, Giuseppe Dardano (chitarra elettrica).

 

Zeen is a next generation WordPress theme. It’s powerful, beautifully designed and comes with everything you need to engage your visitors and increase conversions.

Top Reviews

Altre storie
Inventare giochi. Il Game Designer Dario Massa
Inventare giochi… un mondo affascinante e misterioso, può essere un mestiere?