Home Cultura Napoli vista con gli occhi di Elena Ferrante, un autentica guida per...

Napoli vista con gli occhi di Elena Ferrante, un autentica guida per il turista

371
Tempo di lettura: 2 minuti
Napoli vista con gli occhi di Elena Ferrante, un'autentica guida per il turista

Napoli vista con gli occhi di Elena Ferrante, un’autentica guida per il turista: i luoghi da conoscere secondo il New York Times. La famosa scrittrice napoletana ha pubblicato i suoi libri in ben 39 paesi del mondo, provocando una Ferrante mania più nei lettori esteri che in quelli italiani. Con la sua sagacia è stata in grado di far conoscere il capoluogo campano oltre i confini, ed oltreoceano, gettando la maschera di una Napoli quasi sconosciuta ed ignorata. 

Napoli vista con gli occhi di Elena Ferrante: La splendida città di Napoli vista attraverso gli occhi della celebre scrittrice partenopea Elena Ferrante. I suoi libri sono divenuti una vera e propria guida del turista, creando una Ferrante mania più nei lettori esteri che in quelli del nostro paese. Ella con la sua sagacia è stata capace di portare il capoluogo partenopeo oltre i confini ed anche oltreoceano, gettando così la maschera di una Napoli quasi sconosciuta ed ignorata. Grazie a lei, Napoli, sempre dipinta come la città in cui comanda la camorra,per cui diventa molto pericoloso soggiornarvi ed  in cui ci sono cumuli di rifiuti, in un batter d’occhio, è diventata una delle mete più gettonate dai turisti inglesi ed americani, questi ultimi infatti, dopo aver letto appassionatamente i libri della scrittrice, apprezzando Napoli vista con gli occhi di Elena Ferrante, si sono riproposti di  conoscere la città popolare, quella  autentica narrata, per esempio nella tetralogia dell’Amica geniale.
Napoli, attualmente, è sulla cresta dell’onda; le pizzerie hanno persino realizzato delle  pizze ispirate ai personaggi raccontati da Elena Ferrante. La responsabile della casa editrice Europa Editions della sede di Londra, Daniela Petracco, che fa della narrativa italiana il suo fiore all’occhiello, ha  dichiarato che oggi esiste un rinato interesse per la metropoli situata all’ombra del Vesuvio, mente in passato  non era mai stata una meta facile per qualsiasi turista. In poche parole è come se visitare la città partenopea vissuta  e descritta  fosse il solo  modo per i lettori di conoscere la scrittrice celata  dal suo anonimato, per  capire qualcosa in più sulla sua persona; visitando Napoli è come se potessero passarle accanto, quasi per caso,  in uno dei tanti vicoli della città.
I romanzi di Elena Ferrante, in sostanza, hanno soppiantato le vecchie guide turistiche di Napoli: secondo il New York Times, uno dei quotidiani più famosi al mondo, l’opera della Ferrante regala al lettore una visione unica di questa città così complessa, portando  lontano dai quartieri turistici ed aiutando a scoprire le differenze sociali, economiche e geografiche del capoluogo campano. Senza averli mai viste il lettore americano già immagina nella sua mente quelle strade descritte nei libri: Piazza dei Martiri, Via Port’Alba, il Corso Umberto I, meglio conosciuto come il Rettifilo, il Rione Luzzatti,  il quartiere popolare che il New York Times ricorda come il  luogo dove le giovani donne della Ferrante sono cresciute. Attraverso la visione di Napoli raccontata nei libri di  di Elena Ferrante il  turista inglese, o americano sa già dove andare e  dove fermarsi: dai quartieri più polari alle zone inn,  come per esempio la magnifica collina di Posillipo.

 

Rispondi