Guillermo Gómez-Peña e Coco Fusco - The Couple in the Cage: Two Amerindians Visit the West.

The Couple in a Cage Guillermo Gómez-Peña: critica al colonialismo

L'esperimento (1992) incarnò i concetti che circa 15 anni prima Edward Said aveva espresso nel suo libro "Orientalismo".

The Couple in a Cage Guillermo Gómez-Peña: critica al colonialismo occidentale. Performance artistica del 1992-1993 dei due artisti Guillermo Gómez-Peña e Coco Fusco.

The Couple in a Cage Guillermo Gómez-Peña. The Couple in a Cage. Two Amerindians Visit the West fu una performance artistica del 1992-1993 degli artisti Coco Fusco e Guillermo Gómez-Peña per la loro mostra The Year of the White Bear and Two Undiscovered Amerindians Visit the West – che girò cinque paesi e fu eseguita in nove luoghi diversi. Eseguita per la prima volta in onore dei 500 anni dall’arrivo di Cristoforo Colombo nelle Americhe, l’opera ebbe l’intento rendere visibili storie di abusi, prigionia e sfruttamento dei popoli indigeni. La loro ispirazione attinse a piene mani dalla storia dallo zoo umano e dalle storie di vita di figure storiche come Ota Benga e Sarah Baartman, a partire dal rapimento degli indiani Arawak da parte di Colombo e dei suoi uomini per essere esposti alla corte spagnola.

JOIN our Facebook Group: Meditation Mindfulness Yoga Mantra 

Messa in scena e performance.

Presentandosi come Amerindi non ancora scoperti dell’isola fittizia non colonizzata di Guatinaui, Fusco e Gómez-Peña presentarono una voce inventata dell’Encyclopædia Britannica sugli “Amerindi” e una mappa corrispondente dell’isola di Guatinaui nel Golfo del Messico come parte della messa in scena della loro performance. [3] Queste informazioni erano ulteriormente integrate sia da targhe o piedistalli che alludevano alla storia dei popoli messi in mostra negli ultimi 500 anni. Altri testi forniti narravano anche il loro ruolo di rappresentanti volontari di Guatinaui, dettagliando le attività della vita quotidiana degli Amerindi, e convalidando l’habitat della gabbia e il suo contenuto come loro habitat naturale.

“Il termine ispanico, coniato dagli esperti di technomarketing e dagli ideatori di campagne politiche, omogeneizza la nostra diversità culturale (chicani, cubani e portoricani diventano indistinguibili), evita la nostra eredità culturale indigena e ci collega direttamente alla Spagna. Peggio ancora, possiede connotazioni di mobilità verso l’alto e obbedienza politica.”
(Guillermo Gomez-Pena)

Guillermo Gómez-Peña- “Exercises for Rebel Artists: Radical Performance Pedagogy”.

In gabbia.

The Couple in a Cage Guillermo Gómez-Peña. Aiutati dagli studenti della University of California-Irvine, gli artisti costruirono una gabbia nella quale inserirono una macchina fotografica Polaroid e pellicola, padelle, artefatti rituali, vernice spray, body paint, un televisore e un’amaca. Studenti e membri dello staff istituzionale servirono come guardie e assistenti alla coppia in gabbia: nutrendoli, educando il pubblico sulle loro origini, e assistendo gli spettatori a scattare polaroid commemorative con i performer in gabbia.Coloro che agivano come docenti o guardie erano anche responsabili dello smaltimento quotidiano dei rifiuti della gabbia, nutrendo i performer e scortandoli al bagno con un guinzaglio. Gómez-Peña e Fusco erano vestiti con costumi primitivi: occhiali da sole firmati, una maschera da luchador ghepardo, stivali da banda, pittura facciale, parrucche lunghe, gonna di erba, collane, un top leopardato e scarpe da ginnastica basse Converse.

Ti piacciono i racconti brevi? Leggi ebook e paperback di Cafè Nirvana su Amazon, in lingua italiana o inglese. Clicca sull’immagine.

 

Guatinaui.

Gli artisti in gabbia eseguivano i compiti “tradizionali” di Guatinau: guardare la televisione, cucire bambole voodoo, usare un computer portatile, camminare avanti e indietro, mangiare o essere nutriti con frutta, e bere acqua in bottiglia e Coca-Cola Classic. In netto contrasto con le opere delle loro pratiche e di altre collaborazioni, gli artisti sono rimasti in silenzio durante le performance, a parte Gómez-Peña, che recitava storie tradizionali in un linguaggio fittizio e nonsense in cambio di donazioni. Nell’ultima performance, queste “storie tradizionali” raccontavano il tour Guatinaui dell’Occidente, con l’effusione nonsense condita da parole riconoscibili come “Chicago”, “Messico”, “Minnesota” e “America”.

Edward W. Said – “Orientalism”.

“L’Oriente e l’Islam hanno una sorta di status oltre la realtà, fenomenologicamente ridotto, che li mette fuori dalla portata di tutti, tranne che dell’esperto occidentale. Dall’inizio della speculazione occidentale sull’Oriente, l’unica cosa che l’Oriente non poteva fare era rappresentare sè stesso. Le prove dell’Oriente erano credibili solo dopo che erano passate attraverso e rese solide dal lavoro di rifinitura dell’orientalista”.
(Edward W. Said, “Orientalismo”)

Edward Said – “Orientalism”.

L’esperimento The Couple in a Cage: Two Amerindians Visit the West (1992) incarnò perfettamente i concetti che circa 15 anni prima Edward Said aveva espresso nel suo celebre libro “Orientalism”. Un libro n cui l’autore stabilisce il termine  Orientalismo”come concetto critico per descrivere la comune, sprezzante rappresentazione e rappresentazione dell'”Oriente”,da parte dell’Occidente. Le società e i popoli dell’Oriente sono quelli che abitano i luoghi dell’Asia, del Nord Africa e del Medio Oriente. Said sostiene che l’orientalismo, nel senso dell’erudizione occidentale sul mondo orientale, è inestricabilmente legato alle società imperialiste che lo hanno prodotto, il che rende gran parte dell’opera orientalista intrinsecamente politica e servile al potere.

Studi postcoloniali.

Attraverso l’applicazione critica nella sua ricerca, il libro “Orientalism” ha influenzato lo sviluppo della teoria letteraria, della critica culturale e del campo degli studi mediorientali, soprattutto per quanto riguarda il modo in cui gli accademici praticano le loro indagini intellettuali quando esaminano, descrivono e spiegano il Medio Oriente. Inoltre, la portata della ricerca di Said ha stabilito Orientalismo come un testo fondamentale nel campo degli studi postcoloniali, denotando ed esaminando le connotazioni dell’orientalismo, e la storia del periodo post-coloniale di un dato paese. Come intellettuale pubblico, Edward Said ha discusso con storici e studiosi di studi d’area, in particolare con lo storico Bernard Lewis, che ha descritto la tesi dell’Orientalismo come “anti-occidentale.” Per le successive edizioni di “Orientalism”, Said ha scritto una Postfazione (1995) e una Prefazione (2003) affrontando gli argomenti trattati nel libro come critica culturale.



Vi ricordiamo che con Amazon Prime potrete avere spedizioni gratuite in 24 ore lavorative su migliaia di prodotti oltre a servizi extra come Amazon Prime Video. I primi 30gg sono gratuiti. Iscriviti Gratuitamente ad Amazon Prime per 30gg.


Con Amazon Kindle Unlimited hai letture illimitate da qualsiasi dispositivo: IOS, Android, PC. Scegli tra più di un milione di titoli e leggi dove e quando vuoi con l’app di lettura Kindle.
In promozione per 2 mesi GRATIS!
Poi rinnovi a 9,99€ al mese oppure puoi annullare l’iscrizione in qualsiasi momento.

 

Zeen is a next generation WordPress theme. It’s powerful, beautifully designed and comes with everything you need to engage your visitors and increase conversions.

Top Reviews

Altre storie
riti e usanze a san silvestro
Riti scaramantici ed usanze a San Silvestro