Viracocha & Jesus: Incas, Libro di Mormon e colonizzazione spagnola

Viracocha & Jesus: Incas, Libro di Mormon e colonizzazione spagnola. Viracocha era la divinità principale dell’antico Perù.

Viracocha & Jesus: Viracocha era la divinità principale dell’antico Perù, all’epoca degli Incas, e secondo i cronisti spagnoli (storici cattolici, per lo più sacerdoti, arrivati in Perù poco dopo Francisco Pizarro e i conquistadores del 1500), il do fu chiamato il “Dio creatore delle Ande”. I cronisti spagnoli hanno appreso e scritto di Viracocha sulla base di testimonianze orali ricevute dagli Incas e del loro studio di usanze e pratiche inca ancora esistenti al tempo della conquista del Perù. Hanno anche visto e descritto diverse statue (poi da loro stessi distrutte), rappresentazioni di Viracocha che erano venerate dagli Incas e dai loro antenati. Significativamente, molte caratteristiche e azioni di Viracocha riportate dagli Incas e documentate dai cronisti nel 1500 corrisponde a quelli attribuite a Gesù Cristo nel Libro di Mormon. il Libro di Mormon è uno dei testi sacri del mormonismo, considerato dai membri della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli ultimi giorni, un libro rivelato. Il nome del libro deriva da Mormon, un profeta che, secondo il testo stesso, avrebbe racchiusa la storia del suo popolo incidendola su delle tavole d’oro.

JOIN our Facebook Group: Meditation Mindfulness Yoga Mantra

Gullermo Prescott – “Historia de la Conquista del Peru”.
“Yeshua Shmi” in aramaico ישוע שמי (“Gesù è il mio nome”). Nome rivelato nelle Scritture ebraiche (Tanach). L’Ichthys è il simbolo cristiano del Pesce. Clicca sull’immagine.

Il Libro di Mormon fu pubblicato per la prima volta dal fondatore della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni, Joseph Smith nel 1830. Oltre alla Chiesa di Gesù Cristo dei santi degli ultimi giorni, anche altre confessioni minoritarie che fanno riferimento al  mormonismo considerano il libro di Mormon un testo sacro.  ate le somiglianze generali tra Viracocha dei cronisti e Gesù Cristo, come descritto nel Libro di Mormon, alcuni potrebbero  chiedersi se il fondatore del Mormonismo, Joseph Smith, non sia riuscito in qualche modo ad accedere ai resoconti dei cronisti spagnoli del XVI secolo. Il Primo libro di Nefi nel Libro di Mormon. Si tratta di una narrazione in prima persona, che inizia intorno al 600 a.C., di un profeta chiamato e Nefi; tale ne costituisce la continuazione. Il libro inizia nella Gerusalemme dell’epoca di re Sedecia, quando il padre di Nefi, Lehi, ha una visione del Padre, di Cristo e dei dodici apostoli, e gli viene comunicata la feroce distruzione della città da parte dei Babilonesi. Come conseguenza di ciò, Lehi inizia immediatamente a predicare il pentimento presso le proprie genti ma, come altri profeti di quel periodo, come Geremia, il popolo rigetta i suoi insegnamenti e cerca di assassinarlo mediante lapidazione. Lehi per ordine divino lasciò Gerusalemme intorno al 600 a.C. con la moglie Saria e i suoi quattro figli (Laman, Lemuele, Sam e Nefi) e figlie (numero imprecisato), portando con sé gli “Annali dei Giudei” presi a Laban. Un altro ebreo, di nome Ismaele (da non confondersi con Ismaele figlio di Abramo), insieme alla sua famiglia, si unì a Lehi nel suo viaggio.

Viracocha.

Viracocha & Jesus: Durante il viaggio i figli di Lehi sposarono le figlie di Ismaele. Lehi e Nefi ebbero una visione degli avvenimenti futuri e della venuta del Messia. Giunti alle “grandi acque”, nel luogo chiamato “Abbondanza”, Nefi costruì una nave con la quale raggiunsero la terra promessa nel continente americano, intorno al 588 a.C. Qui Nefi ricevette l’importante ordine da Dio di scrivere le piccole e le grandi tavole. Echi dell’apparizione di Cristo come correlati nel Libro di Mormon si possono trovare nei resoconti della visita di Viracocha che sono stati tramandata attraverso generazioni di antichi peruviani prima di essere finalmente registrata dai cronisti cattolici nel 1500. Ad esempio, secondo il Libro di Mormon, la visita di Cristo in questo continente è stata preceduta da grandi distruzioni attraverso terremoti, incendi, frane, tempeste, montagne che cadono, pianure che si innalzano e città inghiottite da terra e acqua, tutti seguito da tre giorni di fittissima oscurità.

A sinistra il volto di Viracocha scolpito nella roccia. Ollantaytambo, Perù.

Libro di Mormon.

Viracocha & Jesus: “…voi, popoli di queste a grandi città che sono cadute, che siete discendenti di Giacobbe, sì, che siete del casato d’Israele, quante volte vi ho raccolto, come una chioccia raccoglie i suoi pulcini sotto le sue ali, e vi ho b nutrito. 5 E ancora, a quante volte ho voluto raccogliervi, come una chioccia raccoglie i suoi pulcini sotto le sue ali, sì, voi o popolo del casato d’Israele, che sei caduto; sì, voi o popolo del casato d’Israele, voi che abitate a Gerusalemme, come voi che siete caduti, quante volte ho voluto raccogliervi come una chioccia raccoglie i suoi pulcini, ma non avete voluto. 6 O voi, casato d’Israele, che ho a risparmiato, quante volte vi raccoglierò come una chioccia raccoglie i suoi pulcini sotto le sue ali, se vi pentirete e b tornerete a me, con pieno intento di c cuore. 7 Ma se no, o casato d’Israele, i luoghi delle tue dimore diverranno desolati, fino al tempo del compimento dell’a alleanza dei tuoi padri. 8 Ed ora avvenne che dopo che il popolo ebbe udite queste parole, ecco, ricominciarono a piangere e ad urlare a causa della perdita dei loro parenti ed amici. 9 E avvenne che passarono così i tre giorni. E al mattino le a tenebre si dissiparono dalla faccia del paese, e la terra cessò di tremare, e le rocce cessarono di spaccarsi, e gli spaventosi boati cessarono e tutti i rumori tumultuosi scomparvero. 10 La terra si ricongiunse e si fermò; e i pianti, e i lamenti e i gemiti delle persone che erano state lasciate in vita cessarono; i loro lamenti si trasformarono in gioia e le loro lamentele in lodi e ringraziamenti al Signore Gesù Cristo, loro Redentore. 11 E fin qui furono a adempiute le Scritture che erano state dette dai profeti. 12 Ed era la a parte più giusta del popolo che era stata salvata, erano quelli che avevano ricevuto i profeti e non li avevano lapidati, ed erano quelli che non avevano versato il sangue dei santi, che erano stati risparmiati. 13 E furono risparmiati e non furono sprofondati e sepolti nella terra; e non furono annegati nelle profondità del mare; non furono bruciati dal fuoco, né sepolti e schiacciati a morte; e non furono portati via dalle trombe d’aria, né furono sopraffatti dal vapore di fumo e di tenebre.”

Atahuallpa, ultimo imperatore degli Incas.
“Yeshua Shmi” in aramaico ישוע שמי (“Gesù è il mio nome”). Nome rivelato nelle Scritture ebraiche (Tanach). L’Ichthys è il simbolo cristiano del Pesce. Clicca sull’immagine.

“Senza vedere il sole…”

Viracocha & Jesus: Il cronista Cieza scrisse. “Sono stati a lungo senza vedere il sole, e che, soffrendo molto il male della sua assenza, grandi preghiere e voti sono stati offerti ai loro dei, implorando la luce di cui avevano bisogno. Essendo le cose in questo stato, la luce del sole, che splende molto luminoso, iniziò ad arrivare dall’isola di Titicaca.  Tutti si rallegrarono e successivamente da Sud arrivò un uomo bianco di grande statura, che aveva un grande potere, tanto da poter trasformare pianure in montagne, grandi colline in valli e far scorrere l’acqua dalle pietre. Non appena tale potere fu ammirato dai numerosi accorsi, il dio iniziò a essere chiamato il Creatore delle cose create, il Principe di tutte le cose, il Padre del Sole.”

Il nome completo di Viracocha, “Con Tici Viracocha”, ha un significato relativo alla distruzione descritta nel Libro di Mormone prima della visita del Salvatore. Il cronista Valcárcel dichiarò che Kon era una forma di Kam e la radice di diverse parole che significano “Rumore e tuono”, “fuoco” e “Dio dei terremoti”. E Pease osserva che Kon “è la personificazione del terremoto che si manifesta nelle scosse con l’eruzione dei vulcani”. Nel racconto del Libro di Mormon sull’apparizione di Cristo in 3 Nefi 10:9, apprendiamo che era mattina quando dopo tre giorni,  di tenebre finirono, preannunciando l’eventuale apparizione di Gesù Cristo nelle Americhe. Il cronista Cieza riferisce che “Il sole, splendente molto brillantemente, si fece avanti”, prima della comparsa del potente uomo bianco che chiamavano Ticiviracocha, come descritto sopra.

Viracocha.

Uomo vestito di bianco.

Viracocha & Jesus: Nel racconto di 3 Nefi, nel Libro di Mormon, leggiamo: “8 E avvenne che quando compresero, alzarono di nuovo gli occhi verso il cielo; ed ecco, a videro un Uomo che scendeva dal cielo; ed era vestito di una veste bianca; e scese e stette in mezzo a loro; e gli occhi di tutta la moltitudine erano rivolti su di lui, e non osavano aprir la bocca, neppure l’uno con l’altro, e non sapevano cosa significasse, poiché pensavano che fosse un angelo che era apparso loro. 9 E avvenne che egli stese la sua mano e parlò al popolo dicendo: 10 Ecco, io sono Gesù Cristo, di cui i profeti attestarono che sarebbe venuto nel mondo. 11 Ed ecco, io sono la a luce e la vita del mondo: ed ho bevuto da quella b coppa amara che il Padre mi ha dato ed ho glorificato il Padre c prendendo su di me i peccati del mondo, e in questo ho accettato la d volontà del Padre in tutte le cose, fin dal principio. 12 E avvenne che quando Gesù ebbe pronunciato queste parole, tutta la moltitudine cadde a terra; poiché si ricordarono che era stato a profetizzato fra loro che Cristo si sarebbe manifestato a loro dopo la sua ascensione al cielo. ”

Viracocha & Jesus: La Spagna usurpatrice delle ricchezze Incas da parte della Spagna e dei suoi conquistadores, distrusse sculture ed altri monumenti dedicati alla dio Viracocha per ordine di sacerdoti cattolici indignati dal culto idolatrico degli Incas. All’inizio questi sembravano disposti, anche ansiosi, a costruire ponti di dialogo tra la loro teologia e quella degli Incas. Poi decisero che sarebbe stato più facile ricominciare da zero. Tuttavia moltissimi cronisti narrano di una certa statua di Viracocha che pare avesse le stesse carattestiche di un apostolo di Gesù forse anche di Gesù stesso.

Cuzco e sacralità.

Gli Incas praticavano anche un rituale che ricordava non poco il sacramento istituito da Cristo per simboleggiare il suo sacrificio espiatorio ai suoi seguaci. Prescott descrive le Vergini del Sole che preparavano un buon pane di farina di mais che veniva distribuito con liquore fermentato. La studiosa Hyland si riferisce a questi emblemi come “birra di mais e pane sacro”. “I paralleli con l’Eucaristia sono evidenti”, concludeva, riferendosi alla forma esteriore e non al simbolismo più profondo del corpo e del sangue che Cristo ha invocato.Garcilaso affermava: “Molti  spagnoli affermavano che gli Incas e i loro vassalli celebravano la Santa Comunione alla stessa maniera dei cristiani.”

John Everett Millais – “Pizarro Seizing the Inca of Peru.”

 

Funzioni religiose.

Cuzco era un luogo sacro che veniva venerato come residenza non solo degli Inca, ma di tutte le divinità venerate dalle varie ed eterogenee nazioni dell’impero. Era l’amata città del Sole; dove il culto della grande luce si conservava in tutto il suo splendore; dove, secondo un antico cronista, non c’era fontana, strada o muro che non contenesse qualche mistero sacro. Forse la più magnifica di tutte le solennità nazionali è stata la festa di Raymi, celebrata al tempo del solstizio d’estate, quando il sole, essendo già giunto alla fine della sua carriera a sud, è tornato a colmare di gioia il suo popolo eletto con la sua presenza. In questa occasione i nobili Inca provenienti da tutto il paese recavano  in gran numero nella capitale per partecipare alle funzioni religiose, e nei tre giorni precedenti la festa veniva osservato un digiuno generale, e non era concesso il permesso di accendere fuochi in nessuna casa.

Festa di Raymi.

 

Festa di Raymi.

Viracocha & Jesus: Quando arrivava il giorno stabilito, i reali Incas, seguiti da tutta la popolazione della città, si riunivano all’alba nella piazza principale per salutare la nascita del sole. Erano tutti vestiti con i loro abiti migliori, e i nobili rivaleggiavano tra loro per gli ornamenti e i gioielli con cui lo ricoprivano; mentre i baldacchini di piume lucenti e stoffe preziose. Attendevano con impazienza la venuta della divinità; e appena i primi raggi dorati toccavano le torrette e i palazzi più alti della città, irrompeva un immenso grido dalla immensa folla festante , accompagnato da canti di trionfo e dalle percussioni vibranti degli strumenti del popolo Incas. In occasione dei sacrifici veniva scelto come vittima un bambino o una delle fanciulle più belle. Tali sacrifici erano molto rari, ed erano riservati per celebrare qualche grande evento pubblico, come un’incoronazione, la nascita dell’erede al trono o una grande vittoria.

Incas ed Eucaristia.

Viracocha & Jesus: Nella festa di Raymi, il sacrificio avveniva con l’uso del fuoco, e il sacerdote, dopo aver aperto il corpo della vittima, cercava nelle viscere l’annuncio degli eventi oscuri del futuro. Se i presagi non fossero stati propizi, si sarebbe sacrificata un’altra vittima, nella speranza di prevedere attesi eventi positivi. La sacra fiamma era affidata alle cure delle Vergini del Sole. Le cerimonie proseguivano con delle grande tavole reali, caratterizzato dalla presenza di un pane di lino fatto di farina di mais, preparato e distribuito dalle Vergini del Sole, accompagnato dal liquore fermentato del paese. La giornata terminava con allegre danze e tanta musica. Nella distribuzione del pane e del vino in questa grande festa,  gli ortodossi spagnoli arrivati per primi nel paese riscontrarono una notevole analogia con l’eucaristia del Cristianesimo. Ciò vale anche per la pratica del confessione e penitenza, che pare fosse già conosciuta al tempo. Il mondo della Chiesa tacciò queste analogie come invenzioni di Satana, e le utilizzò come pretesto per massacrare milioni di indigeni.  Altri studiosi, seguendo un percorso diverso, credettero fortemente di aver scoperto in queste analogie la prova che alcune delle primi predicatori del Vangelo, forse un apostolo, aveva visitato queste regioni remote numerosi secoli addietro.


Ti andrebbe di offrirci una birra?

Caro lettore, cerchiamo di offrirti sempre contenuti editoriali di qualità. Se ti siamo stati utili per accrescere le tue conoscenze, oppure ti abbiamo semplicemente fornito un utile servizio informativo, ti andrebbe di aiutarci offrendoci una birra? Sostieni il nostro giornalismo con un contributo di qualsiasi dimensione! Il tuo supporto aiuterà a proteggere l’indipendenza di CRONO.NEWS e questo significa che possiamo continuare a fornire giornalismo di qualità aperto a tutti, in tutto il mondo. Ogni contributo, per quanto grande o piccolo, è così prezioso per il nostro futuro. Questo sarebbe di grande aiuto per tutta la famiglia di Crono.news!

Anche se semplicemente condividessi il link del magazine ai tuoi amici, oppure gli articoli, sui social network. Mantenere in vita questo magazine indipendente, richiede molto tempo ed impegno, oltre notevoli spese, necessarie all’aggiornamento tecnico, l’hardware, la nostra sede, i Redattori. Se hai la possibilità di aiutarci con una donazione (anche una birra), ci aiuterai non poco a continuare, a migliorare ed ampliare il materiale informativo che mettiamo a disposizione di tutti.

Per donare è semplicissimo, qui sotto è disponibile il LINK per decidere (tramite server sicuro PayPal) come e quanto donare. Un grazie da tutta la redazione!

https://www.paypal.me/redazionecrononews



Vi ricordiamo che con Amazon Prime potrete avere spedizioni gratuite in 24 ore lavorative su migliaia di prodotti oltre a servizi extra come Amazon Prime Video. I primi 30gg sono gratuiti. Iscriviti Gratuitamente ad Amazon Prime per 30gg.


Con Amazon Kindle Unlimited hai letture illimitate da qualsiasi dispositivo: IOS, Android, PC. Scegli tra più di un milione di titoli e leggi dove e quando vuoi con l’app di lettura Kindle.
In promozione per 2 mesi GRATIS!
Poi rinnovi a 9,99€ al mese oppure puoi annullare l’iscrizione in qualsiasi momento.

Zeen is a next generation WordPress theme. It’s powerful, beautifully designed and comes with everything you need to engage your visitors and increase conversions.

Altre storie
Serie A Inter a caccia della riscossa contro il Napoli di Sarri
Serie A. Inter a caccia della riscossa contro il Napoli di Sarri