Home Cultura Il Cuoco delle Menadi, Pasquale Sarnataro spiega l’ArcheoCena

Il Cuoco delle Menadi, Pasquale Sarnataro spiega l’ArcheoCena

795
Tempo di lettura: 1 minuto

Il Cuoco delle Menadi, Pasquale Sarnataro spiega l’ArcheoCena: Una particolarissima esperienza fatta di storia, sapori e tanto divertimento.

“Lasciate che il cibo sia la vostra medicina e la vostra medicina sia il cibo”.

(Ippocrate)

Il Cuoco delle Menadi, l’Associazione culturale che ha inventato l’ArcheoCena, la scopriamo grazie all’accorato racconto di Pasquale Sarnataro, uno dei fondatori: “L’ArcheoCena è un vero e proprio percorso culturale, oltre che enogastronomico, che evocando i nostri avi Romani, si rivela come una particolare esperienza che mescola storia, sapori e tanto divertimento. Conoscere e mangiare il cibo tipico dei Romani, alla stessa maniera in cui lo gustavano loro, è un esperimento culturale che conquista tutti.”

Il Cuoco delle Menadi, Pasquale Sarnataro spiega l'ArcheoCena-1
Pasquale Sarnataro con una riproduzione del cosiddetto “pane secondario”, degli antichi Romani.

Pasquale Sarnataro ci rivela della sua incessante attività di studio che tra cucina, tantissimi libri e congressi d’archeologia, è finalizzata a regalare un’esperienza sempre più completa ed originale alla crescente schiera di appassionati che intervengono alle sue ArcheoCene. “La cucina storica per noi è un importante strumento di promozione culturale, poichè siamo particolarmente attenti all’utilizzo delle materie prime del territorio, a Km 0. Ingredienti che scegliamo in particolarissime realtà della nostra regione e che allietano la “famelica” curiosità di chi ci viene a trovare. Le persone vogliono divertirsi ma allo stesso tempo hanno forte desiderio di imparare”.

Pasquale Sarnataro sottolinea l’importanza delle Rete e della condivisione delle esperienze attraverso i social: “Crediamo moltissimo nel Web, tanto che stiamo investendo fortemente in questo periodo per la creazione del sito ufficiale dell’Associazione culturale Il Cuoco delle Menadi. Contiamo di diffondere questo piccolo fenomeno di promozione culturale, nel miglior modo possibile e attraverso i canali giusti. Le nostre ArcheoCene sono partite come un’esperienza intima e di nicchia, ma considerato il successo dell’iniziativa, siamo sicuri che il futuro ci riserverà delle bellissime sorprese”.

 

Rispondi