Home Cultura Thermopolium, l’antesignano dei moderni fast food

Thermopolium, l’antesignano dei moderni fast food

585
Thermopolium, l'antesignano dei moderni fast food-2
Foto di Alex Tour.

Thermopolium, l’antesignano dei moderni fast food. Si trattava di un locale nato nell’antica Roma, dove era possibile consumare un pasto caldo, velocemente. Un luogo non molto grande con un bancone in muratura, sul quale vi erano delle lastre di marmo ed in cui erano incassate delle enormi anfore di terracotta (dolia), adibite a contenere le vivande.

Il Thermopolium, un luogo adibito alla ristorazione veloce, nato all’epoca dell’antica Roma può. senza dubbio, ritenersi l’antesignano degli odierni e moderni fast food. Dunque coloro che pensavano che questi locali fossero stati ideati da Ronald McDonald, un clown vestito di rosso e giallo che serviva saporiti panini di vari gusti, agli avventori di turno, si sbagliavano di grosso. Le cosiddette tavole calde, infatti, ebbero origine ai tempi dell’Impero Romano. Anticamente le classi meno abbienti, in casa, non possedevano delle cucine bene attrezzate, o fornelli adatti, oppure tante stoviglie e pentole in cui poter cucinare.

Thermopolium, l'antesignano dei moderni fast food-1

Quindi per ovviare a queste difficoltà sorsero  i Thermopolium, dei veri e propri fast food che servivano cibi caldi e veloci, peraltro, alla portata di tutte le tasche. Nei banconi di questi antichi luoghi di ristorazione si trovavano delle anfore o delle giare nelle quali erano contenuti i pasti caldi che i clienti erano soliti consumare al banco. In realtà il termine greco Thermopolium sta a significare, appunto un posto in cui è possibile consumare qualcosa di caldo. Nel corso di recenti scavi archeologici in uno di questi fast food ante litteram, è stato ritrovato un sacchetto  con mille monete antiche, probabilmente l’incasso del Thermopolium, il che dimostra la grande popolarità di questa sorta di tavola calda.

I locali di ristorazione più famosi di quell’epoca si trovavano in provincia di Napoli, ovvero nelle cittadine vesuviane di Pompei ed Ercolano: tuttora ci sono delle testimonianze assai affascinanti di questi fast food primordiali: nella sola Pompei, a quanto pare ne esistevano più di 200, risalenti al periodo sannita, tra il III e il II secolo a. C. quando la città si espanse  e vide il suo momento di massima di gloria culturale ed economica. Il Thermopolium più celebre dell’antichità fu quello di Lucius Vetutius Placidus, sempre a Pompei. La sua notorietà deriva dal fatto che rappresenta uno di quei locali meglio conservati fra gli oltre 200 sorti nella città pompeiana.

Rispondi