Home Attualità Napoli fashion on the road incontra Vincenzo Gemito – Tappa 12

Napoli fashion on the road incontra Vincenzo Gemito – Tappa 12

2631
Tempo di lettura: 6 minuti
Napoli fashion on the road incontra Vincenzo Gemito
Napoli fashion on the road incontra Vincenzo Gemito

Napoli fashion on the road incontra l’arte scultorea del grande Vincenzo Gemito. Artista che amava la sua Napoli, cercando di dar forma a ciò che vedeva in prima persona e rappresentando i mestieri e le persone più umili della società.

 

“Una vita Gemito l’aveva vissuta nella Grecia Presocratica l’altra nell’Italia del Rinascimento”.  (Alberto Savinio)

Napoli fashion on the road incontra Vincenzo Gemito: Dopo il recente successo della Undicesima tappa di Napoli fashion on the road, l’ambizioso ed intrigante progetto made in Naples, che si propone, quale obiettivo principale, quello di rilanciare Napoli e la Campania, fondendo arte, moda e cultura in un unicum davvero unico. Napoli fashion on the road, ci ha messo poco ad imporsi all’attenzione del panorama nazionale.

Napoli Fashion on the Road – Marechiaro – Ph. iPhotox ©2018

Sin dalle primissime e fortunate tappe, il progetto ha destato, difatti, l’attenzione di alcune delle principali testate giornalistiche italiane come la Rai, Repubblica.it, CDS Corriere del Mezzogiorno, il Mattino, il magazine One.com di Malta etc; (solo per citarne alcune) ed anche del Comune partenopeo e ultimamente dell’assessorato allo sviluppo del turismo della Regione Campania che hanno voluto fargli da chioccia vedendo in esso, un importante volano per il rilancio della Campania. Il progetto é quindi lanciato e a briglie sciolte, estende, il proprio raggio di azione anche a livello internazionale, avviando fitte e proficue collaborazioni con artisti di fama mondiale al fine di fondere culture, usanze e tradizioni tanto diverse eppure con tante cose in comune.

Napoli Fashion on the Road – Marechiaro Gemito – Ph. iPhotox ©2018

Mecenatismo 3.0: Andrea Guerritore della Fonderia Gemito.

Napoli fashion on the road incontra Vincenzo Gemito: Dopo il caratteristico rione della Pignasecca che ha funto da stage per l’ultima, affascinante puntata di questo appassionante cammino, la scelta è ricaduta sul famoso borgo di Marechiaro, scenario onirico in cui, attraverso una intervista, fatta al mecenate della tappa Andrea Guerritore, curatore della Fonderia Gemito, i responsabili del progetto hanno potuto quasi riportare in vita un’artista dal talento indiscusso quale Vincenzo Gemito.

 

Gemito – Medaglione Alessandrino (particolare)

Fonderia Gemito, sorta negli anni 40’ per merito di Nicola Guerritore e proseguita dal figlio Francesco Guerritore, è adesso portata avanti da Andrea, pronipote del grande artista partenopeo, che si pone come obiettivo quello di offrire all’utenza degli appassionati e cultori un prodotto altamente qualificato, seguendo la stessa scia del predecessore e cercando allo stesso tempo di garantire anche lo stesso, soddisfacente risultato. In questo all’articolo troverete pubblicata, anche l’interessante intervista al brillante mecenate 3.0, Andrea Guerritore.

Celebrando l’acqua – Ph. iPhotox ©2018

Celebrando l’acqua.

Napoli fashion on the road incontra Vincenzo Gemito: Con l’estate ormai alle porte ed il sole che comincia ad affacciarsi più spesso sulla nostra Penisola, quale scelta migliore per esaltare le bellezze di un territorio legato al mare da un vincolo indissolubile? Dunque l’acqua, uno dei quattro elementi della terra, sé stata la protagonista indiscussa dell’imminente nuovo capitolo di questo appassionante percorso. Una sostanza in grado di mutare in un batter di ciglia, rappresentazione lampante dell’imprevedibilità degli eventi, proprio come il carattere e la vita del grande Gemito. Non soltanto intesa quale elemento primordiale, sostanza generatrice di vita, ma anche come materia in grado di assumere multiformi aspetti; può farci pensare ora alla grande distesa del mare nella sua calma e tranquillità quando il cielo e sereno ed il vento non soffia forte, ora ad un elemento che si contrappone al fuoco.

Gemito a Napoli Marechiaro – Ph. iPhotox ©2018

L’idea dell’acqua come qualcosa che conclude, insomma, ma anche come qualcosa che è allo stesso tempo in grado di lavare, di trasformare con il suo impeto. Che sia la forza delle due sostanze, acqua e vento, che si fondono accigliando, con le onde, il mare che muta improvvisamente il suo atteggiamento in tempestoso oppure la forza del flusso d’acqua generato da una fonte, l’acqua può assumere entrambi gli aspetti.

Celebrando l’acqua – Ph. iPhotox ©2018

Vincenzo Gemito, un grande genio.

Napoli fashion on the road incontra Vincenzo Gemito: un artista napoletano vissuto nell’800’ la cui inquietudine lo rese un personaggio decisamente non convenzionale e fuori dalle righe. E fu proprio questa sua vita turbolenta, vissuta per lungo tempo ai margini di una società in cui si sentiva di troppo perché diverso dalla massa e che lui stesso sentiva ostile, a relegarlo nell’oblio dei grandi artisti del passato. Un grande genio celebrato anche di recente con il successo editoriale del libro “Il genio dell’abbandono” di Wanda Marasco.

L’obiettivo di questa tappa speciale di Napoli fashion on the road è stato quello di aiutare a rivalutare il suo genio incompreso, far maggiormente conoscere al pubblico il talento di questo scultore, disegnatore ed orafo partenopeo, la cui produzione fu intensa.

Marechiaro – Vincenzo Gemito  Ph. iPhotox ©2018

Un artista fuori dal comune.

Napoli fashion on the road incontra Vincenzo Gemito: E fu proprio l’acqua, un elemento a lui tanto caro, forse proprio perché rispecchiava alla perfezione il suo animo sognatore e turbolento e che lo ha poi ispirato in numerose opere tra cui, ricordiamo, il Pescatorello e l’Acquaiolo, solo per citarne alcune. Gemito amava la sua Napoli, adorava girare per i vicoli a caccia di grandi ispirazioni, prima che una forte crisi intellettuale lo colpisse, cercando di dar forma a ciò che vedeva in prima persona e rappresentando i mestieri e le persone più umili della società. Un modo di esprimere l’arte fuori dal comune insomma, ma che ha rischiato però ben presto di interrompersi se alcuni suoi avi, con grande intuizione, non avessero voluto mantenerlo in vita, creando la Fonderia Gemito la quale, ha subito sposato, entusiasta, l’intenzione di Napoli fashion on the road, in una comunione di intenti: far rivivere la sua persona.

Marechiaro – Vincenzo Gemito  Ph. iPhotox ©2018

Lo splendido scenario di Marechiaro.

Napoli fashion on the road incontra Vincenzo Gemito: Marechiaro, affascinante borgo cittadino dall’appeal decadente, è stato teatro di questo meraviglioso incontro con l’arte scultorea di Vincenzo Gemito. La decadenza, la veracità, il verismo evocato dal luogo, si contrappongono alla potente bellezza classica, del panorama del Golfo di Napoli. Una bellezza che dunque si confà alla concezione artistica di Vincenzo Gemito, classicismo e verismo.

In questo magico contesto la modella, Federica, dagli occhi azzurri ammalianti e dal fascino magnetico e sibillino, è stata immortalata nelle stupende e suggestive immagini realizzate dalla troupe di Napoli fashion on the Road, oltre a quelle aeree, anch’esse estremamente evocative, curate da Biagio Massa e Michele Albano, Il tutto in un palcoscenico artistico, ricreato, utilizzando alcune tra le principali opere dell’artista partenopeo, riprodotte sapientemente dai calchi originali, dalla Fonderia Gemito: L’Acquaiolo, il Nettuno, il Pescatoriello con delfino, l’autoritratto di Gemito, il Medaglione con Testa di Medusa, e quello con la testa di Alessandro Magno. Quest’ultimo, personaggio storico adorato da Gemito.

Marechiaro – Vincenzo Gemito  Ph. iPhotox ©2018

Una giovane stilista dell’Accademia delle Belle Arti di Napoli.

Napoli fashion on the road incontra Vincenzo Gemito: la modella, che a rievocare i nostri avi Greci, indossava i particolarissimi capi della giovane stilista Giuseppina Basile, celebrando un’atmosfera letteralmente sospesa nel tempo. Studentessa alla prestigiosa Accademia delle Belle Arti di Napoli fondata nel lontano nel 1752, Giuseppina Basile predilige, nel suo modo di lavorare, prettamente il colore ed i simboli che si intrecciano, senza soluzione di continuità, nelle trame dei suoi vestiti, creando un effetto ottico decisamente innovativo ed originale.

Gemito a Napoli Marechiaro – Ph. iPhotox ©2018

I due capi proposti fanno parte della collezione Gilania, un termine composto dalle parole greche gyne (donna) e andros (uomo) che fu coniato dalla sociologa Ryan Eisler, che vuole indicare l’unione ovvero la mancanza di distinzione tra i sessi.

Una uguaglianza che esisteva sin dall’antichità e che permeava di sé anche le comunità del Paleolitico, come sostiene l’archeologa Marija Gimbutas, che ha osservato e studiato il complesso sistema dei loro simboli. Tutto questo, in una fusione ed un gioco di scambi che è stata resa realtà durante questa tappa speciale del progetto Napoli fashion on the road. Perché l’arte, la cultura e la moda, sono più vicine di quanto si pensi.

Tutte le foto su www.napolifashion.it.

 

 

Rispondi