Home Cronaca locale Palazzo dello Spagnuolo… fascino ipnotico

Palazzo dello Spagnuolo… fascino ipnotico

345
Tempo di lettura: 1 minuto
Palazzo dello Spagnuolo

Si rimane letteralmente folgorati dalla bellezza non solo architettonica di Palazzo Sanfelice. Guardarlo per un po’ di tempo può procurare un effetto ipnotico sull’osservatore. Dopo pochi minuti di attenta contemplazione, si ha l’impressione di sentirsi quasi risucchiati in quel suggestivo “gioco” di sali-scendi che crea la scala a doppia rampa, detta ad “ali di falco”.

Palazzo Sanfelice, detto Palazzo dello Spagnuolo, fu costruito nel 1738 e si trova nel cuore del Rione Sanità, a Napoli. Costruito per volontà del marchese di Poppano, Nicola Moscati, l’edificio è situato in via dei Vergini, nell’antico quartiere Sanità. Palazzo Sanfelice fu progettato da Ferdinando Sanfelice, uno degli architetti più estrosi e creativi del Settecento napoletano, anche se, nei documenti ufficiali del tempo, non vi è stranamente alcun accenno all’autore.

Importante sottolineare che l’evidente marchio di fabbrica di Ferdinando Sanfelice è certamente la scala frontale ed i cinque varchi disposti su tre piani.
Ciò che più ci ha colpito della progettazione di Palazzo dello Spagnuolo è la sopracitata scala ad “ali di falco“, che fu pensata come luogo di incontro, in cui avveniva una vera e propria vita sociale. Vita sociale incentivata ancor di più dai balconi e dalle finestre disposte sul perimetro interno, ovvero il ballatoio, dell’edificio, che certamente favorivano il “contatto” tra gli inquilini del palazzo.

A nostro modo di vedere, una visione illuminante, che definiremmo futuristica e fortemente simbolica per comprendere il grandissimo spirito “social“, che da sempre caratterizza il popolo napoletano.

1 COMMENTO

Rispondi