Home Cultura La Lyra antico strumento musicale considerato divino

La Lyra antico strumento musicale considerato divino

181

La Lyra antico strumento musicale considerato divino; si tratta di uno dei simboli imprescindibili per la celebrazione dei banchetti greci o romani. 

Percorrendo un viaggio nel passato, attraverso la storia romana, oggi ci soffermiamo sulla Lyra, antico strumento musicale a corde, ritenuto addirittura divino, essendo stato soprattutto nelle mani di divinità e di personaggi illustri. La lyra, in verità, era un simbolo imprescindibile dei banchetti del popolo romano e greco. Nell’antichità era assai in auge l’uso dell’arco musicale, essenzialmente impiegando la bocca al fine di accrescere il suono della corda, o servendosi di una zucca od una vescica di budello. Tutti gli strumenti a corda si pensa che abbiano avuto origine già nell’era neolitica, ovvero attorno al 6000-8000 a.c. in perfetta sintonia con l’invenzione del telaio usato per tessere.

Suonatrice di Lyra.

In realtà la prima testimonianza degli strumenti  a corda è datata  intorno al 3000 avanti Cristo nella zona che andava dal fiume dal Nilo alla Mesopotamia, adottati dalle vecchie civiltà, dell’Egitto, delle Cicladi, della Palestina, della Siria, della Persia, per finire all’India ed alla Cina. Sia i Greci che i Romani, tuttavia, non inventarono mai  strumenti a corda bensì perfezionarono la lyra greca modificando una cetra siriaca usata da adolescenti o dilettanti. Questo strumento musicale fu ricavato unendo un carapace di tartaruga, simbolo della vita intermedia tra il Cielo e la Terra, una pelle tesa, emblema del sacrificio ed infine  due corna sulle quali furono montate le corde, simbolo del Toro celeste.
La Lyra rappresentava un altare simbolico che associava il Cielo e la Terra.

Apollo con la Lyra – Museo Archeologico Nazionale di Napoli.

A Mercurio viene attribuita  la creazione dell Lyra. Quest’ultimo unì vari pezzi e poi donò lo strumento  ad Apollo per ripagarlo del furto delle giovenche sacre. I primi prototipi della Lyra avevano solo quattro corde le quali rappresentavano le quattro stagioni,  le quattro zone del mondo o i due equinozi e i due solstizi nei quali si divide lo zodiaco. La Lyra non è scomparsa del tutto, attualmente, infatti, viene suonata in alcune zone dell’Africa nordorientale.

Rispondi