L’occupazione dei Volsci, popolazione dell’antica Italia di stirpe osco-umbra che si era stanziata dal VI secolo a.C, nel Lazio

L’occupazione dei Volsci, popolazione dell’antica Italia di stirpe osco-umbra che si era stanziata dal VI secolo a.C, nel Lazio. La loro presenza, segnò in modo decisivo la storia di Roma e delle popolazioni latine, come testimoniano i numerosi episodi tratti dalla tradizione leggendaria. La svolta si ebbe dopo l’invasione della valle del Liri e l’assoggettamento di Terracina, Anzio, Velletri, Sora e Pomezia che costituivano un limite per l’espansionismo romano. 

L’occupazione dei Volsci. Già a partire dal V secolo a.C (499 0 496, esattamente) la popolazione dei Romani, si scontrò presso il lago Regillo con l’esercito della Lega Latina che provava a difendere in tutti i modi i propri interessi commerciali che erano quelli di mantenere aperta la via fra la Casilina e la Prenestina, snodo fondamentale per gli scambi tra l’Italia centrale (Etruschi compresi) e i Greci dell’Italia meridionale). La battaglia, vide trionfare i Romani che secondo gli storici, furono condotti al successo grazie agli interventi risolutori di Castore e Polluce ai quali fu poi dedicato un tempio all’interno del foro. La Lega Latina, si trovò dunque costretta a stipulare una pace, concluse nel 493 a.C da Spurio Cassio e che fu chiamata “Foedus Cassianum”, dal nome del magistrato che la siglò.
Nonostante ciò, la Lega continuava ad essere minacciata dai Volsci e dagli Equi, popolazioni bellicose e coraggiose, stabilitesi nella parte orientale del Lazio. Tante sono le leggende collegate a tali conflitti. Una tra le tante è quella relativa all’insano gesto del patrizio Coriolano, il quale, chiamato in giudizio dai tribuni della plebe per non aver voluto riconoscere i loro diritti, decise di non sottostare ugualmente al volere della legge e si rifugiò dunque presso i Volsci per poi guidare il loro esercito contro la sua stessa patria. Soltanto all’ultimo momento, convinto dalle lacrime della madre e della moglie, desistette dal suo proposito. Coriolano riuscì ad occupare nel 488 a.C, Circei e come ricorda lo storico Tito Livio, l’invasione pare che fu incruenta. Circei si arrese senza combattere e i Volsci vi si stabilirono fino al 393 a.C, fino a quando i Romano-Latini non la riconquistarono, trasformandola in una loro colonia.

William Kelso, autore di un romanzo dedicato ai Sanniti: Devotio: The House of Mus

Zeen is a next generation WordPress theme. It’s powerful, beautifully designed and comes with everything you need to engage your visitors and increase conversions.

Top Reviews

Altre storie
premio donne per napoli torna domani
Premio “Donne per Napoli” torna domani