Orwell Huxley Dystopia: viviamo tutti in un mondo distopico?

I due scrittori erano d'accordo sul pericolo di una stratificazione sociale permanente, con l'umanità divisa in categorie determinate dall'ingegneria biologica e dal condizionamento psicologico.

Orwell Huxley Dystopia: viviamo tutti in un mondo distopico? La definizione di distopia è – un mondo o una società immaginaria in cui le persone conducono vite miserabili, disumanizzate.

Orwell Huxley Dystopia. La definizione di distopia è – un mondo o una società immaginaria in cui le persone conducono vite miserabili, disumanizzate, paurose. Il mondo moderno appare a molti come una distopia – una versione della “linea temporale più oscura”, per prendere in prestito un termine della sitcom americana Community. Ma la distopia di chi? Quale scrittore ha meglio immaginato questo momento di agitazione e disfunzione? I maggiori contributi alla tradizione della narrativa distopica sono due capolavori del XX secolo, entrambi bestseller all’epoca e da allora: Brave New World di Aldous Huxley del 1932 e Nineteen Eighty-Four di George Orwell del 1949. Le due distopie hanno molti dettagli in comune.

JOIN our Facebook Group: Meditation Mindfulness Yoga Mantra 

Futuro modellato da armi di distruzione di massa.

Entrambi gli scrittori vedevano un futuro modellato da armi di distruzione di massa – armi biologiche e chimiche nel caso di Huxley, guerra nucleare in quello di Orwell. Erano d’accordo sul pericolo di una stratificazione sociale permanente, con l’umanità divisa in categorie determinate dall’ingegneria biologica e dal condizionamento psicologico (Huxley) o dalla classe tradizionale combinata con sistemi di fedeltà totalitari (Orwell). Entrambi gli uomini immaginavano società future completamente ossessionate dal sesso, anche se in modi diametralmente opposti: repressione forzata dallo stato e celibato nel caso di Orwell; promiscuità deliberata e narcotizzante nel caso di Huxley. Entrambi pensavano che il futuro sarebbe stato dominato dall’America.

Il Black Book Note™. Una guida illustrata e ragionata alla magia naturale e al lavoro occulto. Oltre 120 pagine libere da riempire con desideri, pensieri, incantesimi, idee, intuizioni e per trovare un percorso per abbracciare il proprio potere personale. Clicca sull’immagine.
Michael Kerbow – Dystopian Art.

Consumo economico.

Orwell Huxley Dystopia. Entrambi pensavano che i futuri governi avrebbero speso molti sforzi per cercare di incitare permanentemente il consumo economico – non che nessuno dei due pensasse a qualcosa di così selvaggiamente fantastico come il quantitative easing. Entrambi hanno iniziato i loro libri con una breve frase progettata per segnalare un mondo che era familiare ma anche sconcertantemente futuristico: “Un tozzo edificio grigio di soli trentaquattro piani”, inizia Brave New World. Si suppone che dovremmo sussultare di stupore per il “solo”. Nineteen Eighty-Four inizia: “Era un giorno luminoso e freddo di aprile, e gli orologi segnavano il tredici”. Tredici! Che orrore! Entrambi gli uomini stavano scrivendo avvertimenti: “Il messaggio del libro”, disse Huxley, era: “Questo è possibile: per l’amor del cielo, fate attenzione”. Nella sua visione, l’umanità stava affrontando un mondo futuro tranquillizzato dal piacere e dalle droghe e dalle distrazioni volontarie della “infantilizzazione civilizzata”. Per Orwell, l’umanità stava affrontando uno stato permanente di guerra e di controllo mentale totalitario, riassunto dall’immagine di “uno stivale che calpesta un volto umano, per sempre”. Per tutta la sovrapposizione, però, sono di solito visti come versioni contraddittorie e contrastanti del futuro.

Mantra T Shirt – Kundalini Power. Un grande disegno di un uomo che mostra i sette centri sottili (chakra) con il corpo, le principali vene sottili (nadi), e l’energia del serpente arrotolato alla base della spina dorsale (kundalini). Collezione asiatica. Clicca sull’immagine.
Michael Kerbow – Dystopian Art.

Due distopie differenti.

Orwell Huxley Dystopia. La differenza tra le due distopie è radicata in una delle distinzioni centrali della letteratura immaginativa. Molti scrittori di narrativa speculativa – un termine preferito alla fantascienza da Margaret Atwood, tra gli altri – amano sottolineare che il loro lavoro è una visione del presente, ingrandita e intensificata. “Il futuro è qui”, ha detto William Gibson, “è solo distribuito in modo diseguale”. La Atwood si è data la regola, scrivendo The Handmaid’s Tale, di “non mettere nel libro alcun evento che non fosse già accaduto… né alcuna tecnologia che non fosse già disponibile”. Nessun aggeggio immaginario, nessuna legge immaginaria, nessuna atrocità immaginaria”. Orwell ha creato alcune innovazioni tecnologiche per il suo mondo futuro, ma in sostanza il suo Nineteen Eighty-Four è uno sguardo profondo nel cuore delle società totalitarie già esistenti. Alcuni dei dettagli possono provenire dal mondo ristretto degli anni ’40 – il romanzo è pervaso dall’odore di cavoli bolliti – ma la storia va ben oltre, nelle profondità del cuore umano e nel progetto totalitario di rimodellarlo.

Yoga and Christian Meditation
Clicca sull’immagine.  “I giorni della gentilezza” – versione in Italiano. Colorate istantanee dell’immaginazione; piccole storie di vita e di persone permeate da spiritualità, emozione e amore. Esse sono accompagnate da bellissime illustrazioni realizzate da eccellenti artisti provenienti da 13 paesi dei 5 continenti.
Michael Kerbow – Dystopian Art.

Orwell.

Nessuno avrebbe potuto essere in una posizione migliore di Orwell per vedere in questo presente e proiettarlo nel futuro. Il suo coinvolgimento per tutta la vita con le idee di sinistra fu sia teorico – sfumature di prospettive dal partito laburista indipendente al movimento sindacale attraverso l’anarchismo, il trotskismo e lo stalinismo – sia direttamente vissuto. Era caratteristico di lui che quando andò alla guerra civile spagnola per scriverne, si trovò incapace di stare indietro e riferire, ma invece, una volta che vide la realtà di ciò che stava accadendo, si unì immediatamente alla milizia trotskista per combattere i fascisti. La totale spietatezza con cui la fazione sostenuta dai sovietici soppresse gli altri gruppi della parte repubblicana, la loro volontà di mentire e uccidere i loro stessi alleati, diede a Orwell l’impulso e l’intuizione per scrivere il suo grande romanzo sul totalitarismo.

Michael Kerbow – Dystopian Art.

Huxley.

Il tessuto emotivo di Brave New World è molto diverso da quello di Nineteen Eighty-Four; c’è una giocosità, una leggerezza, per niente come il paesaggio cupo, represso e grigio del romanzo di Orwell. La questione dell’eugenetica ci offre un indizio della ragione di questo. Huxley era interessato all’eugenetica, che aveva un fascino per molti intellettuali di sinistra e di destra. Arrivò a vederla come un campo sinistro – correttamente, dal momento che il pensiero che i poveri hanno tratti genetici che potrebbero e dovrebbero essere allevati da loro è davvero una delle idee più oscure e pericolose del XX secolo. Ma prima aveva sentito il richiamo dell’idea che la modernità può migliorarci, che la scienza può curare parte del dolore e della difficoltà di essere umani. Il fatto che Huxley fosse stato tentato da questi pensieri lo aiutò a rappresentare le sue idee con un tocco più leggero ed esplorativo di Orwell.

Una ricerca genuina.

Orwell Huxley Dystopia. La distopia di Huxley era l’altro tipo di fiction speculativa da quella di Orwell: non un profondo scavare nel presente, ma una proiezione delle tendenze esistenti nel futuro. Stava genuinamente cercando di pensare a cosa sarebbe stato il futuro, se le cose avessero continuato nella direzione in cui erano dirette. Era ben posizionato per vedere le linee di tendenza in molte delle scienze e faceva buone ipotesi su dove stavano andando. Di conseguenza, possiamo affermare con forza che è lui, e non Orwell, che ha fatto un lavoro migliore nel prevedere la vita moderna nel mondo sviluppato. Il cambiamento rivoluzionario negli atteggiamenti verso il sesso, per esempio, non è qualcosa che molte persone prevedevano nel 1932, ma Huxley sì: la separazione tra sesso e riproduzione è completa in Brave New World, come è quasi completa nella vita moderna. Ha indovinato sullo sviluppo delle nuove tecnologie di contraccezione, e ha indovinato anche sulle loro conseguenze.

Michael Kerbow – Dystopian Art.

Distopie profetiche?

Huxley e Orwell hanno entrambi scritto i loro libri per cercare di evitare che le loro distopie si avverassero. Il loro successo nella profezia è anche il loro fallimento – perché più sono giusti, più i loro progetti non hanno fatto quello che dovevano fare. Nessuno dei due avrebbe pensato che questo fosse un motivo per abbandonare la speranza. I loro avvertimenti sono ancora validi. Possiamo ancora cambiare direzione. Ci sarà vita dopo Trump e Putin. Potrebbe anche esserci vita dopo Naked Attraction e Facebook. Ultima parola a Huxley, nella prefazione alla sua distopia, scritta 20 anni dopo: “anche se rimango non meno tristemente certo che in passato che la sanità mentale è un fenomeno piuttosto raro, sono convinto che può essere raggiunto e vorrei vederne di più”.

Michael Kerbow – Dystopian Art.

Ti andrebbe di offrirci una birra?

Caro lettore, cerchiamo di offrirti sempre contenuti editoriali di qualità. Se ti siamo stati utili per accrescere le tue conoscenze, oppure ti abbiamo semplicemente fornito un utile servizio informativo, ti andrebbe di aiutarci offrendoci una birra? Sostieni il nostro giornalismo con un contributo di qualsiasi dimensione! Il tuo supporto aiuterà a proteggere l’indipendenza di CRONO.NEWS e questo significa che possiamo continuare a fornire giornalismo di qualità aperto a tutti, in tutto il mondo. Ogni contributo, per quanto grande o piccolo, è così prezioso per il nostro futuro. Questo sarebbe di grande aiuto per tutta la famiglia di Crono.news!

Anche se semplicemente condividessi il link del magazine ai tuoi amici, oppure gli articoli, sui social network. Mantenere in vita questo magazine indipendente, richiede molto tempo ed impegno, oltre notevoli spese, necessarie all’aggiornamento tecnico, l’hardware, la nostra sede, i Redattori. Se hai la possibilità di aiutarci con una donazione (anche una birra), ci aiuterai non poco a continuare, a migliorare ed ampliare il materiale informativo che mettiamo a disposizione di tutti.

Per donare è semplicissimo, qui sotto è disponibile il LINK per decidere (tramite server sicuro PayPal) come e quanto donare. Un grazie da tutta la redazione!

https://www.paypal.me/redazionecrononews




Con Amazon Kindle Unlimited hai letture illimitate da qualsiasi dispositivo: IOS, Android, PC. Scegli tra più di un milione di titoli e leggi dove e quando vuoi con l’app di lettura Kindle. In promozione per 2 mesi GRATIS! Poi rinnovi a 9,99€ al mese oppure puoi annullare l’iscrizione in qualsiasi momento.

Crono.news periodico online di informazione e formazione. Un magazine digitale indipendente, libero da ideologie e preconcetti. Un nuovo modo di comunicare e condividere l’informazione e la conoscenza.

Altre storie
leader
Leader del mondo inviano messaggi di solidarietà alla Gran Bretagna