Home Cultura La stazione metropolitana Duomo di Napoli con il suo Tempio dei giochi...

La stazione metropolitana Duomo di Napoli con il suo Tempio dei giochi Isolimpici

331
Tempo di lettura: 2 minuti
La stazione metropolitana Duomo di Napoli con il suo Tempio dei giochi Isolimpici-2
Piazza Nicola Amore, Napoli.

La stazione metropolitana Duomo di Napoli con il suo Tempio dei giochi Isolimpici. Quest’ultimo scoperto nel corso degli scavi per la realizzazione delle fermata Duomo della metropolitana della linea 1 costituirà il biglietto da visita della nuova stazione partenopea.

La stazione metropolitana Duomo di Napoli ha rappresentato uno degli scavi archeologici più importanti di tutto il vecchio continente, un’opera straordinaria e di enorme attrazione per gli utenti. Il Tempio dei giochi Isolimpici emerso durante i lavori di scavo, sebbene sommerso sotto immensi strati di tufo e cemento, era già noto alla comunità scientifica che aspettava, da tempo immemore, soltanto che venisse alla luce in virtù di scavi archeologici. Lo stupore e l’emozione degli addetti ai lavori, al suo ritrovamento, è stata grandissima.

La stazione metropolitana Duomo di Napoli con il suo Tempio dei giochi Isolimpici-1
Tempio dei Giochi isolimpici (Napoli, piazza Duomo, scavi della metropolitana).

Quindi gli scavi della stazione metropolitana di Duomo non fanno che attestare l’esistenza di questa struttura  tramandata nel corso dei millenni. Si tratta di un edificio di grande imponenza e prestigio per la città di Napoli, sognato a lungo dagli studiosi e dai letterati di tutti i tempi. Per la cronaca i giochi nacquero nell’anno 2 d.C, in onore  dell’imperatore Augusto, il quale era accorso in aiuto della città partenopea devastata da un potente terremoto. Gli agoni neapolitani divennero immediatamente riconosciuti come i più importanti d’Occidente, a tal punto che richiamavano atleti e campioni da ogni punto del mar Mediterraneo. Neapolis, ancora greca in tutto e per tutto, era da ritenersi la metropoli dell’ellenismo d’occidente.

Emulando i giochi ellenistici, i ludi napoletani si disputavano ogni cinque anni e contemplavano varie discipline, come il pugilato, il pentathlon, la corsa con le armi, oltre a prevedere delle gare di cavalli e delle gare di canto e recitazione. Allo scopo di permettere la prosecuzione dei lavori della stazione Duomo gli archeologi sono stati costretti a sollevare il basamento del Tempio dei giochi Isolimpici. Alla fine dei lavori previsti per giugno 2020, questo Tempio sarà riprodotto parzialmente con la ricollocazione delle colonne e degli elementi crollati. Insomma gli utenti potranno ammirare un vero gioiello incastrato nella fermata Duomo della Linea 1 del metrò di Napoli.

Rispondi