Jusepe de Ribera, detto lo Spagnoletto, l'artista capace di dipingere l'anima di Napoli-4

Jusepe de Ribera, detto lo Spagnoletto, l’artista capace di dipingere l’anima di Napoli

Jusepe de Ribera, detto lo Spagnoletto, l’artista capace di dipingere l’anima di Napoli. 

Jusepe de Ribera, chiamato anche lo Spagnoletto, per la sua bassa statura e per la attiva presenza nella città partenopea, conosciuto pure col nome di Josè de Ribera, fu l’artista capace di dipingere l’anima di Napoli, località in cui si trasferì nel 1616. Il pittore nato a  Xàtiva, nei pressi di Valencia, nel 1591 da Simón de Ribera  e Margarita Cucó e fratello di Juan anch’egli pittore, cominciò l’apprendistato con Francisco Ribalta il quale, nella città spagnola, aveva una  “bottega” molto frequentata. Rappresenta uno dei massimi esponenti della pittura continentale del Seicento ed è uno dei più illustri pittori seguaci del caravaggismo. Jusepe de Ribera fece da trait d’union tra la pittura spagnola e la scuola napoletana.

Jusepe de Ribera, detto lo Spagnoletto, l'artista capace di dipingere l'anima di Napoli-1
Jusepe de Ribera, San Gennaro esce illeso dalla fornace, Real Cappella del tesoro di San Gennaro, Duomo di Napoli.

Lo Spagnoletto operò prevalentemente in Italia tra Roma, Parma ed in particolare a Napoli, città in cui, per più di venti anni, si mise in luce  tra i pittori partenopei più in vista, su cui, in verità, fu capace di esercitare una forte influenza. Il suo stile dapprima  vicino al realismo caravaggesco, nella maturità diventò successivamente pittorico ed attento ai valori cromatici e luminosi. Stabilitosi all’ombra del Vesuvio, come anticipato, nel 1616 su invito del viceré Duca di Osuna, si impose molto  presto all’attenzione dei circoli artistici  napoletani. A Napoli alloggiò  presso la casa dell’anziano pittore Giovanni Bernardino Azzolino, di cui più tardi sposò la figlia appena sedicenne. In un breve lasso di tempo  assunse  la personalità più in vista della pittura partenopea: il suo stile, con gli anni, si arricchì di un vivace cromatismo preso dalla corrente neoveneta.

Jusepe de Ribera, detto lo Spagnoletto, l'artista capace di dipingere l'anima di Napoli-2
Jusepe de Ribera, Apollo e Marsia, Museo nazionale di Capodimonte.

Tra i suoi capolavori citiamo il Sileno ebbro realizzato nel 1626, appartenuto al mercante fiammingo Gaspar Roomer e l’Apollo e Marsia del 1637, proveniente dalla collezione del principe di Montesarchio Andrea d’Avalos,ambedue  conservati nelle collezioni del Museo di Capodimonte, il Martirio di san Bartolomeo della Galleria Palatina di Firenze,  tra il 1628 ed il 1630, il Martirio di san Filippo sempre del 1630 ed il Tizio del 1632, custodito al  Museo Del Prado. Con Jusepe De Ribera la natura penetra nell’arte senza alcun limite, il brutto diventa argomento  di studio quanto il bello.  Ribera si spense  a Napoli nel 1652, anno in cui realizzò la sua ultima opera, “Lo Storpio”, in cui  l’ abilità nel ritrarre la personalità del soggetto costituisce  un punto di rottura con le idealizzazioni del manierismo ed è la prima eredità che lo Spagnoletto lascia all’arte spagnola dei secoli a venire. Attualmente l’artista è sepolto nella Chiesa di Santa Maria del Parto nel quartiere Mergelllina di Napoli.

Jusepe de Ribera, detto lo Spagnoletto, l'artista capace di dipingere l'anima di Napoli-3
Jusepe de Ribera, Sileno ebbro, Museo di Capodimonte.

Ti andrebbe di offrirci una birra?

Caro lettore, cerchiamo di offrirti sempre contenuti editoriali di qualità. Se ti siamo stati utili per accrescere le tue conoscenze, oppure ti abbiamo semplicemente fornito un utile servizio informativo, ti andrebbe di aiutarci offrendoci una birra? Sostieni il nostro giornalismo con un contributo di qualsiasi dimensione! Il tuo supporto aiuterà a proteggere l’indipendenza di CRONO.NEWS e questo significa che possiamo continuare a fornire giornalismo di qualità aperto a tutti, in tutto il mondo. Ogni contributo, per quanto grande o piccolo, è così prezioso per il nostro futuro. Questo sarebbe di grande aiuto per tutta la famiglia di Crono.news!

Anche se semplicemente condividessi il link del magazine ai tuoi amici, oppure gli articoli, sui social network. Mantenere in vita questo magazine indipendente, richiede molto tempo ed impegno, oltre notevoli spese, necessarie all’aggiornamento tecnico, l’hardware, la nostra sede, i Redattori. Se hai la possibilità di aiutarci con una donazione (anche una birra), ci aiuterai non poco a continuare, a migliorare ed ampliare il materiale informativo che mettiamo a disposizione di tutti.

Per donare è semplicissimo, qui sotto è disponibile il LINK per decidere (tramite server sicuro PayPal) come e quanto donare. Un grazie da tutta la redazione!

https://www.paypal.me/redazionecrononews

 




Con Amazon Kindle Unlimited hai letture illimitate da qualsiasi dispositivo: IOS, Android, PC. Scegli tra più di un milione di titoli e leggi dove e quando vuoi con l’app di lettura Kindle.
In promozione per 2 mesi GRATIS!
Poi rinnovi a 9,99€ al mese oppure puoi annullare l’iscrizione in qualsiasi momento.

Zeen is a next generation WordPress theme. It’s powerful, beautifully designed and comes with everything you need to engage your visitors and increase conversions.

Top Reviews

Altre storie
Dominica: uragano Maria provoca sette vittime, vento a 250 chilometri orari
Dominica: uragano Maria provoca sette vittime, vento a 250 chilometri orari