Rêverie: il dolce fantasticare di una bambina, nel corto del regista Jaro Minne

Rêverie: il dolce fantasticare di una bambina, nel corto del regista Jaro Minne. La rêverie è uno stato di meditazione onirica o di fantasiosa riflessione.

Rêverie è un cortometraggio del giovane e valente regista belga Jaro Minne, che ha come  protagonista una splendida ragazzina che attende in auto il papà impegnato al supermercato. La sua mente vaga, attraversata da dolci e romantici pensieri. Ogni fotogramma restringe la grande intensità delle espressioni del viso dei personaggi.

Need to translate in English?

Iscriviti Gratuitamente ad Amazon Prime per 30gg.

“La rêverie non è un vuoto mentale. È piuttosto il dono di un’ora che conosce la pienezza dell’anima“.
(Gaston Bachelard)

Un film, non ostacolato da inutili dialoghi, ma caratterizzato dal rumore ambientale, dall’autoradio, dal rumore delle ruote del carrello della spesa che viaggia sul marciapiede, dal vento e dal cinguettio degli uccelli in lontananza. Questo film è visivamente accattivante – catturando su pellicola – i sorrisi fotograficamente innocenti del ragazzino e della ragazzina. La rêverie è uno stato di meditazione onirica o di fantasiosa riflessione. Ci si perde a fantasticare, a sognare ad occhi aperti.

Il regista Jaro Minne. Foto di Sentieriselvaggi.it.

Victor Hugo nel suo capolavoro “I miserabili”, scrisse: “Una certa quantità di Rêverie – è buona, come un narcotico in dosi discrete. Lenisce la febbre, a volte alta, del cervello all’opera, e produce nella mente un vapore morbido e fresco che corregge i contorni fin troppo spigolosi del pensiero puro, riempie qua e là i vuoti e gli intervalli, li lega insieme, e offusca gli spigoli vivi delle idee. Ma troppe rêverie sommergono e annegano. Il pensiero è il lavoro dell’intelletto, la fantasticheria è piacere. Sostituire il pensiero con la fantasticheria è confondere il veleno con il nutrimento”.

Dal corto “Rêverie” di Jaro Minne.

Rêverie di Jaro Minne è un cortometraggio che ci fa riflettere sul fatto che, come in un sogno, non sempre esiste un momento chiaramente percepibile per decidere cosa è reale o immaginato. Perché le cose non sono sempre come ce le aspettiamo.

“Mi lascio andare alla deriva, come alla profondità di un oceano, alle profondità di un lugubre quartiere di case dure e opache ma piuttosto leggere, allo sguardo interiore della memoria, perché la materia della memoria è porosa”.
(Jean Genet)




Con Amazon Kindle Unlimited hai letture illimitate da qualsiasi dispositivo: IOS, Android, PC. Scegli tra più di un milione di titoli e leggi dove e quando vuoi con l’app di lettura Kindle.
In promozione per 2 mesi GRATIS!
Poi rinnovi a 9,99€ al mese oppure puoi annullare l’iscrizione in qualsiasi momento.

Zeen is a next generation WordPress theme. It’s powerful, beautifully designed and comes with everything you need to engage your visitors and increase conversions.

Top Reviews

Altre storie
Napoli 6000 revisioni Bus falsificate
Napoli: 6000 revisioni falsificate. I Bus viaggiavano irregolarmente