Amarcord Napoli - Milan

Amarcord Napoli – Milan: da Ancelotti a Higuain, Reina e Donnarumma, quanti affari di cuore!

Amarcord Napoli – Milan: da Ancelotti a Higuain, Reina e Donnarumma, quanti affari di cuore! Incrocio sentimentale quello di sabato al San Paolo con la sfida tra azzurri e rossoneri, con in campo tante vecchie conoscenze. Per il neo tecnico partenopeo sarà il primo scontro contro il suo passato. Prima volta da “nemico” anche per il portiere spagnolo Pepe Reina, a differenza del Pipita, cinque  gol in sei  confronti. Infine c’è Donnarumma, originario di Castellammare di Stabia che quando gioca a Fuorigrotta prova sempre un pizzico di emozione.

Amarcord Napoli – Milan. Domani sera al San Paolo quanti ricordi e quanti sentimenti. Quello tra azzurri e rossoneri sarà un incontro caratterizzato dalla presenza in campo di tante vecchie conoscenze. Una sorta di affari di cuore che va in scena nel capoluogo campano sotto la forma di un big match calcistico dai tanti risvolti. Per il neo tecnico partenopeo sarà la prima volta in assoluto contro  il suo passato da avversario.I trionfi da giocatore e da allenatore al Milan non si dimenticano facilmente, per cui il buon Carletto, sicuramente sarà preso da tanto nostalgia ed emozione. Prima volta da “nemico” anche per il portiere spagnolo Pepe Reina che scenderà sul terreno di gioco del San Paolo con un’altra maglia, seppur andrà a sedersi in panchina. Per lui sicuramente ci saranno degli applausi a differenza del Pipita Higuain, considerato dalla tifoseria azzurra un traditore che per giunta ha inveito contro la sua ex squadra con cinque reti realizzate in sei partite da avversario.
Amarcord Napoli – Milan. Infine ci sarà Donnarumma originario di Castellammare di Stabia, il quale quando gioca a Fuorigrotta prova sempre un pizzico di emozione. Intanto Ancelotti, tornato in patri dopo ben none anni di esilio, nel primo esame contro la Lazio è uscito vittorioso.  Un risultato votato alla continuità del lavoro di Maurizio Sarri con qualche accorgimento in più , come Hamsik convertito in regista per ovviare alla partenza di Jorginho nonché la presenza di Milik al centro dell’attacco. Buona la risposta dell’attaccante polacco, netta la posizione di Allan che ha sottolineato le differenze in panchina tra preparazione e idee tattiche. Un  esordio rinnovato in Serie A quello di Re Carlo prossimo alla sfida più sentita, quella contro il suo  Milan dove militò da centrocampista dal 1987 al ritiro nel 1992 ma soprattutto da allenatore: 8 gli anni alla guida del Diavolo tra titoli e campioni ai suoi ordini. Ma non sarà l’unico ex di scena a Fuorigrotta nell’incrocio dal sapore amarcord.

Zeen is a next generation WordPress theme. It’s powerful, beautifully designed and comes with everything you need to engage your visitors and increase conversions.

Top Reviews

Altre storie
terra dei fuochi
Terra dei Fuochi: arrestato piromane che appiccava fuoco zona agricola