Milano: bambino di otto anni muore cadendo nel Naviglio mentre guidava bicicletta

Milano: bambino di otto anni muore cadendo nel Naviglio mentre guidava bicicletta

Milano: bambino di otto anni perde la vita cadendo nel Naviglio mentre era in sella alla sua bicicletta. Vani i soccorsi in ospedale.

Un bambino di appena otto anni di origini pachistane, è caduto, ieri a Milano, nel Naviglio, nel mentre era in sella alla sua bicicletta. Il drammatico episodio si è consumato verso le 17,15 ma il suo corpo è stato rinvenuto soltanto dopo più di un’ora dopo, sempre nel Naviglio, a circa un chilometro di distanza.

Il bambino si trovava in compagnia della madre che sedeva su una panchina del Parco, guardando il figlio pedalare con la sua bicicletta, quando ad un tratto è finito nelle acque del Naviglio di Milano, con la stessa bicicletta. Trasportato in elisoccorso all’ospedale di Bergamo, come detto, oltre un’ora dopo l’incidente, è stato ricoverato in rianimazione, dove, purtroppo è deceduto poco dopo, tra la disperazione dei genitori.

Disgraziatamente non è la prima volta che a Milano, nel Naviglio Grande a Bernate Ticino, accadono episodi del genere. Infatti, nell’agosto di un anno fa  una donna e la figlia di un anno, legata al seggiolino della bicicletta, caddero anch’esse nel Naviglio. In quell’occasione fu un medico anestesista a salvarle, entrambe, gettandosi in acqua per liberare la bambina trascinata sott’acqua dal peso della bici. La bimba rimase 40 minuti in arresto cardiaco ma, alla fine, per fortuna il cuore riprese a battere. L’anno prima, ancora un analogo  incidente, sempre  in bicicletta: un uomo, dopo essere caduto nel Naviglio all’altezza di Robecco sul Naviglio di Milano, nel tratto della pista ciclabile che costeggia il fiume, fu  trasportato in condizioni molto gravi all’ospedale. 

Ancora, due anni fa, un ragazzo di 14 anni  Michael, si tuffò nel fiume con gli amici e rimase sott’acqua per 42 lunghissimi minuti. Quando fu tirato fuori dalle acque del Naviglio, nei pressi di Castelletto di Cuggiono, le sue condizioni erano assai disperate, ma all’ospedale  san Raffaele di Milano, grazie ad una procedura estrema di assistenza meccanica del circolo, per sostenere l’attività cardiaca e le funzioni degli altri organi del quattordicenne, Michael riuscì a riprendersi. Fu quasi un miracolo.

Zeen is a next generation WordPress theme. It’s powerful, beautifully designed and comes with everything you need to engage your visitors and increase conversions.

Top Reviews

Altre storie
Clamorosa vittoria di Lollo Caffè Napoli a Pescara in gara 2 semifinale scudetto di calcio a 5
Clamorosa vittoria di Lollo Caffè Napoli a Pescara in gara 2 semifinale scudetto di calcio a 5