Home Cultura Visita al Parco Vergiliano ed alla tomba di Virgilio, sabato 9 febbraio

Visita al Parco Vergiliano ed alla tomba di Virgilio, sabato 9 febbraio

464
Visita al Parco Vergiliano ed alla tomba di Virgilio, sabato 9 febbraio, alla scoperta di un angolo particolare-1

Visita al Parco Vergiliano ed alla tomba di Virgilio, sabato 9 febbraio, alla scoperta di un angolo particolare della città di Napoli. Un appuntamento da non mancare in un luogo intriso di storia, leggenda, arte e cultura, sito dietro la chiesa di Santa Maria di Piedigrotta a Mergellina.

Sabato 9 febbraio 2019 alle ore 11 si terrà a Napoli una speciale visita al Parco Vergiliano ed alla tomba di Virgilio, poeta latino, innamorato della città partenopea. Si tratta di un vero e proprio tour per scoprire un angolo del tutto particolare situato dietro la Chiesa di Santa Maria di Piedigrotta a Mergellina. Un luogo che racchiude storia, leggenda, arte e cultura. Si potranno, così ammirare, da vicino, testimonianze molto importanti della storia che avvolge la zona dei Campi Flegrei e dell’antica Neapolis che custodisce le tombe dei due poeti che vissero a Napoli,  vale a dire Virgilio e Giacomo Leopardi.

Addentrandosi nel Parco Vergiliano si andrà alla scoperta dei suoi segreti assai affascinanti: nel Parco vi è una grotta lunga oltre 700 metri, scavata dentro  la collina di Posillipo, la quale consentiva di raggiungere, in breve tempo, Pozzuoli. Una celebre leggenda narra che questa grotta fu realizzata dal poeta latino nell’arco di una sola notte, grazie  all’aiuto degli spiriti soprannaturali. Virgilio fece in modo che fosse  orientata in maniera tale da ricevere  la luce per tutto l giorno. Qui è conservato il sepolcro del grande vate latino, posto in una costruzione funebre risalente all’età romana. Troveremo anche delle iscrizioni volute dallo stesso Virgilio prima di esalare l’ultimo respiro ed altre invece volute dal Petrarca che invita il viandante a fermarsi vicino alla Tomba.

Poco più avanti è situata anche la tomba del Leopardi posizionata nella seconda rampa della struttura durante gli anni Trenta. Il monumento conserva gelosamente le spoglie del poeta recanatese  che si spense  misteriosamente durante la sua permanenza a Napoli, il 14 giugno del 1837. Alla luce di tutto ciò sarebbe delittuoso per gli amanti delle meraviglie storico-architettoniche-naturalistiche, non approfittare di questa grande occasione per una visita al Parco Vergiliano assolutamente entusiasmante.

Rispondi