Home Attualità Vito Pagnotta, di Serrocroce, brand di birra artigianale dell’Alta Irpinia

Vito Pagnotta, di Serrocroce, brand di birra artigianale dell’Alta Irpinia

851
Vito Pagnotta, di Serrocroce, brand di birra artigianale dell'Alta Irpinia-3
Vito Pagnotta.

Vito Pagnotta, di Serrocroce, brand di birra artigianale che ha profonde radici in Alta Irpinia, nello storico borgo medievale di Monteverde.

Vito Pagnotta, imprenditore 40enne di birra artigianale, di Monteverde (AV), conserva fieramente il DNA guerriero dei suoi avi Irpini, antica popolazione italica preromana, e lo dimostra attivamente nel suo lavoro: “Produciamo birra valorizzando le materie prime delle nostre terre ed al tempo stesso promuoviamo la bellezze di questo territorio.” Pagnotta, titolare del brand Serrocroce, appassionato artefice del successo di questo ottimo prodotto Made in Campania: “Il progetto Serrocroce, nasce, non solo grazie ad una formazione intrapresa in Italia, ma anche all’estero. Infatti nella fase iniziale della mia carriera imprenditoriale, successivamente ai miei studi universitari in Agraria, ho trascorso ben 6 mesi in Belgio dove ho appreso tantissimo e scoperto quanto impegno occorre profondere per realizzare una buona birra.”

Vito Pagnotta fa parte della terza generazione di un’azienda agricola, sita nel cuore dell’Alta Irpinia, impegnata dal 1969 nella coltivazione di cereali: “Ho preso le redini dell’azienda, ufficialmente nel 2011, alla quale ho voluto dare il nome di Serrocroce, la collina più alta del paese di Monteverde. Un’altura che domina le valle e sulla cui sommità svetta una croce. Dalla collina è possibile godere di un panorama mozzafiato ed è anche l’unico punto dal quale è possibile vedere tutta l’azienda: sia i campi che lo stabilimento.”

Vito Pagnotta, di Serrocroce, brand di birra artigianale dell'Alta Irpinia-2

Si è parlato anche di Web con Vito Pagnotta: “Crediamo moltissimo nella Rete, nella sua capacità di annullare le distanze, di informare l’utenza sulle caratteristiche del prodotto, e di indirizzarsi a pubblici multinazionali ed eterogenei”.

Il brand Serrocroce ha collezionato importanti premi oltre che traguardi, nel corso degli anni. La birra Granum, birra artigianale caratterizzata da un mix di grani antichi tipici del territorio, nel 2017 ha vinto il premio “Luppolo d’oro” nel concorso “Best Italian Beer“. La birra “Chiara” invece, nel 2018, ha vinto il premio “Luppolo di bronzo“: “Per noi fare birra, vuol dire fare promozione culturale a tutto tondo del territorio, coinvolgendo i nostri clienti in veri e propri percorsi turistici in azienda, che consentono alle persone di calarsi full immersion nelle innumerevoli bellezze naturali delle nostre lande, oltre che entrare in contatto con le maestranze grazie alle quali è possibile produrre un prodotto di sempre crescente livello.”

Auguriamo a Vito Pagnotta di conservare sempre le grandi motivazioni ed il grande pàthos, che abbiamo riscontrato nel corso della nostra intervista.

Rispondi