Home Cultura O scetavajasse, strumento a percussione, usato anticamente per richiamare le serve

O scetavajasse, strumento a percussione, usato anticamente per richiamare le serve

188
Tempo di lettura: 2 minuti
O scetavajasse, strumento a percussione, usato anticamente per richiamare le serve-1

O’ scetavajasse, strumento a percussione, classico del folklore delle feste popolari del sud Italia, veniva, anticamente, usato per richiamare all’ordine le domestiche di casa. I conoscitori di musica, certamente ne avranno sentito parlare, in quanto molto in voga nelle popolazioni del nostro Mezzogiorno.

O’ scetevajasse, era un vecchio strumento a percussione, non molto conosciuto, che veniva utilizzato durante le feste folkloristiche popolari nel sud della nostra penisola. Gli esperti ed i conoscitori di musica, di certo, ne avranno sentito parlare, tramandato di generazione in generazione dagli abitanti del Mezzogiorno italico. Tuttavia, ironia della sorte, o scetavajassse, ancor prima che nella musica, affonda le sue origini nell’uso domestico. Infatti il termine con cui si indicava tale strumento derivava dal fatto che sta a significare in italiano, sveglia domestica.
O scetavajasse, strumento a percussione, usato anticamente per richiamare le serve-2
O’ scetavajasse.
Sfregando tra loro i due bastoni di cui è fatto questo mezzo di comunicazione si usava richiamare l’attenzione della serva. Però vajassa, in lingua napoletana, non sta a  significare semplicemente  domestica, ma sta ad indicare quelle delle peggiore specie, una sorta di donne, cosiddette di  di facili costumi, dedite ai piaceri più lussuriosi e promiscui. Appunto, per questo motivo le serve dovevano essere richiamate al dovere  dal loro padrone, per cui quest’ultimo per mezzo dello scetavajasse chiamava a sé la domestica intenta a fare altro.
Tornando, invece, nell’ambito della musica possiamo affermare che 0′ scetavajasse è uno strumento composto da due bastoni di legno, di cui uno dentellato e più lungo, avente dei piattini di latta su uno dei suoi lati. Esso, normalmente, si tiene nella mano destra e sfregando con gran forza sull’altro bastone si  produce un suono ritmico e intenso chiamato  nfrunfrù, che  rievoca, a sentire gli esperti, il suono delle onde del mare; l’altro bastone, più piccolo e liscio, viceversa viene tenuto sulla spalla alla stregua di un violino. La grande  fragilità del materiale con il quale veniva costruito lo strumento ha purtroppo  causato la sua graduale scomparsa. Oggi il termine scetavajasse sta a significare dare uno schiaffo così forte a qualcuno da farlo, finalmente, risvegliare definitivamente.

Rispondi