Home Cultura Elvira Brunetti curatrice a Napoli di una conferenza sull’arte giapponese

Elvira Brunetti curatrice a Napoli di una conferenza sull’arte giapponese

496
Tempo di lettura: 2 minuti
Vomero la Prof.ssa Elvira Brunetti curatrice di una conferenza sul Giappone

Elvira Brunetti l’apprezzata studiosa è curatrice a Napoli di una conferenza sull’arte e la cultura del Giappone, tenuta nell’aula magna della chiesa di S. Maria della Libera in via Belvedere 

Elvira Brunetti dedica la conferenza al suo grande ed immenso amore, il Giappone. Il suo interesse per il Paese del Sol Levante e per la cultura nipponica nasce grazie allo studio sugli Impressionisti francesi. Infatti importanti artisti francesi, Monet, Manet, Degas, e Gauguin, hanno tratto ispirazione per la propria arte perché affascinati, catturati e stregati dalle stampe giapponesi e dai loro nuovi, brillanti e vivaci colori. Così inizia ad osservare con particolare attenzione Hiroshige, Hokusai, Utamaro, che riescono, in modo delicato e semplice, con pochi tratti, a delineare figure deliziose, paesaggi incantati, quasi fiabeschi, e da quel momento decide di seguire le loro mostre.
La scorsa primavera, durante la famosa e magica fioritura dei Ciliegi, Elvira Brunetti decide d’ intraprendere, da sola, un viaggio in Giappone, per ammirare di persona quella terra che la prende così tanto. Sono giorni che arricchiscono la sua anima e che le lasciano dentro anche molte domande.

Attraverso i toccanti racconti della relatrice e le numerose e sensazionali foto mostrate, abbiamo anche noi del pubblico, attraversato la città di Tokyo con lo Shinkansen, treno ad alta velocità, assaporato la cucina locale, ammirato la meravigliosa Kyoto, antica capitale e sede del favoloso “ Padiglione d’oro” specchiante in un grande lago navigabile. Abbiamo percorso il lunghissimo tunnel di porte torii, rosso fuoco, del celeberrimo santuario shintoista di Fushimi Inari e goduto, nel silenzio più profondo, di paesaggi unici e straordinari.

elvira brunetti -cerimonia del te'
cerimonia del tè

La studiosa, descrive nel dettaglio le fasi e il significato della emozionante e spirituale cerimonia del tè, una pratica anzi un rito diffusissimo, basato su 4 principi: armonia, rispetto, purezza e tranquillità. Questi principi non riguardano soltanto il rapporto tra i partecipanti alla cerimonia, e in particolare tra ospite e invitato, ma anche gli oggetti utilizzati e la scelta del cibo che viene consumato prima del tè.

Infine è doveroso da parte di Elvira Brunetti ricordare la commovente visita al Parco del Memoriale di Hiroshima, luogo che mostra le atrocità di cui è capace l’uomo, ma anche la forza di un popolo, quello giapponese, che davanti ad una così grande tragedia, ha saputo coraggiosamente rialzarsi.

Rispondi