Home Attualità Napoli egizia: innumerevoli sono i misteri e le storie da scoprire

Napoli egizia: innumerevoli sono i misteri e le storie da scoprire

785
Napoli egizia -La città di Napoli e la sua antica tradizione esoterica egizia
Napoli egizia -Arpocrate, dio egizio del silenzio.

Napoli egizia:  La città partenopea fin dalla sua fondazione è fortemente legata a molte forme di esoterismo, frutto di apporti sapienziali, ermetici e formativi, che provenivano dall’antico Egitto.

Napoli egizia: Napoli e la sua antica  tradizione esoterica egizia rappresentano l’omphalos ovvero le suggestioni, ed il crocevia delle Iniziazioni Ermetiche mediterranee. Il capoluogo partenopeo, infatti, fin dalla sua nascita, è fortemente attaccata a diverse forme di esoterismo, in virtù di apporti sapienziali, ermetici e formativi provenienti dall’antica civiltà egiziana, passando anche per la Pitagorica Schola Italica e supportati da tesi cabalistiche tramandate col tempo da ebrei stanziatisi nel golfo di Napoli. In realtà nella metropoli campana si generò la forma più importante e strutturata della Massoneria durante il Regno dei Borbone.

La città di Napoli e la sua antica tradizione esoterica egizia-2
Statua del dio Nilo, Napoli.

Napoli fashion on the road, celebra le radici egizie di Napoli

Napoli egizia: La massima espressione del Pensiero Ermetico, nel Regno di Napoli, nel corso del diciottesimo secolo, si ebbe con Don Raimondo di Sangro Principe di San Severo, uno dei più illustri pensatori di tutta Europa.

La città di Napoli e la sua antica tradizione esoterica egizia-3
Egitto, Iside che allatta Arpocrate, I sec a. C.- IV d.C.

Questi, grazie al suo grande acume speculativo, si dedicò all’Alchimia ed alla Santa Scienza, attraverso un percorso significativo e ricco di sviluppi, che ben presto lo collocarono alla guida della prestigiosa Massoneria Napolitana, con l’Altissima Dignità di Gran Maestro. La sua spasmodica ricerca del vero e l’abitudine a plasmare materiali e sostanze, lo condussero ad imprimere al prossimo le sue tesi.

La città di Napoli e la sua antica tradizione esoterica egizia-5
“Madonna con Bambino” di Massimo Stanzione.

D’altronde Napoli ha una storia sotterranea e parallela, che comincia con l’arrivo degli Alessandrini in città tra il II e III secolo d. C, come si evince dalla presenza della statua del Nilo nel largo del Corpo di Napoli al centro storico.

La città di Napoli e la sua antica tradizione esoterica egizia-4
Statua di Arpocrate, Louvre, Parigi.

Qui  si insediarono molti egiziani provenienti da Alessandria d’Egitto; una colonia composta da viaggiatori, mercanti e schiavi che  portò  culti e tradizioni esoteriche la cui eco si sarebbe fatta sentire anche nei secoli a venire, fino ai giorni nostri. Napoli e la sua tradizione esoterica egizia fondano le basi sull’idea del silenzio, specialmente nel Silenzio iniziatico, che trovò la sua personificazione nella figura del dio egizio Arpocrate, figlio di Iside ed Osiride. L’immagine di Iside che allatta il figlio ispirò, secondo numerosi studi, i Copti nell’iconografia della Vergine con il bambino.

Il significato attribuito al gesto del silenzio di Arpocrate era quello di una sorta di  ammonimento rivolto a coloro iniziati ai sacri Misteri, affinché non divulgassero i segreti connessi ai riti iniziatici. Dunque  Napoli, con le sue correnti secolari di movimenti esoterici, ancora oggi, è certamente magica, misteriosa ed ovviamente affascinante.

Napoli egizia

 

Rispondi