Home Cronaca locale Parco regionale dei Monti Picentini, un’area naturale protetta che comprende due province:...

Parco regionale dei Monti Picentini, un’area naturale protetta che comprende due province: quella di Salerno e di Avellino

360
Tempo di lettura: 2 minuti
Parco regionale dei Monti Picentini, un'area naturale protetta che comprende due province quella di Salerno e di Avellino

Parco regionale dei Monti Picentini, un’area naturale protetta che comprende due province: quella di Salerno e quella di Avellino. Istituito nel 1995 e definito terra di Santi e Briganti, si snoda in una zona calcareo-dolomitica fra le provincie del salernitano e dell’avellinese. La vetta più alta è il Monte Cervialto con i suoi 1809 metri, seguono il Monte Polveracchio (1.790 m) ed il Monte Terminio (1.786 m). 

Il Parco regionale dei Monti Picentini è una bellissima area naturale protetta della regione Campania fondato nel lontano 1995  che si snoda tra due province: quella di Salerno e quella di Avellino. Fanno parte di questo magnifico Parco l’Oasi naturale del Monte Polveracchio, lOasi naturale Valle della Caccia che termina nella Provincia di Avellino e l’Oasi Wwf Monte Accellica. Definito come la terra dei Santi e dei Briganti il Parco regionale dei Monti Picentini svaria tra il monte Cerviato, ovvero la vetta più alta con i suoi 1809 metri, il monte Polveracchio, 1790 ed il monte Terminio, alto 1786 metri. Un territorio assolutamente montuoso di grande estensione, che comprende la più vasta distesa forestale ed il più ricco serbatoio di acqua potabile di tutto il meridione d’Italia. L’area, per la cronaca, si estende su una superficie di ben 65.000 ettari.

Gran parte dell’area protetta è coperta da faggete, tuttavia, troviamo anche altre formazioni boschive come il cerro, l’acero, il castagno, il pino nero. Fra la fauna è assai diffuso il lupo, la volpe, il gatto selvatico, il cinghiale, l’allocco, la coturnice, l’aquila reale, la poiana, il picchio nero, il falco pellegrino e la salamandra. le vipere l’aspide. La ricchezza della fauna di quei  luoghi, e la flora lussureggiante ottima per gli amanti del  trekking, arricchiscono il territorio gestito da secoli secondo i ritmi naturali, lontano dallo stress di città. Il Parco regionale dei monti Picentini sta per diventare una meta molto gettonata da parte di turisti ed escursionisti che amano scoprire le caratteristiche e le meraviglie di luoghi ancora incontaminati. Il Parco offre ai propri visitatori due tipologie di itinerari: quello prettamente sportivo e quello dedicato alla vasta enogastronomia dell’intero territorio dell’Appennino Campano.

Rispondi