Home Cronaca locale Vico esclamativo, voci dal rione Sanita, il primo libro di Chiara Nocchetti...

Vico esclamativo, voci dal rione Sanita, il primo libro di Chiara Nocchetti edito dalla nascente casa editrice napoletana San Gennaro

549
Tempo di lettura: 3 minuti
Vico esclamativo, voci dal rione Sanita, il primo libro di Chiara Nocchetti edito dalla nascente casa editrice napoletana San Gennaro

Vico esclamativo, voci dal rione Sanità, il primo libro di Chiara Nocchetti, edito dalla nascente casa editrice napoletana San Gennaro. La presentazione dell’opera si è tenuta domenica scorsa nel  giardino del Museo archeologico Nazionale della città partenopea. L’evento, a cui potevano partecipare tutti, è stato allietato da spettacoli musicali a cura dell’orchestra giovanile Sanitansemble e da letture di brani curati dai ragazzi del Nuovo Teatro Sanità. 

Enorme successo per la presentazione del nuovo libro della scrittrice Chiara Nocchetti, dal titolo Vico esclamativo, voci dal rione Sanità, edito dalla nascente casa editrice napoletana San Gennaro. L’evento ad ingresso gratuito, si è svolto al Museo Mann della città partenopea ed è stato allietato da spettacoli musicali curati dall’orchestra giovanile Sanitansemble, nonchè da letture declamate dai ragazzi del Nuovo Teatro Sanità. Per la cronaca la neo casa editrice fondata in un rione il quale, ultimamente, ha dimostrato la capacità di rinascere dalle proprie stesse ceneri, si pone lo scopo di far da tramite con il quartiere per crescere sempre di più. Vico esclamativo è già nelle librerie di Napoli e di tutta Italia da qualche giorno.
Oltre all’autrice del libro sono intervenuti alla presentazione: Carlo Borgomeo, presidente della Fondazione Con il Sud, Edgar Colonnese, direttore editoriale di Edizioni san Gennaro, Paolo Giulierin, direttore del museo archeologico nazionale, Antonio Loffredo, parroco del rione Sanità Adolfo Russo, vicario episcopale per la cultura e Paolo Verri, direttore Matera 2019 e, in qualità di moderatore Ottavio Ragone, caporedattore del quotidiano  La Repubblica Napoli. In realtà la casa editrice San Gennaro rappresentano un nuovo mezzo a disposizione  della comunità, un neo canale per mezzo del quale diffondere bellezza, storia e tradizioni, una sorta di spazio aperto nel quale  le giovani risorse saranno coadiuvate da professionisti del mondo editoriale in un più ampio percorso che costituisce  un approccio tradizionale, dell’editoria cartacea. sempre più sopraffatta dal digitale.

Vico esclamativo, voci dal rione Sanita, il primo libro di Chiara Nocchetti edito dalla nascente casa editrice napoletana San Gennaro-2

L’obiettivo delle Edizioni San Gennaro è quello di proporre  sei collane di  libri che spazieranno su  Saggistica, biografia e memorie; Fotografia; Repȇchage di autori di qualche anno fa, in formato tascabile; Guide storico artistiche; Narrativa; Libri per ragazzi. La fondazione di una casa editrice, peraltro, nel rione Sanità sta ad avvalorare  un completamento di  un lungo percorso di rinascita. Vico esclamativo, voci dal rione Sanità comprende  25 storie narrate  in prima persona che sono state postate, settimana dopo settimana, sulla pagina Facebook e sul sito delle Catacombe di Napoli, raggiungendo ben due milioni e mezzo di lettori. Si tratta di  venticinque voci diverse che s’intersecano e si rivelano uguali, incredibilmente vicine e complementari le une alle altre. Il filo conduttore  che unisce tutte le storie è un grandissimo  senso di speranza, che si evince  da ogni pagina: si tenta di far capire al lettore che, pur cadendo, ci si può rialzare, accettando le proprie debolezze ed imparando ad amare se stessi, il prossimo e naturalmente la propria terra.
Questo libro è senza dubbio scaturito da un esplicito desiderio: quello di tessere un lungo filo che incrociasse le storie di coloro che quotidianamente, hanno deciso di vivere questi luoghi e di trasformarli cercando di raccontare ciò che si nasconde dietro un volto, uno sguardo, o una stretta di mano. Ovviamente si tratta di un iter lungo e doloroso, ma nello stesso tempo, tenero ed assai emozionante, come una strada accidentata che si trova  nel territorio più fragile di tutti: quello delle vite altrui.

Rispondi