Home Cultura O Muzzunaro: il più povero tra gli antichi mestieri di Napoli

O Muzzunaro: il più povero tra gli antichi mestieri di Napoli

856
Tempo di lettura: 2 minuti
O muzzunaro archivio web

O Muzzunaro, il raccoglitore di mozziconi. Questo mestiere, effettuato essenzialmente per il bisogno di sopravvivere alla grande povertà, veniva svolto per lo più da scugnizzi di strada o da anziani indigenti.

O Muzzunaro: il più povero tra gli antichi mestieri di Napoli. La figura allora caratteristica e riconoscibile di O Muzzunaro, girava per tutta la città,  dall’ imbrunire a notte fonda, munito di un lanternino e una cesta, stazionando per le strade di maggior passeggio ed in special modo dove sorgevano i teatri come Il grande San Carlo. Tanti sono gli antichi mestieri di Napoli, figure singolari come ad esempio o’ franfelliccaro, di cui abbiamo scritto qualche tempo fa, che con il suo carrettino, su cui vi erano una pentola, un fornello ed un tavolo di marmo avente da un lato infisso un palo che terminava con un grosso chiodo d’ottone, sostava quà e là di tanto in tanto per trasformare la melassa, sciropposo derivato dalla lavorazione delle barbabietole, in due chicche dolcissime, profumate.

O Muzzunaro solitamente vestito in modo povero e dismesso, utilizzava per il suo mestiere un bastone munito di spillo e con gli occhi sempre bassi rivolti al terreno, raccoglieva tutti i mozziconi, maggiormente di sigaro, che trovava sul selciato. Anche i locali pubblici, dove si poteva fumare, rappresentavano per O muzzunaro, una vera e propria manna, in quanto si riuscivano a raccogliere non pochi mozziconi sia di sigarette che di sigari.

Al tempo le sigarette erano prive di filtro, per cui il mozzicone aveva una quantità maggiore di tabacco

A lavoro ultimato, O muzzunaro lavorava il “raccolto” che veniva selezionato e sbriciolato recuperando la parte di tabacco non bruciato,  sistemata poi  in barattoli di latta, in attesa di essere rivenduta per pochi centesimi a chi non aveva la possibilità di comperare il tabacco, molto costoso in vendita nelle tabaccherie dell’epoca, o a ditte che lo lo avrebbero riutilizzato per la produzione di sigarette di scarsa qualità ma molto più economiche.

 

Rispondi