Home Sport Lotta greco-romana, una disciplina olimpica che sta riscuotendo un buon successo

Lotta greco-romana, una disciplina olimpica che sta riscuotendo un buon successo

659
Tempo di lettura: 2 minuti
Lotta greco-romana

Lotta greco-romana, una disciplina olimpica che sta riscuotendo un buon successo. Si differenza della lotta libera perché non è consentito  eseguire tecniche di atterramento o ribaltamento che permettono colpi alle gambe. Si tratta di un vero e proprio  sport gestito da una sola federazione, la U.W.W.  che sta per United World Wrestling. Lo scopo principale di questa disciplina consiste, lottando in piedi, nel portare al tappeto l’avversario. Astro nascente della lotta greco romana, Giovanni Freni, appena ventenne, è il detentore del titolo mondiale.

La lotta greco-romana è una disciplina olimpica, assieme alla lotta libera, tuttavia si differenzia da quest’ultima dal momento che non è consentito eseguire tecniche di atterramento o ribaltamento che permettono colpi alle gambe. Per la cronaca si tratta di un vero e proprio sport gestito da una sola Federazione, la U. W.W. che sta per United World Wrestiling. Lo scopo principale di questa disciplina consiste, lottando in piedi, nel portare al tappeto l’avversario che si ha di fronte. La lotta greco-romana, come del resto quella a stile Libero contempla due fasi: lotta in piedi e lotta a terra. Nello specifico, la lotta in piedi, detta clinch, consente  l’utilizzo di varie  tecniche di proiezione ed atterramento, in relazione  allo squilibrio dell’avversario che viene creato nel corso della schermaglia.

Lotta greco-romana 2

 

Lotta greco-romana. Durante il combattimento occorre gettare le basi per l’applicazione delle tecniche di proiezione o atterramento. Queste scaturiranno dalla ricerca di una buona presa sull’avversario e, nello stesso tempo dall’applicazione di finte atte a provocare lo squilibrio dell’altro. Viceversa, la lotta a terra non è altro che la continuazione di un’azione iniziata in piedi. Pure la lotta a terra si affida a diverse tecniche atte al ribaltamento, al controllo ed al dominio del contendente. In virtù della loro abilità nella lotta greco-romana, molti  atleti sono riusciti a raggiungere fama e gloria nelle arti marziali miste.
Astro nascente di questa particolare disciplina olimpica, Giovanni Freni, atleta torinese minuto ma agile, di soli venti anni, è il detentore del titolo mondiale. Inoltre malgrado la giovane età è stato capace di conquistare anche due bronzi europei ed a sfiorare il titolo continentale, nel campionato europeo di Roma. Probabilmente l’emozione gli ha giocato un brutto scherzo, per lui soltanto l’argento. Giovanni Freni nel suo dna aveva la lotta greco- romana, già piccolissimo iniziò a lottare nella Polisportiva Carignano, sulle orme del padre. Dimostrò fin da subito il suo grande talento, oggi questa sua passione è divenuta un lavoro, infatti il giovane è entrato a far parte del Gruppo Sportivo delle Fiamme oro.

Rispondi